Quantcast
Ospedale di San Giovanni Bianco, nuova ditta per il servizio mensa - BergamoNews
La novità

Ospedale di San Giovanni Bianco, nuova ditta per il servizio mensa

L’azienda assumerà tutte le lavoratrici che potranno tornare a ricevere regolarmente lo stipendio

San Giovanni Bianco. Una nuova ditta per la gestione del servizio e la certezza dello stipendio. Così si conclude la vicenda delle lavoratrici della mensa dell’ospedale di San Giovanni Bianco, che da inizio anno temevano per il proprio posto di lavoro, visto il mancato pagamento degli stipendi di febbraio e marzo. Situazione dovuta dalla richiesta di concordato in bianco da parte della Siarc, azienda di ristorazione di Catanzaro, attualmente in amministrazione controllata, che in quel momento aveva l’incarico di gestire il servizio mensa del presidio ospedaliero della Val Brembana.
Dopo il pagamento, la scorsa settimana, di una delle mensilità arretrare alle lavoratrici della mensa da parte della ditta uscente, l’ASST Papa Giovanni ha comunicato, mercoledì 25 maggio, la risoluzione positiva della vicenda.

“È stata trovata una soluzione alla vicenda delle dipendenti del servizio mensa all’ospedale di San Giovanni Bianco – si legge in una nota dell’Azienda- . L’ASST Papa Giovanni ha infatti individuato in tempi stretti, a seguito di procedura, una nuova ditta, che subentrerà alla precedente da venerdì 27 maggio 2022, assumendo tutte le lavoratrici che potranno così tornare a ricevere regolarmente lo stipendio. Tutto ha avuto inizio con le difficoltà economiche della ditta che avrebbe dovuto gestire il servizio fino a fine 2022. Tali difficoltà hanno comportato anche la mancata corresponsione degli stipendi alle lavoratrici. L’ASST Papa Giovanni è comunque riuscita a garantire, con regolarità e senza alcuna interruzione, i pasti caldi sia ai degenti (da 50 a 70) sia ai dipendenti dell’ospedale di San Giovanni Bianco. Le derrate alimentari infatti vengono approvvigionate dall’ASST ed inviate all’ospedale di San Giovanni Bianco, dove hanno continuato ad operare i dipendenti della ditta uscente. Lo sblocco della situazione è ora arrivato per decisione della Direzione ospedaliera, dopo settimane di stretti confronti con la ditta e con la parte sindacale”.

Parte sindacale che, nel frattempo, è ancora al lavoro per trovare una soluzione in merito agli stipendi non pagati. “Le organizzazioni sindacali hanno lavorato di concerto con l’Ospedale Papa Giovanni al fine di arrivare ad una soluzione al problema del pagamento degli stipendi arretrati – comunica la Fiscat Cisl – . Quelli di febbraio e marzo 2022 sono ancora bloccati dalla procedura di Concordato nell’attesa della nomina del Commissario da parte del Tribunale di Catanzaro dove ha sede la società Siarc, mentre lo stipendio di Aprile è arrivato sui conti correnti delle Lavoratrici nelle ultime ore. Stiamo nel frattempo confrontandoci con l’ASST Papa Giovanni al fine di arrivare ad una soluzione completa della vicenda sia per quanto riguarda gli stipendi non erogati sia per la continuità occupazionale”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI