Osio sopra

Bimbi ustionati all’asilo: la Procura dispone un accertamento sul bioetanolo

I vigili del fuoco del Nucleo Investigativo Antincendio chiamati ad analizzare il prodotto. Acquisiti anche i filmati delle telecamere nei pressi della materna: i tre papà sarebbero entrati portando la pentola usata per abbrustolire i marshmellows

Osio Sopra. Gli esperti del Nia, il Nucleo Investigativo Antincendio dei vigili del fuoco, sono stati incaricati dalla Procura di effettuare un accertamento tecnico sul bioetanolo utilizzato durante l’attività di orienteering alla scuola materna San Zeno di Osio Sopra.

Dopo un sopralluogo nel giardino dell’asilo, teatro lo scorso lunedì di un incidente che ha provocato il ferimento per ustione di cinque bambini e tre adulti, verrà analizzato l’accelerante, i tempi di combustione, quelli di evaporazione. Infine, se sarà necessario e il pubblico ministero Silvia Marchina lo richiederà, potrebbe essere disposta anche una simulazione in laboratorio di quanto avvenuto il 30 maggio, ricreando le esatte condizioni di quella mattina: stesso grado di umidità dell’ambiente, stesse condizioni atmosferiche, stessa presenza o meno di vento.

Per abbrustolire i marshmellows i papà hanno realizzato un cerchio di sassi all’interno del quale è stata sistemata una pentola con dentro altre pietre, sulle quali è stato spruzzato del bioetanolo per creare la fiamma necessaria a scaldare le caramelle.

La pentola, in base ai filmati delle telecamere installate nei pressi della struttura di via Montessori e acquisite dagli inquirenti, sarebbe stata portata all’interno della scuola dell’infanzia dai tre papà che partecipavano all’attività. Uno di loro, quello che ha materialmente spruzzato l’accelerante senza accorgersi della presenza di focolai, è ufficialmente indagato.

Secondo chi indaga, pare che ad aprire loro la porta sarebbe stata proprio la coordinatrice pedagogica della materna Simonetta Nava, che ha dichiarato di non aver autorizzato l’accensione di fuochi all’interno della scuola.

La Procura è impegnata anche nella verifica dei ruoli rispetto all’organizzazione dell’asilo: chi ricopriva la posizione di garanzia? Chi era il responsabile della sicurezza?

L’inquadramento giuridico è particolarmente complesso e gli inquirenti stanno lavorando per raccogliere il maggior numero di elementi utili a fare chiarezza sulle responsabilità.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Osio Sopra, bimbi ustionati all’asilo
A osio sopra
Bimbi ustionati all’asilo, il papà indagato ammette di aver portato il bioetanolo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI