Quantcast
Trescore, furti alla sede degli alpini: via cibo, vino, macchinette e cialde del caffè - BergamoNews
Venerdì e sabato

Trescore, furti alla sede degli alpini: via cibo, vino, macchinette e cialde del caffè

Spaccati i vetri della porta e della finestra e la sala messa a soqquadro. Il presidente Testa: "Andiamo avanti lo stesso perché l'alpino paura non ne ha!"

Trescore Balneario. Due furti in due giorni alla sede del gruppo alpini di Trescore Balneario.

Proprio nel fine settimana del raduno delle penne nere a Rimini, a Trescore qualcuno ha preso di mira la sede: venerdì pomeriggio la prima intrusione, la seconda poche ore dopo, nella notte tra venerdì e sabato.

Sono state rubate tutte le vivande che il gruppo aveva acquistato per il ristoro, le bottiglie di vino, 3 nuove macchine del caffè e circa 300 cialde.

Non contenti, i malviventi hanno messo tutto a soqquadro: porte spaccate, sedie gettate ovunque nel salone, crocefissi divelti dal muro. I responsabili hanno sporto denuncia e le forze dell’ordine sono al lavoro per cercare di individuare chi ha commesso il fatto.

Il capogruppo Giancarlo Testa racconta: “Venerdì sono andato in sede verso le 17.30. I ladri erano all’interno, stavano rubando i viveri ma quando mi hanno visto sono scappati. Ho fatto denudnia ai carabinieri che sono arrivati per il sopralluogo e alle 20 sono andato a casa”.

In questo fine settimana gli alpini di Trescore sono piuttosto impegnati: al supermercato Conad stanno dando una mano per l’iniziativa ‘Dona una spesa’ e domenica supporteranno il servizio d’ordine alla Granfondo Felice Gimondi.

“Stamattina, sabato, ero alla Conad quando mi è arrivata la telefonata di un nostro consigliere che mi diceva di andare alla sede perché avevano rubato tutto – continua Testa -. Quando sono arrivato ho visto che avevano spaccato la porta e la finestra ed avevano portato via parecchia roba. Secondo me sono le stesse persone entrate in azione venerdì”.

C’è amarezza per il furto subito: “Certi gesti ti fanno passare la voglia di fare, ma allo stesso tempo rafforzano lo spirito dell’associazione. Dopotutto, come recita il nostro detto, l’alpino paura non ne ha!”

Le penne nere trescoresi non si perdono d’animo. Sulla pagina Facebook ‘Sei di Trescore Balneario se…’, sotto al post con la comprensibile indignazione per il furto subito, scrivono: “Come volontari dell’associazione siamo gia al lavoro per rimediare e, nonostante tutto, il Ristoro di stasera rimane confermato…”Dür per dûrá!”.

 

furto alpini trescore

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI