Quantcast
Poca Atalanta per un Milan lanciato verso lo scudetto - BergamoNews
Il punto del tifoso

Poca Atalanta per un Milan lanciato verso lo scudetto

Partita sbloccata da un episodio, il fallo non fischiato su Pessina: attendiamo gli ultimi 90 minuti per i verdetti finali

Salvo clamorose sorprese, l’Atalanta consegna al Milan lo scudetto 2021-2022 uscendo sconfitta dal Meazza.

La formazione nerazzurra ha cercato nel primo tempo di arginare le manovre offensive rossonere, contenendo senza troppa fatica gli avanti di Pioli ma dimostrandosi totalmente asfittica in attacco.

I problemi palesati durante tutta la stagione atalantina si sono presentati anche alla Scala del calcio, con le punte di Gasperini incapaci di creare fastidi all’estremo difensore milanista.

E se qualche buono spunto si è visto sulla fascia di Zappacosta, quella di competenza di Hateboer è apparsa un totale deserto con l’esterno olandese non pervenuto.

In una situazione di sostanziale equilibrio, logico che a sbloccare la partita non potesse che essere un episodio: fallo evidente non fischiato su Pessina ed il contropiede di Leao punisce i nerazzurri. Oggettivamente inaccettabile il mancato fischio di Orsato che cambia l’inerzia della partita.

Si perché a quel punto, con i nerazzurri ad inseguire, gli spazi per i rossoneri diventano ampie praterie e il pericolo di crollare si fa sempre più evidente, nonostante il subentrato Zapata si batta per cercare di raddrizzare il match.

Ma i nostri sembrano stanchi, manca velocità e spunto e questo rende le manovre prive della necessaria lucidità.

E così il Milan ne approfitta e su una travolgente azione Hernandez salta tutta la difesa e chiude il match. Grande azione.

L’ultimo quarto d’ora vola via senza sussulti in un San Siro giustamente festante.

Complessivamente una prestazione non altezza dell’Atalanta che conosciamo, ma forse questo è attualmente il nostro livello.

Ora l’Europa è ancora un po’ più lontana, ma bisognerà attendere gli ultimi 90 minuti per i verdetti finali. E se anche le trasferte europee non ci saranno, pazienza, ce ne faremo una ragione dopo 5 anni splendidi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI