• Abbonati
Qualità della vita

Bergamo più a misura d’anziano, ma per un giovane è meglio di Milano

Dopo gli anni bui della pandemia torna a salire la speranza di vita, ma sui più fragili pesano la mancanza di medici e infermieri. L’indagine del Sole 24 Ore

Fanno sempre discutere le classifiche che Il Sole 24Ore pubblica ogni anno sulla qualità della vita, declinate per fasce d’età: bambini, giovani e anziani. Ad esempio: che Bergamo potesse risultare più “a misura di giovane” di Milano, città universitaria e cospomolita per eccellenza, l’avreste mai detto? Probabilmente no.

Molto, ovviamente, dipende dalla scelta dei parametri analizzati: in questo caso, l’imprenditorialità giovanile (andando, per esempio, a vedere il numero delle imprese con titolare under 35 sul totale di quelle registrate, ma anche delle attività che fanno e-commerce), il numero di laureati, di amministratori comunali sotto i 40 anni in rapporto alla popolazione, i canoni di locazione e il gap tra un affitto in centro e in periferia nelle città capoluogo; ma anche il numero di bar e discoteche ogni 10 mila abitanti tra i 18 e 35 anni, delle aree sportive a loro disposizione, fino al numero di matrimoni celebrati e l’età media in cui si hanno figli per la prima volta (parametri che, inevitabilmente, non interessano allo stesso modo tutte le persone).

In totale, sono 12 indicatori: per ciascuno, mille punti vengono assegnati alla provincia con il valore migliore, zero a quella peggiore. Per le altre province, il punteggio si distribuisce in funzione della distanza rispetto agli estremi (1000 e 0). La classifica finale è il risultato della media dei punteggi conseguiti.

Prendendo i numeri con le dovute precauzioni, gli spunti di riflessione non mancano. Bergamo, nella classifica generale, si piazza al 36° posto su 107 (al primo troviamo Piacenza, addirittura al 95° Milano e all’ultimo Sud Sardegna). L’indicatore che balza subito all’occhio è quello sul tasso di disoccupazione giovanile: al 4,9% tra i 15 e i 34 anni. Nessuno fa meglio di Bergamo, che al contrario, paga dazio per l’eccessiva differenza per il canone medio di un bilocale in centro o in periferia: 93° posto.

 

dati Sole

 

Eppure, i dati parlano di una Bergamo più a misura di anziano che di giovane, visto che in quest’altra classifica si piazza in 20esima posizione (prima Cagliari con Pistoia fanalino di coda). Merito – anche – della risalita alla voce “speranza di vita”, dopo gli anni bui della pandemia (è appena fuori dalla top 10, all’undicesimo posto per numero medio di anni vissuti). A fare da contraltare sono il basso numero di medici specialisti (92° posto) e infermieri (94°) in rapporto alla popolazione anziana, decisamente infastidita dall’inquinamento acustico visto il numero di esposti presentati (100° posto): vuoi per la presenza di fabbriche, cantieri, strade – e anche cieli – un po’ troppo trafficati.

 

Dati sole

 

E i bambini? Secondo l’inchiesta de ‘Il Sole’, Bergamo è la 30esima provincia per qualità della vita (prima Aosta, ultima Napoli). Tra gli altri, vengono analizzati i seguenti parametri: tasso di fecondità – ovvero il numero di figli per ogni donna -, percentuale di edifici scolastici con mensa, asili nido e aree verdi attrezzate con possibilità di fare sport. Se il territorio brilla per l’accessibilità delle scuole, ben il 53,6% è senza barriere (2° posto), le criticità sono da ricercare sempre nell’ambito sanitario: a mancare, questa volta, sono i pediatri (99° posto).

 

Dati sole

 

Ad ogni modo, tra alti e bassi – ed è questa la buona notizia – Bergamo si piazza sempre e comunque nel primo terzo della classifica, che si tratti di bambini, giovani o anziani (non tutte le altre province lombarde ci riescono). In Italia, l’unica che conquista un posto in tutte le tre top ten è Trento, seguita da Parma che resta sempre tra le prime quindici posizioni.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
leggi anche
porta san giacomo (Dal libro Alle porte di città alta)
L'indagine
Qualità della vita: Bergamo brilla per bassa disoccupazione giovanile e scuole accessibili
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI