L'operazione

Dal petrolio all’acqua, il Gruppo OMB punta alle energie rinnovabili e acquista le valvole Nencini

Simone Brevi: "Siamo molto orgogliosi di comunicare lo sviluppo del gruppo OMB nel mondo delle rinnovabili, attraverso uno dei brand storici nella produzione di valvole per il settore acque"

Bergamo. Il Gruppo OMB di Cenate Sotto ha acquisito dal Gruppo Ipi la Nencini Spa di Siena. Un’operazione che apre al gruppo bergamasco – tra i maggiori produttori di valvole per l’industria energetica, in particolare petrolio – il mercato delle valvole idrauliche.

“Abbiamo acquisito la Nencini di Siena dal gruppo Ipi, una società specializzata in valvole di grandi dimensioni per  dighe e centrali idrauliche – afferma Simone Brevi amministratore delegato della Omb Valves Spa di Cenate Sotto, holding del gruppo Omb -. Un’operazione che ci permette di sposare la nostra attenzione verso le energie rinnovabili in un momento nel quale il mondo sta vivendo la transizione energetica. Così ci siamo allineati alle esigenze di mercato, stiamo spostando il nostro focus”.

“Siamo molto orgogliosi di comunicare lo sviluppo del gruppo OMB nel mondo delle rinnovabili, attraverso uno dei brand storici nella produzione di valvole per il settore acque. Fondata nel 1967, Nencini porta 50 anni di esperienza nella progettazione e nella produzione per svolgere qualsiasi lavoro in modo efficiente ed efficace – si legge in una nota diramata da OMB -. Inizialmente producendo valvole di sfiato per centrali idrauliche e valvole di scarico per condotte di acqua potabile e di irrigazione, abbiamo ampliato a nostra produzione includendo grandi valvole di dissipazione dell’energia per centrali idrauliche e valvole di scarico per dighe. La nostra conoscenza e competenza nella produzione è rafforzata dalla profonda comprensione dei fenomeni di cavitazione e vibrazione. Questo know-how ingegneristico ci ha portato alla progettazione e produzione di valvole più durevoli ed efficienti. Con la crescente domanda globale di applicazioni speciali, Nencini svolge un ruolo importante nella fornitura di valvole idrauliche personalizzate attualmente installate in molti diversi sistemi di servizi idrici in tutto il mondo”

nencini omb valve


Dottor Brevi, com’è nata questa opportunità?

“Alcuni nostri clienti ci avevano segnalato questa società, abbiamo fatto le dovute valutazioni e abbiamo capito che era adatta al nostro sviluppo – prosegue Brevi -. La Nencini crea valvole molto grandi per il settore idraulico, impianti che necessitano di altre valvole di dimensioni diverse che produciamo noi di OMB. Abbiamo identificato questa opportunità e abbiamo investito”.

Voci dicono che avete anche salvato posti di lavoro. Conferma?
“Diciamo che la società non era in momento florido e siamo intervenuti al momento opportuno. Abbiamo confermato i 22 posti di lavoro e manterremo la produzione in provincia di Siena dove sono molto attivi e forti, anche se questa operazione apre a sviluppi e business per i nostri siti di produzione in bergamasca. La Nencini ha un fatturato di 8 milioni di euro contro i quasi 200 milioni di fatturato non consolidato della OMB, ma ci apre a nuovi settori in grande sviluppo”.

Quanti dipendenti conta oggi il vostro gruppo?
“Lavorano con noi circa 500 persone e siamo presenti in dodici paesi: Giappone, Corea, Cina, Singapore, Dubai, Emirati Arabi Uniti, Italia, Francia, Inghilterra, Norvegia, Canada e Usa”.

L’acquisizione per la OMB è stata seguita dall’avvocato Emanuele Cortesi, socio dello studio CMA Caffi Maroncelli Associati di Bergamo, affiancato dall’avvocato Matteo Ghilardi e dall‘avvocato Mauro Alessio. A seguire l’operazione per la parte del Diritto del Lavoro è stata l’avvocato Sara Cortinovis sempre dello studio CMA, mentre la parte fiscale è stata seguita da Riccardo Rapelli dello studio BNC Berta Nembrini Colombini di Bergamo.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI