Stasera alle 18

Ecco San Siro, Atalanta provaci ancora. Vincere? Non c’è niente di impossibile

In campo oggi domenica 15 maggio alle 18 contro un Milan lanciatissimo verso il 19° scudetto. Muriel ritrova Zapata, Pasalic scalpita

Milan-Atalanta, oggi domenica 15 maggio alle 18 a San Siro (previsti anche possibili temporali), la madre di tutte le partite: se vince, l’Atalanta ha un piede e mezzo in Europa. Eh, sembra facile. Eppure, non tutte le strade sarebbero chiuse se anche i nerazzurri tornassero da San Siro con un pareggio. Soprattutto dopo il pareggio di sabato sera della Roma, che tiene sospesi i giochi fino alla fine.

Ma prima di tornare su questi calcoli, la partita. In campo alle 18, 75mila gli spettatori in uno stadio esaurito, nel terzo anello la Questura impegnata a dividere in base alla fede calcistica i circa tremila tifosi atalantini dai milanisti che pure hanno acquistato biglietti in quel settore. Un vero pasticcio.

È l’ultima partita in casa per la capolista: il Milan non vede l’ora di poter conquistare il suo 19° scudetto, che gli manca dal 2011. Però deve fare i conti con un’Atalanta che è un po’ la sua bestia nera, visto che i rossoneri non la battono in casa dal 2014 e che con Gasperini la Dea è imbattuta, ha anche vinto due volte a Milano.

Vero che le tradizioni e i numeri possono valere più per le statistiche, ma restano anche nella memoria come il 5-0 di due anni fa a Bergamo che Pioli spesso e volentieri ricorda come il punto di partenza della rinascita rossonera. E anche diversi protagonisti dell’ultima vittoria atalantina a San Siro, il 23 gennaio 2021, non sono presenti o hanno cambiato maglia: da Romero che segnò il primo gol a Ilicic che su rigore realizzò il secondo. In campo c’erano anche Gollini, Toloi, Gosens. Il Milan ha cambiato portiere, c’era Donnarumma, oltre a Meite (sostituito nel secondo tempo da Ibrahim Diaz), Kjaer ora infortunato e Castillejo ora in panchina.

E la differenza dei valori di oggi, ben 21 punti, è dettata dalla frenata dell’Atalanta nella seconda parte del campionato, perché a fine andata il Milan era secondo con 42 punti (l’Inter in testa con 46) e dopo il Napoli a 39 c’era l’Atalanta a 38. Però l’Atalanta, fortissima fuori casa, oggi a caccia della 13ª vittoria, può spaventare la corazzata rossonera. Si può puntare su un ex, Pasalic, già a quota 13 gol. Lui e Muriel, che è la garanzia in attacco come realizzatore e uomo assist.

E Zapata, che segnò il terzo gol l’anno scorso? E’ recuperato e i dubbi che potrebbe avere Gasperini riguardano proprio il tridente d’attacco. Perché se prima si vedeva in Muriel la carta da giocare in corso d’opera, per cambiare la partita, ora pare proprio difficile rinunciare in partenza a Lucho e con lui a SuperMario. Dipenderà dalle condizioni di Duvàn: se Gasp vuole ributtarlo subito nella mischia per sfondare il muro di Tomori e Kalulu e quindi optare su Koopmeiners come trequartista, tenendo pronte le alternative Pasalic e Boga. Altrimenti dentro subito il croato.

Per il resto la squadra è quella vista nelle ultime partite, con qualche variante tattica già sperimentata con buon esito (De Roon in difesa), ma tutta da decifrare, anche perché bisogna preoccuparsi in fascia per le incursioni di Leao. Meno pericolosa l’altra fascia, però attenzione a non concedere autostrade come quella lasciata libera a Calabria all’andata, andato in gol dopo appena un minuto.
Sarà quindi anche una partita molto tattica, ma entrambe le squadre non rinunciano mai a giocare e perciò dovrebbe anche essere spettacolare. Se poi Musso dovesse risultare il migliore in campo, tanto meglio, sarà per un risultato positivo in un’Atalanta che può esaltarsi nello stadio dove ha vissuto più di una notte magica in Champions.

Tornando infine al pari della Roma, si potrebbe anche fare il tifo per il Torino che all’ultima giornata riceverà i giallorossi, costretti (a questo punto) a vincere la Conference per essere sicuri dell’Europa League. Fiorentina e Lazio giocheranno lunedì 16 maggio, impossibile fare i conti prima. E’ proprio una volata infinita…

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Milan-Atalanta, il film della partita
A san siro
Un buon primo tempo non basta all’Atalanta, il Milan vince 2-0
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI