Bergamo

Trenta alunni della primaria De Amicis alla festa dell’educazione alimentare di Roma

Presenti anche alcune alunne ucraine nei loro abiti tradizionali, a sottolineare l'importanza della pace

Bergamo. Anche 30 alunni della scuola primaria De Amicis di Bergamo, accompagnati da genitori e insegnanti, hanno preso parte alla seconda edizione della Festa dell’educazione alimentare e della Pace organizzata dalla Coldiretti a Villa Celimontana, a Roma. Con loro centinaia di bambini da tutta Italia. Per l’occasione la prestigiosa villa romana è stata trasformata in una maxi fattoria per aiutare i piccoli ospiti a superare stress e ansia provocati dalla guerra e dalla pandemia con il gioco e la vita all’aria aperta a contatto con la natura.

Presenti anche alcune alunne ucraine con i loro abiti tradizionali, che hanno rappresentato il loro Paese e l’importanza della pace.

“Dopo la pandemia e l’emergenza della guerra in corso – sottolinea Maddalena Dasdia, dirigente dell’istituto comprensivo De Amicis di Bergamo -, un’iniziativa di questo genere ci dà la misura di quanto voglia ci sia di tornare alla normalità. I bambini hanno manifestato il bisogno di stare all’aria aperta e di fare attività con la natura oltre che di parlare di alimentazione. Queste tematiche sono ormai entrate a pieno titolo nella nostra scuola e durante l’anno scolastico ci hanno consentito di lavorare in collaborazione con le associazioni del territorio”.

L’appuntamento promosso da Coldiretti ha avuto anche l’obiettivo di sostenere le famiglie nel tentativo di restituire ai propri figli una serenità messa a dura prova dalle difficoltà degli ultimi tempi.

“Per noi è stato importante essere presenti alla seconda edizione della festa dell’alimentazione e della pace – spiega il direttore di Coldiretti Bergamo Carlo Loffreda -. È stato un modo per dare seguito al percorso didattico sullo sviluppo sostenibile e l’educazione alimentare che abbiamo proposto durante l’anno scolastico in oltre 50 scuole della provincia e anche per sostenere un bene prezioso come la pace. Un approfondimento che può continuare nelle 37 fattorie didattiche della provincia anche durante i mesi estivi”.

Nelle fattorie didattiche – spiega Coldiretti Bergamo – si impara “facendo”, attraverso esperienze pratiche e dirette, come seminare, raccogliere, trasformare e manipolare. Le attività proposte sono tantissime: i più piccoli vanno alla scoperta del mondo delle api, dell’orto sensoriale e della pet therapy, si prendono cura degli animali, senza dimenticare i laboratori del gusto.

La Festa dell’Educazione Alimentare e della Pace è stata premiata con la Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Tra gli ospiti presenti Ettore Prandini, presidente di Coldiretti; Chiara Bertolas, delegata nazionale di Donne Impresa; Luigi Di Maio, Ministro degli Esteri; Stefano Patuanelli, Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali; Maurizio Martina, Vice Direttore Generale Fao; Manuela Di Centa, campionessa olimpica e dirigente sportiva; Luigi Mastrangelo, sportivo ex pallavolista.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI