Quantcast
Alle cave Nuova Demi di Brembate sfida su due ruote per entrare nel Guinness World Records - BergamoNews
La curiosità

Alle cave Nuova Demi di Brembate sfida su due ruote per entrare nel Guinness World Records

Il giornalista Valerio Boni è impegnato, mercoledì 11 e giovedì 12 maggio, in sella a una Fantic XEF 250 a quattro tempi nel tentativo di conquistare il nuovo primato mondiale di percorrenza in sella ad una moto da fuoristrada, sulla distanza di 24 ore

Brembate. Alle cave Nuova Demi di Brembate il giornalista 63enne Valerio Boni è impegnato, mercoledì 11 e giovedì 12 maggio, in sella a una Fantic XEF 250 a quattro tempi nel tentativo di conquistare il nuovo primato mondiale di percorrenza in sella ad una moto da fuoristrada, sulla distanza di 24 ore.

La prova è effettuata nel rispetto delle rigide linee guida stabilite dal Guinness World Records, la nota organizzazione londinese che ogni anno valuta e certifica prestigiosi risultati nelle più svariate attività, da quelle con una forte componente sportiva a quelle più folli.

L’obiettivo da raggiungere è quello di superare la distanza coperta dall’egiziano Ali Abdo Ali, che tra il 29 e il 30 giugno 2017 ha guidato una Honda 250 per 613,59 km.

L’evento ha richiesto una lunga fase di preparazione, iniziata con il nulla osta del GWR e proseguita con la scelta del percorso più idoneo. Il tentativo non avviene su una delle numerose piste di motocross presenti sul territorio italiano, perché il regolamento prevede che il percorso debba essere privo di dislivelli, e rispondere a precisi requisiti per l’omologazione del record.

La scelta è quindi andata su una cava, nello specifico le cave Nuova Demi di Brembate già teatro, negli anni Settanta, di una pista piuttosto famosa e in grado di ospitare competizioni a livello nazionale, sulla quale si sono misurati campioni del calibro di Ivan Alborghetti e Renato Zocchi e molti altri fuoriclasse di quel periodo.

La cava, messa a disposizione grazie all’intervento del Sindaco di Brembate Mario Doneda, consente la realizzazione di un tracciato in parte naturale intorno a un laghetto artificiale e parzialmente ricavato nella parte estrattiva della cava, perfetta per ottenere un percorso con una lunghezza compresa tra i 700 e il 1.200 metri, che Boni deve affrontare e ripetere nell’arco delle 24 ore.

Valerio Boni non è nuovo ad avventure sulla durata di 24 ore, la prima risale al lontano 1979, quando con una Vespa 50 percorse 946 km in modalità non-stop, senza fermate intermedie tra la partenza e l’arrivo, effettuando i rifornimenti di carburante in movimento. Nel 2021 è stato impegnato in due differenti performance.

La prima con una minimoto Polini, con la quale ha fatto segnare un nuovo riferimento, certificato dal Guinness World Records, portando la distanza da 250 a 751 km. La seconda utilizzando una MV Agusta Turismo Veloce, utilizzata per coprire in 24 ore i 2.014 km tra Malmö in Svezia e Schiranna, un risultato certificato dall’Associazione Americana IronButt, reso più avvincente dal transito in 11 Paesi europei.

Ricordiamo che il GWR richiede una copertura video senza interruzioni di tutte le 24 ore, un documento che testimoni la lunghezza del percorso certificata da un ingegnere, la presenza di un servizio di cronometraggio ufficiale e la presenza di testimoni – due ogni quattro ore – che dovranno alternarsi per tutta la durata dell’evento.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI