• Abbonati
Bergamo green

Marzia Marchesi: “Verde pubblico, piantati 8mila alberi, per quasi due milioni”

L'assessore: "Prima del 2023, riqualificati anche almeno quattro parchi e molti giardini della città"

Bergamo. Tra le linee guida dell’amministrazione comunale Gori nel triennio in corso l’impegno per il verde. Basta guardare i numeri per rendersene conto: 1 milione e 850mila euro investiti per la piantumazione tra il 2019 e il 2022 con una ripartizione di 350mila nel 2019, la rimanente parte negli anni successivi e un incremento di spesa di oltre 600mila euro, 1 milione e 600 mila per la manutenzione straordinaria (solo sull’anno 2022). “Uno sforzo non indifferente – ha spiegato Marzia Marchesi, assessore la verde pubblico -, voluto per soddisfare l’obiettivo che ci eravamo posti all’inizio del mandato. Puntiamo a mettere a dimora 22.000 alberi, sia di piccole che di grandi dimensioni, con l’intenzione di piantarne anche di nuovi laddove, per ragioni legate alla loro stessa natura, sono stati rimossi. I luoghi dove verranno piantati saranno quelli dove c’è disponibilità, ad esempio la zona di Longuelo”.

Quali sono i criteri che considerate quando il patrimonio arboreo viene ripristinato?

Diciamo che, quando si parla di patrimonio arboreo, gli approcci sono fondamentalmente due, uno più naturalistico, tipo boschivo, che porta alla messa a terra degli alberi e ad una crescita più lenta nel tempo, ne è un esempio la zona del bosco della zona dell’ospedale o quella del parco Ovest 1, oppure uno più artificiale che mira a piantare piante molto più grandi che possono però avere una vita mediamente più corta delle altre, con un 20% di probabilità in meno. Queste infatti fanno più fatica ad attecchire sul territorio.

Quanti alberi sono stati piantati?

Nel 2020 abbiamo piantato 968 alberi di cui 623 sul suolo pubblico, 333 frutto di donazioni e 12 appartenenti al verde scolastico; nel 2021 sono stati 1306 di cui 685 sul suolo pubblico, 283 donazioni e 273 facenti parte del Plis. Per quanto riguarda gli obiettivi, posso dire che ne restano da piantare 500 rispetto al programma che avevamo fatto sul biennio 2020-2021. Nel 2022 in totale sono stati 769 di cui 100 al Memoriale, dove abbiamo piantato betulle, e 669 al Bosco della Memoria. Tra questa primavera e l’autunno ne poseremo altri 4621. In totale, dal 2019 ad oggi, si contano 8164 alberi in tutta la città. Tra il 2020 e il 2022 la percentuale di alberi abbattuti, e specifico, perché era proprio necessario rispetto alle loro condizioni di salute o perché era previsto dai grandi interventi sul territorio, è stata dello 0,007%, cioè 59 alberi.

E quanti censiti?

Sempre parlando di piantumazioni, gli alberi censiti sono circa 20.000, ma l’opera di conta non è ancora completata. Mi sento di dire che, spannometricamente, saranno circa 40.000, con un incremento sostanziale dunque rispetto agli anni precedenti. Questa è una scelta precisa che appartiene a questa amministrazione perché il verde è un patrimonio importante, che va tutelato: si tratta infatti di un obiettivo che era stato espressamente dichiarato nelle linee programmatiche di mandato, oltre che la volontà di lavorare per il verde inteso come massimo concetto, lavorando per porre attenzione sui grandi temi dei cambiamenti climatici, delle emissioni e anche degli eventi naturali che possono essere contenuti anche grazie alla presenza degli alberi. faccio un esempio su tutti: le bombe d’acqua che possono veramente generare disastri in città possono essere controllati anche grazie alle radici degli alberi.

Quali sono i benefici dati dalle piante?

I benefici sono molteplici. Non solo, banalmente, l’apporto di ossigeno e il contenimento dei fenomeni atmosferici, come accennavo, ma anche il benessere psicofisico e l’abbattimento delle isole di calore. Ormai da anni, l’approccio che abbiamo deciso di avere è molto strong, non solo perché c’è anche un regolamento regionale che verte sulla materia e che, ad esempio, ci porta a mettere in campo anche una formazione continua, ad esempio, per i giardinieri, ma anche perché il verde è un bene pubblico che va tutelato e conservato.

I parchi

Un cenno, poi, al parco CaprottiBaertsch: “Questi due parchi sono inseriti nel progetto dei parchi storici del 2019 di cui fanno fanno parte anche il Marenzi, l’orto botanico e quello della Rocca. Nel primo caso è stato affidato ad una ditta, vincitrice dell’appalto, l’opera di manutenzione e per 9 mesi non ha fatto nulla. A settembre 2021 si è deciso di recedere il contratto perché l’azienda era inadempiente e, solo a quel punto, l’impresa ha ripreso a lavorare. Ora si tratta di riconoscere alla stessa il compenso per gli interventi eseguiti e poi ripartire con una nuova gara d’appalto. Per quanto riguarda il secondo, invece, stiamo attendendo l’esito della gara che si è conclusa una quindicina di giorni fa”.

Quali sono i cantieri in essere?

Innanzitutto per la fine del mese di giugno dovrebbe essere conclusa la ristrutturazione del parco della Clementina, sempre per lo stesso periodo anche quello di via Morali dove abbiamo scelto di non piantare l’erba perché poi, dopo l’estate verrà richiuso per completare le opere. In via Pinetti, al parco di Conca Fiorita, mancano gli arredi che saranno pronti per metà maggio e quello di via Acquaderni sarà in pista per settembre. nel frattempo stiamo facendo la riqualificazione dei giardini della Scuola d’Arte di via Carrara.

 E quelli in previsione?

Rispetto anche a quanto contenuto nel POP, abbiamo in cantiere interventi ai giardini tra Monterosso e Campagnola, la bonifica del parco della Malpensata, dell’area umida della Grumellina, il secondo lotto del Bosco della Memoria, nel quale abbiamo in previsione la messa a dimora di percorsi e sedute, riqualificazione e creazione di nuovi orti urbani, il rifacimento delle aiuole di via Torquato Tasso che dovrebbero essere pronte per settembre 2022 con una veste tutta nuova grazie anche ad un progetto che ci è stato donato dai Maestri del Paesaggio. Il tutto, anche in previsione del grande evento di Bergamo e Brescia Capitale della Cultura 2023.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI