Quantcast
Lo Spazio Polaresco, un’ex colonia elioterapica a due passi dal centro cittadino - BergamoNews
Bergamo segreta

Lo Spazio Polaresco, un’ex colonia elioterapica a due passi dal centro cittadino

Intitolata a Costanzo Ciano, la colonia venne gestita a partire dal 1940 dalla Gioventù Italiana del Littorio (GIL) prima di esser requisita a fini militari e tornare a svolgere il ruolo d’origine a partire dagli anni ‘50

Lo Spazio Polaresco è uno dei principali centri giovanili di Bergamo. Punto d’incontro per le nuove generazioni, la struttura posta all’interno del quartiere Longuelo nasconde fra le proprie mura una storia legata all’ambito medico.

Progettato dall’architetto Oscar Gmür alla fine degli anni ’30, l’edificio ospitò infatti una colonia elioterapica destinata in particolare ai bambini della zona maggiormente in difficoltà.

La cura, basata sull’esposizione ai raggi solari, permetteva infatti di ottenere particolari benefici al fisico fra i quali l’attivazione della vitamina D così come il contrasto di malattie tubercolotiche e in particolare la tubercolosi osteo-articolare, particolarmente attiva all’epoca.

Commissionato dalla Croce Rossa e dall’orfanotrofio femminile del Conventino, lo stabile presenta ancora oggi diversi elementi dell’arte razionalista sviluppandosi su una pianta composta da due ali laterali semicircolari e da un corpo di fabbrica centrale costruito su due piani.

Quest’ultimo è contraddistinto dalla presenza di un’imponente torre di mattoncini rossi la quale ospita in facciata un balconcino e un bassorilievo dove emergono alcuni simboli del periodo fascista. Intitolata a Costanzo Ciano, la colonia venne gestita a partire dal 1940 dalla Gioventù Italiana del Littorio (GIL) prima di esser requisita a fini militari e tornare a svolgere il ruolo d’origine a partire dagli anni ‘50.

Abbandonato alla fine del Novecento, il complesso venne recuperato nel 2005 grazie all’intervento di ristrutturazione coordinato dall’ingegnere Lorenzo Jurina e dagli architetti Sergio Crotti e Enrica Invernizzi dando così vita a uno dei principali punti di aggregazione per i giovani orobici

Fonti
Michela Bassanelli, Maria Cristina Rodeschini; Guida all’architettura di Bergamo 1907-2017; Siracusa; LettereVentidue; 2018

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI