Quantcast
3M di Grassobbio, energia al 100% da fonti rinnovabili e forte riduzione di emissioni - BergamoNews
Sostenibilità

3M di Grassobbio, energia al 100% da fonti rinnovabili e forte riduzione di emissioni

Nell’ultimo triennio il sito ha visto una riduzione dei consumi d’acqua del 60%, dell’energia del 20% e delle emissioni di CO2 di 17 tonnellate e punta alla carbon neutrality entro la fine del 2022. Anche i dipendenti sono coinvolti in questo impegno: una voce nel premio di produzione è direttamente collegata alla capacità di contribuire a minimizzare l’impatto ambientale del sito

Grassobbio. Lo stabilimento di 3M di Grassobbio è sempre più “verde”. Dal 2022, infatti, l’azienda ha deciso di adottare per il sito energia prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili. Il plant, inoltre, sta registrando importanti risultati anche dal punto di vista del contenimento dei consumi.

Solo nell’ultimo triennio (2018-2021), ha conseguito una diminuzione del 60% del consumo di acqua, del 20% del consumo di energia e una riduzione delle emissioni di CO2 di ben 17 tonnellate, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi sfidanti di 3M a livello globale.

Il percorso verso la sostenibilità dello stabilimento di 3M, multinazionale americana che traduce la scienza in soluzioni capaci di migliorare concretamente la vita di tutti i giorni, è iniziato da oltre 10 anni, con il progressivo contenimento dei consumi ma anche attraverso l’innovazione di prodotto. Nel plant vengono prodotti nastri adesivi ad uso industriale e specialistico a marchio Scotch, uno dei brand iconici di 3M. Al fine di ridurre l’impatto ambientale del sito, tra il 2019 e il 2020 è stata completamente dismessa la produzione di adesivi a base solvente, a favore di soluzioni più sostenibili, come la tecnologia hot melt e quella acrilica.

Nell’impegno per l’ambiente sono coinvolti in prima persona anche i 75 dipendenti dello stabilimento. Per il triennio 2021-2023, infatti, in accordo con le rappresentanze sindacali, si è concordato di inserire all’interno del premio di produzione una specifica voce legata alla sostenibilità.

I dipendenti sono invitati a presentare complessivamente almeno 3 idee che contribuiscano a migliorare la sostenibilità del sito. Si tratta di una prassi ormai consolidata da parte dei dipendenti di 3M, che già gli scorsi anni hanno proposto e implementato diverse iniziative con questo obiettivo, in un’ottica di innovazione e miglioramento continuo. Lo scorso anno, ad esempio, nel conferimento del polipropilene da riciclo, un miglioramento nel metodo di stoccaggio all’interno delle ceste di recupero ha permesso di far risparmiare ogni mese un camion di propilene, con una conseguente riduzione delle emissioni. Un ulteriore risparmio delle emissioni è stato inoltre ottenuto dal caricamento dei mezzi con i materiali della produzione direttamente dal sito al centro europeo di distribuzione di Carpiano, in provincia di Milano, senza transitare dal magazzino.

“Siamo orgogliosi degli importanti risultati che lo stabilimento di Grassobbio ha raggiunto grazie al lavoro svolto in materia di sostenibilità e tutela dell’ambiente, in linea con i protocolli internazionali. Il nostro prossimo obiettivo è quello di portare il plant alla carbon neutrality entro la fine di quest’anno” – ha dichiarato Mario Ghiggini, Direttore dello stabilimento 3M di Grassobbio. “Non ci vogliamo focalizzare però solo sul sito. Riteniamo, infatti, che sia necessario creare una cultura di sostenibilità tra i dipendenti, al fine di ispirare comportamenti virtuosi, che possano essere trasmessi anche ai nostri stakeholder esterni. Si tratta di un impegno che stiamo già portando avanti con i clienti, aiutandoli per esempio a presentarsi sul mercato con packaging più sostenibili”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI