L'arresto

Rapina alle poste di Castelli Calepio, arrestati i tre banditi

I fatti risalgono al febbraio 2021. In manette un 43enne kosovaro residente a Cavernago, un 52enne di Blevio e un 51enne di Como

CASTELLI CALEPIO. Arrestati i tre presunti responsabili della rapina avvenuta all’ufficio postale di Castelli Calepio. Alle prime luci dell’alba, infatti, i carabinieri della Compagnia di Bergamo, coadiuvati dai militari del Comando Provinciale di Como, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone, accusati di rapina aggravata, ricettazione e porto abusivo di armi da fuoco, in concorso.

I fatti risalgono allo scorso febbraio 2021 quando, nel Comune di Castelli Calepio, due uomini travisati con casco e sciarpa ed uno dei quali armato di pistola, hanno rapinato l’ufficio postale, portando via circa 1000 euro e dandosi alla fuga in sella ad uno scooter.

Poche ore dopo la rapina, i carabinieri di Grumello del Monte, che hanno condotto le indagini coordinati dalla Procura della Repubblica di Bergamo, avevano infatti trovato lo scooter utilizzato dai malviventi, scooter risultato poi rubato nel milanese. Da lì, attraverso la visione di decine di telecamere di videosorveglianza comunali e private, hanno ricostruito i movimenti dei rapinatori, puntando l’attenzione sul fatto che lo scooter in questione era quasi sempre seguito da una macchina. Grazie a questi elementi, oltre a successivi accertamenti tecnici, i militari sono così riusciti a dare un nome ai tre presunti autori, nelle cui rispettive abitazioni, nel corso di perquisizioni, erano stati trovati anche una parte degli indumenti indossati nella rapina.

Sabato mattina dunque è stata data esecuzione all’ordinanza del Gip del Tribunale di Bergamo che ha disposto la custodia cautelare in carcere. Due dei tre arrestati, un 52enne residente a Blevio ed un 51enne di Como, entrambi già con precedenti specifici, sono stati individuati e raggiunti nella loro abitazione, mentre il terzo uomo, un 43enne di origini kosovare, anch’egli già con precedenti e residente a Cavernago, è stato arrestato nel suo comune. I tre sono stati poi portati in carcere a Bergamo.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI