Quantcast
Il cuore di Malinovskyi: in un bar di Almé accetta l'invito di un papà e incontra il figlio disabile - BergamoNews
La storia

Il cuore di Malinovskyi: in un bar di Almé accetta l’invito di un papà e incontra il figlio disabile

Lunedì mattina il centrocampista atalantino è andato a casa di Dario Locatelli per salutare Bruno, 38 anni

Almè. Stava facendo colazione al bar Opera Lab di Almè quando gli si è avvicinato un papà che lo ha invitato a casa sua: voleva fargli salutare suo figlio Bruno, 38 anni, disabile.

E Ruslan Malinovskyi non ha saputo dire di no. Ha finito il suo cappuccino ed ha seguito il papà.

“È stato gentilissimo e mio figlio era davvero incredulo – racconta Dario Locatelli -. Ho postato la fotografia sulla mia pagina Facebook perché volevo mostrare a tutti la felicità di Bruno e la disponibilità di Ruslan, che mi ha davvero commosso”.

Bruno Locatelli è di origine peruviana: “Io e mia moglie siamo stati due mesi in Perù nel 1984 per andare a prenderlo, lo abbiamo portato qui in Italia nel gennaio 1985, quell’inverno che aveva nevicato tantissimo. Lui non parla ma capisce tutto. È tifoso dell’Atalanta ed è anche molto informato sulla situazione in Ucraina. Ha la bandiera che gli ha regalato la badante di mia mamma e segue tutte le notizie”.

L’incontro con Malinovskyi è stata per la famiglia Locatelli una piacevolissima sorpresa: “Ruslan non ha esitato un attimo a dirmi di sì e a venire fino a casa. Gli sono davvero grato per questo regalo che ha fatto a Bruno”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI