Quantcast
Un progetto per reinserire i malati oncologici nel mondo del lavoro - BergamoNews
Istituti ospedalieri bergamaschi

Un progetto per reinserire i malati oncologici nel mondo del lavoro

Negli ospedali del Gruppo San Donato, compresi il policlinico San Marco e Ponte San Pietro

Un progetto per il reinserimento nel mondo del lavoro delle persone in cura per patologie oncologiche negli ospedali del Gruppo San Donato: Irccs Ospedale San Raffaele e Irccs Policlinico San Donato nell’area milanese, Istituto Clinico Beato Matteo a Vigevano, Policlinico San Marco e Policlinico San Pietro a Bergamo, Istituto Clinico S. Anna a Brescia.

Partito in sordina in piena pandemia da un’idea della onlus collegata all’Irccs Ospedale San Raffaele (Gruppo San Donato) Salute allo Specchio, e di Actl-Job Farm con la collaborazione di Avo Segrate e Amici della Casa dei Diritti, Back to Work oggi è un progetto strutturato pronto per la terza edizione di corsi di formazione volti a supportare le persone in cura per patologie oncologiche nella delicata fase di ingresso e reingresso lavorativo.

“Il progetto Back to Work nasce con l’obiettivo di mettere al centro la persona e il suo benessere e agevolare il rientro al lavoro delle persone con malattie oncologiche attraverso percorsi di accompagnamento, empowerment, formazione, coaching e consulenza legale – dichiara Marina Verderajme, presidente di Actl-Job Farm -. Nella cura dei nostri pazienti, sia uomini sia donne, abbiamo osservato che il lavoro spesso riveste un ruolo protettivo dal punto di vista psicologico e aiuta ad affrontare meglio il periodo delle terapie. In prima battuta abbiamo avviato un approfondimento di ricerca sul tema poi, grazie all’incontro con JobFarm, siamo riusciti a concretizzare un programma di supporto affinché le persone in cura si mantengano attive anche dal punto di vista lavorativo”, afferma Valentina di Mattei, psicologa dell’Irccs Ospedale San Raffaele e presidente di Salute allo Specchio onlus.

Back to Work fornisce gli strumenti e i percorsi di accompagnamento per tornare a vivere la vita sociale e lavorativa dopo un periodo di malattia. Il progetto, avviato nel dicembre 2020, ha già supportato venti pazienti, attraverso corsi di formazione a distanza, incontri individuali sul tema diritti e lavoro e incontri di supporto psicologico nella fase di ingresso e reingresso lavorativo.

La terza edizione

La terza edizione partirà il prossimo 20 maggio e sono già aperte le iscrizioni per i primi due corsi di empowerment e performinding. Le persone interessate possono ricevere ulteriori informazioni o candidarsi al progetto scrivendo una mail a backtowork@jobfarm.it oppure compilare il seguente modulo google: https://bit.ly/3xh1xGJ. La partecipazione ai corsi è gratuita.

Gli iscritti al progetto avranno inoltre la possibilità di usufruire di corsi di formazione (dal Digital HR al Digital Marketing alle Soft skills) messi a disposizione sulla piattaforma E- learning di ACTL e di specifici vademecum contenenti informazioni e consigli utili per gestire questa delicata fase della vita dei partecipati, realizzati col contributo di tutti i partner di progetto.

I temi trattati nei corsi di formazione:

● Empowerment, proattività e comunicazione efficace: il corso si focalizza sulle relazioni interpersonali e la gestione dello stress nell’ambito di processi di trasformazione. Largo spazio sarà dato ai temi della comunicazione: dalla ricerca del propri ostile, agli strumenti per comunicare efficacemente e negoziare con i propri interlocutori.

● Performinding, gestione del tempo e benessere personale: il corso si concentra sull’imparare a conoscersi e riconoscersi nella nuova dimensione lavorativa e personale e sul fornire.

Il target

“Speriamo che sempre più persone seguano questo percorso – aggiunge Valentina Di Mattei -. Grazie alla collaborazione tra gli ospedali del Gruppo San Donato, che curano patologie oncologiche, oggi possiamo offrire questa opportunità a un numero sempre maggiore di pazienti. Oltre a quelli in cura presso le oncologie dell’Ospedale San Raffaele sono infatti invitati a partecipare anche i pazienti dell’IRCCS Policlinico San Donato, Istituto Clinico Beato Matteo a Vigevano, Policlinico San Marco e Policlinico San Pietro a Bergamo, Istituto Clinico S. Anna a Brescia”.

Salute allo Specchio è un progetto nato nel 2012 dalla collaborazione tra Irccs Ospedale San Raffaele-Gruppo San Donato e Università Vita-Salute San Raffaele, da un’idea di Valentina Di Mattei, psicologa e professore associato, e Giorgia Mangili, responsabile dell’unità di Ginecologia Oncologica, con l’intento di supportare e tutelare la salute psicofisica di tutte le pazienti oncologiche, aiutandole a ritrovare il desiderio di prendersi cura di sé a 360°, per stare meglio con se stesse e con le persone che hanno accanto. Da dieci anni Salute allo Specchio progetta, con la collaborazione di numerosi volontari, attività coinvolgenti volte a ripristinare il benessere psicologico delle donna in cura per malattia oncologica: sport, make up e fashion, nutrizione e formazione professionale sono solo alcuni degli ambiti di riferimento delle attività organizzate da Salute allo Specchio.

Actl-Job Farm è un’associazione di promozione sociale, in possesso del riconoscimento giuridico a carattere nazionale. Dal 1986 si occupa di progettare e gestire iniziative culturali, formative e di inserimento/reinserimento di giovani, adulti e categorie svantaggiate nel mondo del lavoro. E’ operatore accreditato per i Servizi di Istruzione e Formazione Professionale (sezione B) e per i Servizi al Lavoro in Regione Lombardia.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI