A cura di

Automobile Club Bergamo

La gara

“Rally Prealpi Orobiche: Sulle strade del mondiale” la gara organizzata da Aci Bergamo

La trentaseiesima edizione del “Rally Prealpi Orobiche” è prevista per il fine settimana del 23/24 aprile prossimo

Bergamo. Nel fine settimana del 23 e 24 aprile si svolgerà la trentaseiesima edizione del “Rally Prealpi Orobiche”, su un totale di una sessantina di km, e lo slogan che caratterizzerà l’atteso evento è intrigante: “Sulle strade del Mondiale”, un percorso collaudato e di riconosciuto prestigio internazionale. Le iscrizioni si sono aperte le scorso 24 marzo e chiuderanno mercoledì 13 aprile, termine ultimo per prendere parte alla manifestazione.

Quella delle iscrizioni è la prima fase “operativa” del rally, propedeutica alle altre che via via si susseguiranno portando la macchina organizzativa alla messa su strada della gara.
L’Automobile Club Bergamo prosegue nella preparazione della manifestazione nelle sue operazioni preliminari che consistono soprattutto nella richiesta dei permessi e nella predisposizione dei piani operativi finalizzati a permettere ad ogni componente dello staff organizzativo di svolgere al meglio la sua mansione.

Ciò anche perché la gara bergamasca darà la possibilità di transitare sulle prove speciali che sono state teatro delle scorse edizione del “Rally Aci Monza” ultima prova del campionato mondiale rally. Non a caso infatti lo slogan di questa edizione del “Rally Prealpi Orobiche” è proprio: sulle strade del mondiale. Non ci resta che aspettare l’inizio della nuova edizione del “Rally Prealpi Orobiche” che dal 1977 catalizza l’attenzione degli appassionati bergamaschi e non solo.

Nonostante la pandemia e le restrizioni dovute al COVID-19 gli organizzatori si sono già da alcune messi al lavoro per ulteriormente perfezionare una gara che già lo scorso anno aveva raccolto unanimi consensi.

Presidente di Aci Bergamo Valerio Bettoni: “Siamo arrivati al 36esima edizione del rally, dopo le esperienze del mondiale di due anni fa. Chi viene a Bergamo e partecipa alle manifestazione poi torna sempre molto volentieri. È una gara di due giorni, molto importante. L’Aci sta cambiando e crescendo, in questi due anni siamo aumentati di 1538 iscritti ciò vuole dire che i servizi forniamo sono fatti bene, al momento contiamo circa 25mila membri. C’è grande capacità e velocità nelle risposte”. 

Presidente della Provincia Pasquale Gandolfi: “Intervento che ridà dignità ad un tessuto che è quello delle Valli bergamasche e che mette in luce la loro potenzialità attrattiva. Grazie a quest’evento si può rilanciare parte del loro turismo che solitamente fatica a convergere in questi territori. Oggi l’Aci ha deciso di porre importanti riflessioni sul territorio in termini di viabilità e sul tema del turismo. Legare lo sport ad un attrattività turistica è fondamentale, inoltre tuta la comunità appoggia l’evento e speriamo sia un rilancio delle valli”.

Alessandro Tibiletti delegato nazionale di Aci sport: “Noi mettiamo molto impegno nella gestione della sicurezza delle gare, ci sono molti paletti ed è fondamentale che vengono tutti rispettati. Per organizzare oggi ci vuole anche un pizzico di coraggio, grande professionalità e serietà”.

La novità apportata per questa edizione sta nel fatto che verrà coinvolta la struttura della “Fiera di Bergamo” che ospiterà alcune delle fasi della manifestazione. In particolare verifiche, parco assistenza e riordino saranno ubicate all’interno della Fiera e non più ad Albino. Gli spazi più ampi e più funzionali, i servizi presenti e la posizione alle porte di Bergamo, lungo il percorso di trasferimento, hanno indotto lo staff di Aci Bergamo ad optare per questa soluzione che andrà a migliorare ulteriormente il rally orobico.

Michele Gregis pilota e consigliere di Aci Bergamo: “Questo anno siamo giunti alla 36 edizione di uno dei rally più anziani in Italia, pieno di storia e tradizione. L’anno scorso abbiamo organizzato due tappe del mondiale nella bergamasca, le strade sono molto belle. Il mondiale ci ha premiato e ha riconosciuto la bontà di questi percorsi e le tappe del venerdì e sabato sono state effettuate sulle nostre strade con 8 prove speciali, il 57% di tutte le prove speciali. Quest’anno la grossa novità è l’integrazione della fiera di Bergamo nell’organizzazione della competizione che ci ha dato la possibilità di effettuare riordino e assistenza tra le varie gare. Ad oggi abbiamo 85 partecipanti che è sicuramente un buon numero”.

Giuseppe Pianura direttore Aci Bergamo: “Per Aci questa manifestazione è molto importante perché ci permette di soddisfare le esigenze dei licenziati, delle scuderie e degli organizzatori.  Ogni anni compiamo un grande sforzo organizzativo ed economico ma lo facciamo molto volentieri perché sappiamo di avere il sostegno delle amministrazioni che attraversiamo, della polizia e degli sponsor che ci supportano in tutte le fasi. La formula scelta è quella dei due giorni che abbiamo riscontrato essere molto apprezzata. Inoltre aver fissato una data abbastanza classica fa si che si possa creare un appuntamento fisso nel calendario sportivo che da continuità a risonanza al progetto”.   

Dopo le iscrizioni si proseguirà con il classico iter di un rally che porterà il “Prealpi Orobiche” ancora in quel di Albino, cittadina della media valle Seriana che da anni è il fulcro della gara di Aci Bergamo. Partenza ed arrivo torneranno in Piazza Libertà, davanti al Municipio, mentre la direzione gara sarà ancora all’interno della Acerbis Italia Spa che ancora una volta ospita nella sua prestigiosa sede il cuore pulsante del rally. Le prove speciali vedranno ancora invece protagoniste le nostre vallate e vedranno la conferma della prova dei “Colli di San Fermo” il sabato, ed a seguire domenica “Selvino” e “Valserina” per un totale di circa sessanta chilometri, come previsto dal regolamento di Aci Sport per questa tipologia di competizioni.

La Senatrice Alessandra Gallone: “Mi fa piacere condividere con voi un obiettivo così importante che il parlamento sta trattando proprio in questi giorni che è l’introduzione nella costituzione dello spot. É un provvedimento voluto in maniera trasversale io sono felice di avere firmato in prima persona uno dei disegni di legge che sono stati poi unificati per portare questo momento di grande civiltà. Mi fa molto piacere che questo evento tenga ben in vista il tema della sostenibilità perché in questo periodo stiamo affrontando la transazione ecologica ed energetica ma stiamo affrontando anche un momento molto particolare come quello della pandemia di Covid e dei conflitti in Ucraina. Un altro tema importante è quello del turismo e un iniziativa così da la possibilità di poter ammirare e girare di più il territorio bergamasco”.

La Dottoressa Mirella Pontiggia comandante polizia stradale di Bergamo: “Sono eventi importanti per territorio bergamasco ma tutto ciò deve avvenire in sicurezza sia per i piloti sia per tutti quelli che partecipano. Speriamo di avere lo stesso successo degli altri anni e che soprattutto sia uno specchio anche per il turismo. In questi anni abbiamo fatto grandi cose con l’Aci, come riuscire a portare il mondiale a Bergamo che tra l’altro era stato trasmesso in mondovisione da circa 200 paesi, un occasione per poter mostrare il nostro territorio”.

Sindaco Algua Pier Angelo Acerbis: “Eventi di questa portata permettono a molti di conoscere il nostro territorio. Vi sono tutte una serie di iniziative dal turismo alle associazioni sportive per fare si che gli spettatori e tutti coloro che vi partecipano possano godere della migliore esperienza possibile. Inoltre siamo felicissimi che anche quest’anno il rally passi sul nostro territorio”.

Alla conferenza di presentazione della 36esima edizione del Rally era presente anche Claudio Pedrazzini vice presidente Coni Lombardia e il 15 volte campione mondiale di motociclismo Giacomo Agostini.

La manifestazione è dedicata a Guglielmo Belotti, scomparso prematuramente nel dicembre 2021 a soli 55 anni. Il primo Trofeo a lui intitolato premierà l’equipaggio con il driver più giovane meglio classificato nel Rally Prealpi Orobiche 2022.

“La manifestazione è aperta al pubblico, si invita lo stesso ad assistere solo ed esclusivamente nelle zone delimitate al pubblico della organizzazione”.

Per i concorrenti in gara e per il pubblico che farà da cornice, il 23 e 24 aprile saranno due giorni grandi, con le prove che si correranno sui Colli di San Fermo al sabato e sulle strade di Selvino e Valserina alla domenica. All’equipaggio classificato primo assoluto al 36° Rally Prealpi Orobiche sarà assegnato il “2° Trofeo Sara Assicurazioni”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI