Quantcast
Carote protagoniste: le proprietà e la ricetta, al forno con lo speck - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Ortofrutta

Ortofrutta

Carote protagoniste: le proprietà e la ricetta, al forno con lo speck

Sono disponibili in buoni quantitativi, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare con prezzi stabili o in lieve ribasso

Bergamo. Sono le carote il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Sulla piazza sono disponibili in buoni quantitativi, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia si possono trovare con prezzi stabili o in lieve ribasso.

La qualità è soddisfacente e si attesta entro livelli nella norma per il periodo.

Accanto alle varietà comuni è reperibile la carota novella di Ispica, specialità siciliana, che si contraddistingue per la superficie pulita, lucida e priva della radice apicale, il colore arancione intenso e un sapore peculiare, dalle note accentuate. In questo caso le quotazioni sono superiori in quanto commisurate all’elevato livello qualitativo di una merce di nicchia.

Dotate di svariate proprietà per la salute e il benessere dell’organismo sono una vera e propria miniera di minerali. Grazie alla loro composizione, sono consigliate in caso di carenze di queste sostanze, rappresentando un valido aiuto naturale.

Inoltre, gli alimenti di colore rosso, giallo o arancione, come le carote, ricche di beta-carotene, favoriscono la bellezza della pelle e, in particolare, l’abbronzatura. Il beta-carotene, infatti, stimola la produzione di melanina, una sostanza che agisce da pigmento con funzione fotoprotettiva, per limitare l’azione dei raggi ultravioletti.
Non è tutto: i minerali e la vitamina E presenti in questi ortaggi le rendono benefiche per lo scheletro, per i muscoli, ma anche per pelle, capelli e sistema nervoso.

Estremamente versatili, sono perfette da mangiare crude in insalata, o cotte, come base di molte preparazioni. Per chi volesse sbizzarrirsi e dare sfogo alla propria fantasia, in cucina sono indicate per realizzare appetitose peperonate e ottime giardiniere, ideali per accompagnare un buon antipasto, ma sono utili anche per sfiziosi flan, originali sorbetti, passati di verdura, minestroni e salse.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, proseguendo fra le verdure, si annotano prezzi in lieve rialzo per i finocchi. La loro origine è prevalentemente nazionale e provengono soprattutto dalle regioni italiane meridionali e la qualità è buona.

Le melanzane, i peperoni e i cavoli nella maggior parte dei casi arrivano dall’estero. I volumi più rilevanti su cui si può contare giungono dalla Spagna, mentre si rileva una certa carenza di quelli nazionali. A incidere sono gli scioperi in corso nel settore dei trasporti in Italia, che determinano una contrazione dell’offerta Made in Italy.
I valori di mercato sono stabili e allineati alla media del periodo così come la qualità della merce su cui si può contare.

Anche per i pomodori la merce è in prevalenza estera: arriva dalla Spagna e dal Marocco spaziando fra la varietà cuore di bue e il ramato (conosciuto anche come pomodoro a grappolo). L’offerta, dunque, è ampia e in grado di soddisfare le più differenti preferenze della clientela. A causa delle agitazioni dei trasportatori, invece, scarseggia il raccolto italiano.

Per quanto riguarda le zucchine, vi sono due partite: quelle iberiche e quelle italiane, provenienti soprattutto dall’areale produttivo laziale di Latina, che al momento rappresenta un riferimento per l’Italia. Il costo degli esemplari italiani è più sostenuto a fronte di una qualità differente, superiore rispetto alla merce spagnola.

Passando al reparto della frutta, si evidenzia una buona la disponibilità delle fragole, in modo particolare della varietà Candonga, proveniente dalla Basilicata. Nonostante siamo in anticipo rispetto alla normale stagionalità, il livello qualitativo è molto elevato e riesce a rispondere alle esigenze dei consumatori. Le quotazioni sono in lieve rialzo anche se rientrano nella media del periodo.

Provengono soprattutto dall’estero i piccoli frutti, in virtù di un andamento climatico maggiormente favorevole alla loro produzione. Le temperature più miti, infatti, ne favoriscono la coltivazione in misura significativa.

Più precisamente, i lamponi sono portoghesi e i mirtilli spagnoli così come le more, mentre i ribes generalmente sono olandesi. I prezzi risultano in rialzo a causa di fisiologiche variazioni dei quantitativi, mentre la qualità è nella media.

Sono soprattutto nazionali i kiwi: l’assortimento è buono e i costi sono in aumento soprattutto per la varietà gold, a polpa gialla, presente in volumi inferiori. Non ci troviamo più, infatti, nel vivo della stagione e la quantità comincia a diminuire.

Per concludere, per le arance si evidenzia un buon prodotto nazionale al quale si affianca merce spagnola, mentre le clementine ora sono esclusivamente iberiche.

LA RICETTA DELLA SETTIMANA

carote forno speck

 

Carote al forno con speck
(a cura di Blu Mirtillo)

Ingredienti

8 Carote
8 fette di speck
Pepe nero in grani
Sale
Pepe
Olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio Aceto balsamico

Preparazione

Pulite e pelate le carote

Cucinatele a vapore finchè non diventano morbide

Fatele intiepidire

Arrotolate ogni carota con una fettina di speck

Oliate una teglia da forno

Mettete le carote nella teglia

Aggiustate di sale e pepe

Aggiungete pepe nero in grani

Unite il cucchiaio di aceto balsamico

Infornate a 200° per 10 minuti

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI