Clima

A fine mese torna la pioggia, ma durerà? La siccità rischia di perdurare

Edoardo Ferrara (3bmeteo): "Dopo lunga latitanza dal 30 marzo ai primi giorni di aprile tornano i temporali, ma è presto per capire se basterà a risolvere il deficit idrico”

“Dopo lunga latitanza tornano piogge e temporali su gran parte d’Italia, finalmente anche sulle assetate terre del Nord. Temperature in netto calo, venti forti e neve sia su Alpi che Appennino”. Queste le previsioni di Edoardo Ferrara, esperto di 3bmeteo.com, con riferimento ai giorni che dal 30 marzo vanno ai primi di aprile.

Tornano le grandi piogge

“Dopo mesi di egemonia dell’alta pressione, con solo qualche defaillance soprattutto al Sud, ora la situazione sta per cambiare radicalmente  – conferma il meteorologo -. Correnti artiche dilagheranno sull’Europa centro-settentrionale e successivamente punteranno il Mediterraneo, smantellando letteralmente l’anticiclone e portando finalmente piogge e temporali su gran parte delle assetate terre d’Italia, anche al Nord”.

Temporali e forte vento

“Prima perturbazione in arrivo il 30-31 marzo – prosegue Ferrara – con piogge e temporali che in questa prima fase colpiranno in modo particolare il versante tirrenico, ma finalmente anche il Nord Italia, sebbene dovrebbero essere coinvolte soprattutto le regioni di Nordest. Inizialmente diverse aree del Nordovest potrebbero infatti vedere poche precipitazioni, tuttavia nei primi giorni di aprile un ulteriore affondo artico dovrebbe rinnovare rovesci e temporali più direttamente anche su queste regioni, oltre che sul resto dello Stivale. Il tutto accompagnato da un netto rinforzo dei venti dapprima di Scirocco e Libeccio, poi anche Ponente e Maestrale con raffiche talora superiori ai 70-80km/h su versante tirrenico, Sicilia e Sardegna.”

Temperature in calo

“Le temperature molto miti di questi giorni diventeranno un ricordo, con ingresso di aria via via più fredda da Nord – avverte inoltre Ferrara – responsabile di un netto calo termico da fine mese, nell’ordine anche di 8-10°C se non oltre in montagna e a partire dalle regioni settentrionali. Contestualmente tornerà a nevicare su Alpi e Appennini dapprima a quote medio-alte, ma con fiocchi non esclusi fin sotto gli 800-1000m nei primi giorni di aprile.”

Siccità risolta?

“Dipenderà dalla durata ed estensione delle precipitazioni. Ad oggi si tratta di un cambiamento abbastanza radicale con una fase instabile e piovosa che durerà almeno qualche giorno, quindi una vera e propria boccata d’ossigeno. Tuttavia è presto per capire se davvero verrà risolto il deficit idrico che al momento risulta davvero notevole e che questo episodio, qualora risultasse fine a sé stesso e non seguito da altre piogge, certamente non risolverebbe del tutto”, concludono da 3bmeteo.com

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI