• Abbonati
A milano

Caro vita, Federconsumatori: “Rincari non giustificati, nemmeno dalla guerra”

Nella giornata di venerdì 10 giugno il presidio a Milano e in tutta Italia

Anche Federconsumatori Bergamo ha partecipato nella mattina di venerdì 10 giugno al presidio riuscito delle Associazioni dei consumatori in corso Monforte a Milano, contro il carovita ed il caro energia.

Nell’ambito della protesta a livello nazionale le rappresentanze delle varie associazioni di consumatori si sono ritrovate per chiedere con forza che il Governo si confronti su prezzi, tariffe e politiche di sostegno; perché non ci si limiti ad azioni sporadiche, ma si realizzino interventi strutturali di contenimento dei prezzi e lotta alle speculazioni che colpiscono principalmente i soggetti fragili della nostra società.

“Non si possono più tollerare incrementi inflattivi e bollette rincarate in modo assurdo e senza reali motivazioni – commenta Christian Perria, presidente di Federconumatori Bergamo – che pesano sui nuclei familiari in maniera inaccettabile. Anche nella nostra sede vediamo cittadini preoccupati dall’aumento vertiginoso e a volte insostenibile delle bollette di gas e luce. Per le famiglie più deboli, per le pensionate ed i pensionati la normalità della vita viene messa in discussione a causa di rincari non giustificati, nemmeno dalla grave situazione internazionale causata dall’aggressione della Russia verso l’Ucraina. Un ruolo determinante lo possono svolgere le Prefetture che, come fatto durante il grave periodo della pandemia e lockdown, possono essere presidio della legalità sul territorio”.

Questo hanno chiesto le associazioni nell’incontro avuto con la rappresentante del Prefetto, a cui sono state consegnate le rivendicazioni e a cui sono state spiegate le ragioni della nostra protesta.

“Anche stavolta abbiamo riscontrato grande interesse e propositività da parte della Prefettura milanese – chiude Perria – Valutiamo l’incontro molto positivo e crediamo che possa essere solo un primo passo per un confronto costante e costruttivo. Un ringraziamento alla Cgil tutta per l’adesione alla nostra protesta/proposta e la partecipazione attiva. La giornata di oggi ha dimostrato la determinazione di chi tutela e difende i cittadini.

La nostra azione continuerà come sempre sul territorio, nei nostri sportelli, con i nostri volontari per la tutela di chi ne ha bisogno”.

Ora la palla va alle Istituzioni, prima fra tutte il Governo, chiamate al confronto con le Associazioni dei consumatori.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI