Quantcast
È il momento delle pere: usale per preparare la torta con ricotta e cuore di cioccolata - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Ortofrutta

Ortofrutta

È il momento delle pere: usale per preparare la torta con ricotta e cuore di cioccolata

Ci troviamo nel vivo della stagione di questi frutti, che resteranno sulla piazza ancora per qualche settimana

Bergamo. È la pera Decana il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. L’origine è prevalentemente estera, la maggior parte degli approvvigionamenti arriva dall’Olanda ma si può trovare anche qualche partita dal Belgio.

Ci troviamo nel vivo della stagione di questi frutti, che resteranno sulla piazza ancora per qualche settimana, quindi per gli estimatori siamo nel momento giusto per acquistarli dal proprio fruttivendolo o ambulante di fiducia. Nella massa la qualità è elevata ma i quantitativi risultano piuttosto limitati, pertanto i prezzi risultano tendenzialmente superiori rispetto alla media del periodo.

Dotate di svariate proprietà per la salute e il benessere dell’organismo, sono ricche di polifenoli, che svolgono un’azione antiossidante e proteggono dai danni causati dai radicali liberi. In questo senso, il loro consumo aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari.

Solitamente, poi, sono inserite nelle diete iposodiche: contenenti abbondanti quantitativi di zuccheri semplici, riescono a dare energia, conferendo un senso di sazietà. Inoltre, sono composte da acqua, proteine, potassio, fosforo, calcio, magnesio, ferro e fluoro, acido folico, rame e zinco, vitamina A, B1, B2, B3, B5 e B6, C, D, K e J, ma anche fibre, utile a regolarizzare l’intestino.

Il succo di pera, invece, aiuta a far scendere la temperatura corporea, per questo è consigliato assumerne sia d’estate sia quando si soffre di febbre alta, ma anche per chi è iperteso, ha problemi alla gola e alle corde vocali, perché svolge un ruolo antinfiammatorio. Per sfruttare appieno tutte le proprietà di questi frutti, come sempre, è consigliato consumarli freschi perchè, con la cottura o la lavorazione, molte sostanze nutrienti vengono eliminate.

In cucina vengono spesso adoperate per preparare confetture e succhi di frutta, ma anche macedonie, frullati e cocktail. Possono essere usate per primi piatti, come il gustoso risotto gorgonzola, pere e noci; per accompagnare ottimi secondi, quali arrosti di vitello o filetti di orata; o per dessert sempre apprezzati, come la classica torta di cioccolato e pere.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, proseguendo nel reparto della frutta, fra gli agrumi spicca la presenza di diverse partite di arance italiane varietà Tarocco. La qualità è buona e sono reperibili svariate tipologie di calibri in grado di soddisfare le differenti esigenze della clientela.

L’areale produttivo di riferimento resta la Sicilia, regione tradizionalmente vocata alla coltivazione di questi frutti.

Mantengono quotazioni stabili le mele e le pere, che esprimono un buon livello di qualità. Le prime si possono trovare in gran parte provenienti dal Trentino, mentre le seconde possono avere origini differenti. Per il raccolto italiano la regione protagonista è l’Emilia Romagna, per la varietà Decana – come accennato in precedenza – la maggior parte del raccolto proviene da Olanda e Belgio, mentre per le William c’è anche merce sudafricana.

Per quanto riguarda le fragole, si può contare sulla varietà Candonga, dalla Basilicata, che si contraddistingue per un ottimo rapporto fra qualità e prezzo. Il livello qualitativo è molto buono e il valore di mercato risulta in lieve diminuzione.

I kiwi hanno origine greca e italiana: la qualità rientra entro standards tipici della media del periodo e gli esemplari della Grecia al momento sono leggermente più economici. Si parla dell’Hayward, la tipica varietà a polpa verde, ma sta proseguendo anche la campagna commerciale di quelle a polpa gialla e rossa, presenti in volumi inferiori, quindi, con quotazioni più sostenute.

Passando al comparto orticolo, si nota che le melanzane provengono principalmente dalla Sicilia, ma permane anche un buon raccolto spagnolo: in entrambi i casi il costo è tendenzialmente stabile, in lievissima diminuzione.

I peperoni sono quasi esclusivamente spagnoli: la qualità è ottima e gli esemplari gialli hanno quotazioni superiori rispetto a quelli rossi.

Fra i pomodori, i costoluti tipo Marinda evidenziano un’ottima qualità a fronte di un prezzo in lieve ribasso e l’areale di riferimento è la Sicilia, mentre per le varietà a grappolo, vale la pena di soffermarsi sul ciliegino e sul datterino, che hanno quotazioni in leggero calo. Analogamente, si contrae il valore di mercato dei pomodorini Pixel, di piccole dimensioni, ideali per la salsa.

Per concludere, le zucchine arrivano in prevalenza da Latina, nel Lazio: la disponibilità è buona, i prezzi sono stabili e la qualità rientra nella media del periodo, comunque elevata.

 

LA RICETTA

Torta di pere e ricotta con cuore di cioccolata

Ingredienti

Per le pere:
– 800 g pere (Abate o Decana)
– 1 succo d’arancia
-2 cucchiai zucchero

Per l’impasto:
– 4 uova (medie)
– 150 g zucchero
-1 pizzico di sale fino
– 250 g di farina 00
-16 g Lievito in polvere per dolci
-250 g di ricotta vaccina
– 1 cucchiaio Latte
– 1 ml di aroma di fior d’arancio
-50 g di arancia candita a cubetti
-200 g Cioccolato al latte (o fondente)
– q.b. Burro (per ungere la tortiera)

Per decorare:
– q.b. Zucchero a velo

Preparazione

Iniziamo la preparazione della torta di pere e ricotta con cuore di cioccolata trasferendo la ricotta in una ciotola.
Aggiungiamo un cucchiaio di latte ed 1 milligrammo di aroma fior d’arancio e lavoriamola con un cucchiaio fino a renderla omogenea e cremosa.
Teniamola da parte.

In un’altra ciotola setacciamo la farina con il lievito, in modo da evitare la formazione di grumi.
Teniamoli da parte.

Laviamo e sbucciamo le pere.
Eliminiamo il torsolo centrale e tagliamole a fettine sottili.

Trasferiamole in un recipiente assieme al succo di un arancia ed a due cucchiai di zucchero.
Amalgamiamo bene il tutto, in modo che le pere mantengano il loro colore e non anneriscano durante il tempo necessario per la preparazione dell’impasto.
Trasferiamone una parte in una ciotolina da utilizzare alla fine per la decorazione della torta.

Procediamo ora con la preparazione dell’impasto.
Tutti gli ingredienti dovranno essere a temperatura ambiente!
Potete procedere con l’impastatrice, come ho fatto io, o anche con delle fruste elettriche.
In una capiente ciotola uniamo: le uova intere, lo zucchero semolato ed un pizzico di sale.
Lavoriamo il tutto (con le fruste elettriche o l’impastatrice), dapprima a velocità bassa e poi, man mano, a velocità più alta e fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso che raddoppi di volume.

Aggiungiamo anche la ricotta, incorporandola un po alla volta e sempre con le fruste in azione.
Una volta incorporata la ricotta e sempre con le fruste in azione aggiungiamo anche la farina ed lievito (precedentemente setacciati), con un cucchiaio ed un po alla volta, man mano che si amalgamano al composto.

Ottenuto un composto omogeneo, spegniamo le fruste (o l’impastatrice) e procediamo a mano.
Aggiungiamo le pere, ben sgocciolate (teniamone da parte qualche fettina da utilizzare alla fine per decorare la superficie) e l’arancia candita.
Amalgamiamo bene il tutto, con una spatola, girando delicatamente dal basso verso l’alto.

Imburriamo la tortiera, meglio se a cerniera apribile (io ho voluto utilizzare una tortiera a forma di cuore ma va benissimo anche una tortiera tonda del diametro di 24 cm).
Con una spatola versiamo una parte di impasto fino a ricoprire tutta la base della tortiera (per circa 2/3 , come in foto).
Ricopriamo tutta la superficie con i quadratini della barretta di cioccolata.
Quindi terminiamo ricoprendo il tutto con il restante impasto, compattandolo e livellandolo con la spatola.

Decoriamo tutta la superficie della torta con le fettine di pere che avevamo tenuto da parte.
Cuociamo la torta di pere in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 55-60 minuti (regolatevi anche in base al vostro forno).
Consiglio: Trascorso questo tempo, vi consiglio di verificare la cottura, sfornandola ed inserendo al centro uno stuzzicadenti. Se risulterà ancora molto umido e l’impasto tenderà ad attaccarsi, vorrà dire che necessita ancora di altri minuti di cottura.
Se dovesse iniziare a scurirsi troppo, proseguite la cottura coprendo la superficie con carta stagnola!

Una volta terminata la cottura, sforniamo la nostra torta e lasciamola raffreddare completamente prima di estrarla dalla tortiera.

Prima di servirla, decoriamo la torta di pere con un po di zucchero a velo!

La torta di pere e ricotta, impreziosita dalle note aromatiche dell’arancia e con un irresistibile cuore di cioccolata è pronta per essere gustata e sarà una sinfonia di sapori e consistenze ad ogni morso.

La ricetta, pubblicata sul blog di GialloZafferano, è realizzata da Isabella. Puoi consultare le sue proposte culinarie seguendo la sua pagina Facebook, “Piovono Ricette“.

È possibile seguire le sue videoricette su YouTube, sul suo canale, mentre per tutte le altre ricette si può visitare il suo blog, cliccando qui.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI