Quantcast
Volley Bergamo, che vittoria con Firenze: va in fuga, si fa riprendere e poi chiude in rimonta il tie-break - BergamoNews
Serie a1

Volley Bergamo, che vittoria con Firenze: va in fuga, si fa riprendere e poi chiude in rimonta il tie-break

Due punti pesantissimi che permettono di staccare Trento e Roma e allungare in classifica

Bergamo. Che notte incredibile al PalaSport! Che vittoria, che entusiasmo, che gioia rossoblù al termine di un infinito match che in oltre due ore di gioco regala due punti pesanti al Volley Bergamo 1991. Punti che permettono di staccare Trento e Roma e allungare.

A dispetto dell’equilibrio che regna nel punto a punto, nei primi tre set le rossoblù danno sempre l’impressione di poter controllare la gara, non si fanno intimorire dai passi avanti delle ospiti, cedono il terzo parziale di un soffio, ma poi si fanno rimontare. E quando nel tie break tutto sembra perduto, ecco la reazione, ecco lo strappo che porta alla vittoria.

Assenti May e Butigan, nel sestetto che solo tre giorni fa ha battuto Roma entrano Cagnin e Ogoms. Di Iulio distribuisce al centro e ai lati e l’avvio del match è una sinfonia in cui spiccano i 5 punti di Lanier e Cagnin (83% di efficacia per la giovane schiacciatrice), i 4 di Ogoms (2 attacchi accompagnati da 2 muri), i 3 di Schoelzel (1 muro) e Loda. Finisce ai vantaggi, con Bergamo che si regala subito il vantaggio (26-24).

Il Bisonte, dopo aver chiuso il primo set in crescendo, dopo il cambio di campo prova subito il sorpasso, ma Ogoms (3 muri nel secondo parziale) agguanta la parità (8-8) e con il turno di battuta di Lanier (1 ace e 4 attacchi nel parziale) arriva l’allungo (+4) che il Volley Bergamo 1991 amministra con gli attacchi di Loda (5) fino al colpo decisivo di Cagnin (25-20).

Le rossoblù provano a contenere il nuovo assalto delle toscane che portano nuovamente ai vantaggi il parziale, Loda annulla il set point sul 24-25, Firenze ci riprova ma manda out sul 25-26, Loda annulla di nuovo (26-27), ma all’ennesimo tentativo, Il Bisonte chiude con Nwakalor (27-29).

La sfida si riapre, Cagnin e Lanier rispondono colpo su colpo ai tentativi di fuga di Firenze ed è una rincorsa, da entrambi i lati della rete: Bergamo si trova sotto  prima 16-19 e poi 18-22, prova a reagire, ma lo strappo finale è de Il Bisonte che porta la gara al tie break.

Ora è Firenze che passa a prendere in mano le redini del gioco e al cambio di campo è 3-8. Loda e un ace di Lanier rimettono in gioco Bergamo, poi l’ace di Sylves (5-11) sembra lo stacco fatale, ma Cagnin e Ogoms tengono in gioco le rossoblù, si risale 11-12. Cagnin risponde a Van Gestel  e mura Nwakalor: 13-13. Belien fa 14 e lo stesso fa Lanier. Un attacco out di Firenze e Lanier ribaltano il set e regalano 2 punti fantastici a Bergamo.

HANNO DETTO. Emma Cagnin, premiata MVP a fine gara: “Speriamo di aver capito da questa esperienza come reagire: anche quando tiriamo il freno a mano dobbiamo saper innescare la marcia e magari passare subito alla quinta… Noi siamo quelle degli ultimi cinque punti, quelle che spingono e reagiscono per recuperare i punti persi per strada”.

NEXT MATCH. Domenica alle 19:30, Volley Bergamo 1991 sarà ospite di Chieri. Il match sarà trasmesso in diretta da SkySport.

Il tabellino

Volley Bergamo 1991-Il Bisonte Firenze 3-2  (26-24, 25-20, 27-29, 19-25, 16-14)

Bergamo: Ogoms 14, Di Iulio 2, Schölzel 10, Lanier 24, Loda 16, Cagnin 21, Faraone (L); Öhman, Cicola, Borgo, Turlà. All. Micoli

Firenze: Cambi 3, Van Gestel 26, Belien 11, Enweonwu 8, Graziani 4, Nwakalor 22, Panetoni (L); Lapini, Knollema 2, Bonciani, Sylves 13, N.e. Golfieri (L), Diagne. All. Bellano

Arbitri: Rossella Piana e Mauro Goitre

Battute Vincenti: Bergamo 2, Firenze 4

Battute Sbagliate: Bergamo 13, Firenze 8

Muri: Bergamo 12, Firenze 11

Errori: Bergamo 23, Firenze 26

Durata set: 26’, 23’, 34’, 26’, 23’

Spettatori: 358

Incasso: 1.744 euro

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI