Quantcast
Nations Cup, a Milton esordio vincente per Martina Fidanza nello scratch - BergamoNews
Ciclismo su pista

Nations Cup, a Milton esordio vincente per Martina Fidanza nello scratch

La 22enne di Brembate di Sopra ha superato i problemi fisici che l'hanno afflitta nella prima parte della stagione aggiudicandosi la prova dello scratch andata in scena in Canada

La maglia iridata di Martina Fidanza ha illuminato il secondo appuntamento di Nations Cup di ciclismo su pista.

La 22enne di Brembate di Sopra ha superato i problemi fisici che l’hanno afflitta nella prima parte della stagione aggiudicandosi la prova dello scratch andata in scena a Milton (Canada).

Costretta a far i conti prima con un’operazione al cuore a dicembre e poi una frattura alla vertebra nelle prime gare in Belgio, Fidanza ha saputo rialzarsi in entrambe i casi con caparbietà e pazienza superando così allo sprint l’olandese Lonneke Unekenm e l’americana Lily Williams.

Un risultato che ha colpito anche il commissario tecnico Marco Villa il quale ha puntato sulla giovane bergamasca: “E’ stato un bell’esordio in maglia iridata di Martina, soprattutto se consideriamo che arriva a dieci giorni dal rientro alle gare, dopo lo stop per l’infortunio alle vertebre. Segno che ha lavorato molto bene nei mesi scorsi”.

La vittoria nello scratch ha confermato l’ottimo momento di Fidanza che qualche ora prima aveva condotto l’Italia al successo nell’inseguimento a squadre in compagnia della conterranea Chiara Consonni.

Schierate in compagnia di Elisa Balsamo e Barbara Guarischi, le due atlete orobiche hanno confermato quanto già visto nei turni precedenti fermando il cronometro in 4’17”552 e distanziando di oltre tre secondi la più quotata Australia.

Doppietta anche per Elisa Balsamo che si è imposta nell’omnium femminile al termine di una gara affrontata con regolarità.

Quarta nello scratch e nella tempo race, la fuoriclasse residente a Sarnico è balzata al comando della competizione rafforzando il proprio primato nel corso dell’eliminazione vinta dall’azzurra.

Balsamo ha così potuto gestire con tranquillità il vantaggio accumulato durante la corsa a punti terminando la kermesse davanti all’americana Jennifer Valente e all’australiana Alexandra Manly.

Nel settore velocità da segnalare l’exploit di Miriam Vece la quale ha conquistato il podio nei 500 metri.

In grado di migliorarsi nettamente rispetto al turno di qualificazione, la rappresentante della Valcar-Travel & Service ha colto la medaglia di bronzo alle spalle dell’australiana Kristina Klonan e della tedesca Pauline Sophie Grabosch.

In campo maschile ottima prestazione anche per Davide Plebani e Stefano Moro i quali si sono aggiudicati l’argento dopo aver firmato il miglior tempo nelle prime sfide.

Inseriti nel quartetto guidato Carloalberto Giordani e dall’alfiere del Team Colpack-Ballan Davide Boscaro, gli azzurri si sono dovuti arrendere all’Australia che li ha raggiunti prima del traguardo, negando così loro la gioia del successo.

Lo stesso Boscaro ha poi sfiorato il podio nel chilometro da fermo tagliando il traguardo in 1’01”105 confermando l’ottimo momento del team di Almè che ha festeggiato con Daniele Napolitano il record italiano nella velocità a squadre.

Al via della Lauf Brandenburger Sprint Cup in corso a Francoforte, il velocista della Colpack ha abbassato di oltre un secondo il precedente primato nazionale fermando le lancette dell’orologio in 44”785.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI