Quantcast
Sotto il Monte ricorda le vittime del Covid: 6.500 fiori a Papa Giovanni - BergamoNews
L'iniziativa

Sotto il Monte ricorda le vittime del Covid: 6.500 fiori a Papa Giovanni

Da mercoledì 18 maggio a venerdì 3 giugno il santuario organizza un fitto programma di celebrazioni

Sotto il Monte Giovanni XXIII. Nei mesi più bui della pandemia, il santuario di Sotto il Monte è stato meta delle preghiere di molti che, sebbene impossibilitati a giungervi di persona, chiedevano per intercessione di San Giovanni XXIII la consolazione di Dio.

Anche il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, il 17 marzo 2020, si è fatto pellegrino in questo luogo, portando a nome di tutti i fedeli bergamaschi la supplica a papa Giovanni. Nel Giardino della Pace il vescovo si è messo in ginocchio, come in ginocchio era la provincia di Bergamo, e ha dato voce al dolore, alla speranza e alla fede di molti: ha chiesto la carezza del santo Papa per i defunti e per i loro familiari e per tutte le persone che in diverso modo, ma con medesima carità, si adoperavano per la cura, la limitazione del contagio e il sostegno dei più fragili.

Dallo stesso Giardino, ai piedi della statua di Papa Giovanni, da mercoledì 18 maggio a venerdì 3 giugno, il Santuario invita le tredici Comunità Territoriali Ecclesiali a celebrare l’eucarestia in ricordo delle sorelle e dei fratelli di Bergamo che hanno perso la vita a causa del Covid-19.

In questo Giardino, che è segno e augurio di pace, migliaia di fiori color oro avvolgono la statua di Papa Giovanni: sono i fiori che ricordano un anniversario, una data importante o un familiare, un parente, un amico scomparso. Ogni fiore incastonato nella parete, ricorderà ognuna delle circa 6500 vittime che, stando ai numeri ufficiali, hanno perso la vita nel 2020 a Bergamo. Sarà una parete tutta d’oro a perenne memoria di questa tragedia, ma parimenti della forza dei bergamaschi, che ha nella fede e nella devozione le sue principali radici.

La messa avrà inizio alle 20:30 nel Giardino della Pace di Sotto il Monte e terminerà con la supplica a San Giovanni XXIII e l’immissione dei fiori:

18 maggio | Isola Bergamasca
19 maggio | Ponte, Valle San Martino
20 maggio | Valle Imagna, Villa D’Almè
23 maggio | Valle Brembana
24 maggio | alta Valle Seriana
25 maggio | bassa Valle Seriana
26 maggio | Valle Cavallina
27 maggio | Sebino, Valle Calepio
30 maggio | Ghisalba, Romano, Spirano
31 maggio | Scanzo, Seriate
1 giugno | Stezzano, Verdello
2 giugno | Dalmine
3 giugno | Bergamo città

La celebrazione del 3 giugno, nel 59° anniversario della morte di San Giovanni XXIII, sarà presieduta da monsignor Francesco Beschi.

“Auspichiamo la partecipazione di tutte le comunità della nostra Diocesi per un gesto di fraterno ricordo per quanti ci hanno lasciato e per i loro familiari: i fiori, che simbolicamente adorneranno il Giardino della Pace, sono volti, storie, relazioni di persone che abbiamo amato e che vorremmo fossero la fioritura del Giardino della resurrezione” – afferma monsignor Claudio Dolcini, parroco e rettore del Santuario San Giovanni XXIII.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI