Quantcast
Il torneo solidale dell'Accademia dello Sport torna in città: decisivo il sostegno da 530mila euro della Regione - BergamoNews
A cura di

Accademia dello sport

L'evento solidale

Il torneo solidale dell’Accademia dello Sport torna in città: decisivo il sostegno da 530mila euro della Regione fotogallery video

Sarà dal 19 maggio al 10 giugno alla Cittadella dello Sport, per l'occasione oggetto di un profondo restyling: nuovi campi da tennis e anche da padel

Bergamo. Dopo anni a peregrinare tra i paesi della provincia, il torneo di tennis dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà torna in città: e lo fa nell’anno forse più simbolico, quello della ripartenza dopo il dramma del Covid che, tra le altre cose, ha lasciato in sospeso uno degli eventi solidali più importanti e attesi della Bergamasca.

Un desiderio che da anni Giovanni Licini, anima dell’Accademia, provava ad esaudire: per farlo c’è voluto un grandissimo lavoro di squadra, prima di tutto interno con il consiglio dell’ente e con tutti i volontari, e poi di relazioni con Provincia e Comune di Bergamo, con la Regione Lombardia e con il Csi locale e nazionale.

Il risultato è stato un maxi finanziamento da 530mila euro da parte del Pirellone per un progetto più ampio, che consentisse di riqualificazione e ammodernare l’area della Cittadella dello Sport di via Monte Gleno: una somma importante destinata solo in parte alla realizzazione della quarantaquattresima edizione del torneo, che si svolgerà dal  19 maggio al 10 giugno, ma principalmente al rilancio di un’attività sportiva il più possibile accessibile e inclusiva, partendo dal diritto alla pratica dei più piccoli fino agli anziani.

È stato quello l’input decisivo affinchè si mettesse in moto la macchina dell’Accademia dello Sport, sotto la cui guida sono stati migliorati i due campi da tennis esistenti e sono stati realizzati altrettanti, insieme ai nuovissimi spazi dedicati al padel che dal 2022 entrerà nel palinsesto della “competizione” benefica che dal 1976 unisce nel segno dello sport e della solidarietà una grande platea di personaggi noti del panorama nazionale (da qui il nomignolo “tennis vip”).

“È stata formalizzata un’apposita convenzione tra l’Accademia e il Csi provinciale per la disponibilità ad effettuare annualmente il nostro torneo su questi campi sportivi e con occhio di riguardo anche alle tariffe, che dovranno essere finalizzate ad un utilizzo della struttura sportiva a prezzi agevolati con particolare attenzione alle famiglie, ai bambini e ai pensionati – spiega Licini -. Verranno pertanto realizzati due campi da tennis coperti con tribune incorporate, ristrutturati i due campi da tennis esistenti, con adeguamento della superficie e dell’impianto di illuminazione, 3 campi di padel coperti e relativi spogliatoi a disposizione degli ospiti. A tutti coloro che hanno contribuito a centrare questo traguardo va il mio ringraziamento ma anche quello di tanti sportivi bergamaschi, che vedranno realizzati presso la Cittadella dello Sport una struttura sportiva pubblica che, a mio ragione, non ha eguali in tutto il territorio nazionale”.

La finalità, come detto, è quella di fare del bene e in questo l’Accademia dello Sport è maestra: durante l’emergenza sanitaria è riuscita a raccogliere più di 1,1 milioni di euro che ha poi destinato agli interventi più urgenti sul territorio, dalla tac mobile installata all’ospedale di Seriate all’ospedale da campo in Fiera, dagli impianti d’ossigeno potenziati negli ospedali ai piccoli grandi sostegni quotidiani dati a chiunque palesasse un bisogno urgente.

Un ruolo che le è stato pubblicamente riconosciuto da tutti i presenti all’evento di lancio del nuovo torneo, nella mattinata di martedì 10 maggio nel palazzo della Provincia: dal presidente della Lombardia Attilio Fontana all’assessore regionale Claudia Terzi, dal prefetto Enrico Ricci al questore Stanislao Schimera, dal presidente della Provincia Pasquale Gandolfi all’assessore comunale Loredana Poli, insieme alle forze dell’ordine rappresentate dal comandante provinciale della Guardia di Finanza Marco Filipponi, dal tenente colonnello Alessandro Fasolino dei carabinieri di Bergamo e Paolo Storoni, ex comandante dei carabinieri di Bergamo oggi comandante DIA Triveneto, il mondo della sanità con Fabio Pezzoli, direttore sanitario Asst Papa Giovanni XXIII, Francesco Locati, direttore generale Asst Bergamo Est, Peter Assembergs, direttore generale Asst Bergamo Ovest, Francesco Galli, amministratore delegato degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi gruppo San Donato. E ancora Ferruccio Rota, presidente del consiglio comunale di Bergamo, Corrado Fontana ed Emilio Pedretti di Banca Mediolanum, Monsignor Giulio Dellavite, segretario generale della Curia, Francesco Valesini, assessore alla riqualificazione urbana del Comune di Bergamo, Simone Rasetti, direttore funzione specialistica Sport e grandi eventi sportivi di Regione Lombardia, Dimitri Donati, responsabile segreteria sottosegretario allo Sport del Pirellone, il sindaco di Scanzorosciate Davide Casati, il sindaco e vicesindaco di Grumello del Monte Simona Gregis e Nicoletta Noris, Alessandro Vanoi, del Coni Lombardia, Giorgia Gandossi, consigliere della Provincia con delega alle Politiche Giovanili, Sport e Tempo Libero, Vittorio Bosio presidente del Csi, Gaetano Paternò presidente del Csi Bergamo, Marcello Annoni, presidente Unione Nazionale Cavalieri d’Italia e Sergio Rizzini, Responsabile sanità alpina.

È stata anche l’occasione per presentare i tre progetti che l’Accademia dello Sport sosterrà in questa stagione, predisposti dall’Associazione Italiana Persone Down, Aeper e Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili, e i Golden Vip 2022 che saranno premiati durante la serata di gala dell’11 giugno: Angelo Radici per l’Imprenditoria, Michele Colledan per la Ricerca Scientifica, Luca Percassi e Federica Brignone come Vip d’Onore.

Ultimo atto, eredità della stagione 2021 ma rinviato a causa dell’elevato numero di contagi sul territorio bergamasco, è stata la premiazione con una targa ricordo di alcune personalità eccellenti che durante la pandemia hanno operato con coraggio e professionalità nelle strutture ospedaliere, nelle istituzioni e nell’intero territorio: Paolo Storoni, ex comandante provinciale dei carabinieri di Bergamo, Sergio Rizzini, Responsabile Sanità Alpina, Gianluigi Patelli, primario di radiologia Asst Bergamo Est, Roberto Keim, primario di terapia intensiva Asst Bergamo Est, Milena Mauri, responsabilità Unità Covid Asst Bergamo Est, Marco Rizzi, primario di Infettivologia del Papa Giovanni XXIII, Nicoletta Manini, coordinatrice infermieristica del Papa Giovanni XXIII, Emanuela Busetti, coordinatrice infermieristica ospedale fiera, Paolo Colombelli, direttore unità operativa complessa Asst Bergamo Ovest, Matteo Giacomini, responsabile terapia intensiva policlinico San Marco, Armando Alborghetti, responsabile anestesia rianimazione terapia intensiva del Policlinico San Pietro, e Claudio Trezzi, Antonella Gambarini e Giacinto Prometti, volontari dell’Accademia dello Sport che hanno coordinato i turni dei centri vaccinali.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI