• Abbonati
Informazione Pubblicitaria

Centro Salesiano DON BOSCO

La testimonianza

Allievi dei Salesiani: “La nostra esperienza al LABANOF dell’Università degli Studi di Milano”

Luca, studente di quarta scientifico al centro salesiano “Don Bosco” di Treviglio, presenta l’attività svolta al Laboratorio di antropologia e odontologia forense

Luca, studente di Quarta Scientifico, presenta l’attività svolta presso il LABANOF dell’Università Statale di Milano.

A chiunque è capitato, per passione o casualità, di imbattersi in varie serie tv poliziesche caratterizzate dall’utilizzo delle scienze forensi per la risoluzione di crimini. Grazie al Laboratorio di antropologia e odontologia forense dell’Università degli Studi di Milano (LABANOF) è stato possibile, per gli studenti di quarta, partecipare ad un incontro che ci ha fatto conoscere e sperimentare le applicazioni e gli oggetti di studio propri di tali scienze. Infatti il 24 marzo siamo stati accolti nel laboratorio, dove ci sono stati introdotti, attraverso una lezione interattiva, i campi di applicazione dell’antropologia forense, che non si limitano ai ritrovamenti archeologici, ma si estendono anche alla valutazione di casi di asilo politico oppure al riconoscimento di resti umani in tragedie di massa. È stata inoltre fatta luce, dai ricercatori, sui vari metodi utilizzati per riconoscere sesso, età e appartenenza geografica di resti grazie alla loro struttura ossea e dentaria. Nella seconda parte dell’incontro è stata proposta invece una vera e propria attività di riconoscimento e classificazione delle ossa. Difatti è stato possibile interagire con veri resti umani: tentando di ricostruire uno scheletro umano, distinguendo ossa animali da quelle umane e raggruppando per regione di appartenenza le varie ossa; il tutto guidato dai professori dell’università che hanno risposto a tutte le nostre curiosità e che ci hanno guidati nelle varie attività. Quest’esperienza, seppur breve, ci ha dato la possibilità di ampliare i nostri orizzonti anche in vista del percorso di orientamento, facendoci scoprire un ambito di studi poco conosciuto ma sicuramente tra i più intriganti che esistono. Scoprire infatti cosa le ossa possano “raccontare” della vita (e della morte) di una persona è il più affascinante viaggio che si possa compiere.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI