Quantcast
Bramani, Dalmine: "Per la riqualificazione di piazza Sant’Andrea 750mila euro" - BergamoNews
La domenica del sindaco

Bramani, Dalmine: “Per la riqualificazione di piazza Sant’Andrea 750mila euro” fotogallery

Tanti gli interventi per la viabilità e per il verde pubblico. Fontana rimessa a nuovo e in programma 3 notti bianche"

Dalmine. Sicurezza, mobilità e crescita. Questi i tre capisaldi della politica di Francesco Bramani, 43anni, sindaco di Dalmine, eletto a maggio 2019 con una lista di centrodestra, di professione avvocato. “Questi sono e restano i punti fermi dell’operato dell’amministrazione, quelli sui quali abbiamo costruito il programma elettorale. E devo dire che molto è stato fatto e molto deve essere ancora fatto. Lavoriamo sodo, impegnandoci ogni giorno per rendere questa città una realtà migliore e per offrire servizi di qualità ai cittadini. Il mio sogno politico è infatti quello, un giorno, magari a mandato terminato, di incontrare un cittadino che si complimenta con me per il lavoro svolto. Del resto, mai come in questi periodi, per amministrare ci vuole coraggio: tante volte bisogna prendere decisioni impopolari o rompere gli schemi. Per cambiare le cose bisogna osare, diversamente non si combina nulla”.

Sicurezza

E, in questi due anni e mezzo, peraltro segnati dalla pandemia, di cose da mettere in fila ce ne sono state molto, proprio a partire dal concetto di sicurezza, tanto caro alla giunta: “Devo ringraziare le forze dell’ordine con cui siamo costantemente in contatto e con cui lavoriamo molto bene. Negli anni abbiamo esteso gli orari di lavoro, a garanzia della sicurezza dei cittadini, e possiamo anche vantare la presenza sul territorio di Jessie, il cane anti droga a disposizione della polizia locale, un pastore tedesco bravissimo, addestrato da Fausto Gastoldi. Abbiamo anche aumentato il numero delle telecamere di sorveglianza nelle scuole e nei parchi ed è attiva una fattiva collaborazione anche con i dirigenti scolastici per prevenire e spegnere, laddove ci siano, episodi di disordine pubblico legato al fenomeno delle baby gang. A marzo, poi, abbiamo anche regalato alla cittadinanza femminile, alle donne, in collaborazione con l’associazione Minerva, una giornata dedicata all’autodifesa, iniziative che continuano anche durante l’arco dell’anno. E sabato abbiamo inaugurato il rifugio antiaereo che ha subìto un intervento di restauro molto bello, luogo che sarà poi aperto al pubblico per essere visitato”.

Mobilità

Sul capitolo mobilità, i progetti sono davvero molti: “Abbiamo realizzato nuove rotatorie al confine con Osio Sotto, nella zona delle piscine e anche in prossimità dell’hotel Daina, messo in sicurezza l’incrocio del velodromo raddoppiando la corsia, ripristinato il doppio senso in via Verdi, la via delle scuole, favorendo quindi lo scorrimento di chi lavora a scuola o accompagna i figli, utilizzeremo i 4 milioni di euro ricevuti dalla Regione per sistemare il tratto di strada, l’ex strada delle valli, che collega il nostro comune a Treviolo, creando di fatto una bretella alternativa che ripristinasse una regolare circolazione anche sul quartiere di Sforzatica, riqualificheremo il Cral, il centro ricreativo del dopo lavoro ferroviario della Dalmine e lo abbiamo fatto grazie a 2,2 milioni della Regione. Abbiamo spostato la sede della polizia locale e l’anagrafe nell’edificio dell’ex sala civica, rimessa a nuovo, creando anche un’area verde attorno, abbiamo investito 400mila euro per il rifacimento della fontana e rifatto anche la pavimentazione, sperando che il tutto sia pronto per fine maggio, in occasione delle prima delle notti bianche organizzate dall’amministrazione”.

Per la riqualificazione del centro del paese, l’amministrazione ha investito circa 400mila euro dalle casse: “L’obiettivo è quello di farlo tornare ad essere un luogo della socialità, vivibile. In questo senso, anche gli interventi sul verde pubblico sono stati molto significativi. Abbiamo riqualificato i viali togliendo i pini marittini che erano malati e ripiantando altri alberi. Ci tengo a sottolineare che, laddove le piantumazioni sono state tolte, sono state rimesse in almeno egual misura. Ci teniamo moltissimo a questo tema, tanto che abbiamo anche incaricato diversi paesaggisti per farci dare un parere sugli interventi da effettuare”.

E la sistemazione della piazza della frazione di Sant’Andrea, intervento atteso da 20 anni: “Entro la fine del mese verrà assegnato l’appalto, abbiamo investito 750mila euro per i lavori. Partirà a breve e credo verrà pronto tra settembre e ottobre. Un traguardo, come pure la sistemazione del velodromo, un intervento complesso e dalle mille sfaccettature”.

Commercio

Uno sguardo anche al commercio: “Queste sono iniziative in crescita, a cui teniamo molto, come ad esempio le notti bianche, l’Exponiamo Dalmine, il Villaggio di Natale. Lavoriamo molto bene con Opec e credo che siamo stati in grado di dare un buon contributo, come del resto quello rivolto al mondo sociale: sono fiero della collaborazione tra l’amministrazione comunale e la parrocchia, con le tante associazioni presenti sul territorio, con la Caritas e tanti altri partners. In questo senso mi senti davvero di ringraziare tutti, in primis a Cinzia Terzi, il mio assessore ai servizi sociali, perché il nostro sguardo è sempre rivolto a chi ne ha più bisogno”.

Le passioni 

E, infine, uno sguardo anche all’uomo, oltre che all’amministratore: “Sono appassionato da sempre di viaggi, ho viaggiato molto e il mio sogno nel cassetto è il Giappone. Ho visitato parecchio il nord e il sud America, l’Africa, il Brasile, la Colombia, la Cambogia e molti altri Paesi. Nel tempo libero, poco tra professione e comune, mi piace rilassarmi camminando, da solo, con le cuffie. Mi piace leggere, soprattutto le biografie e i romanzi, e ho una grandissima passione per i cani. Ho due bulldog francesi, Rocco e Mia, che stanno sempre insieme a me”. Un trascorso da rugbista e una fede atalantina, oltre che l’interesse per la politica, ereditato da papà Antonio: “Mio papà ha fatto il sindaco per la Lega tra il ’95 e il ’99. Fin da ragazzo ho respirato quest’aria in casa, tanto poi da candidarmi. Sul mio futuro politico non mi esprimo, non cosa cosa succederà. Al momento lavoro per il bene del mio comune”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI