Il progetto

Una nuova sede per la Fondazione Dalmine: partiti i lavori all’ex foresteria

Ha preso il via nei giorni scorsi l’intervento di ristrutturazione sullo storico edificio di Piazza Leonardo da Vinci

Dalmine. Ha preso il via nei giorni scorsi l’intervento di ristrutturazione sullo storico edificio di Piazza Leonardo da Vinci a Dalmine, un tempo utilizzato come foresteria aziendale.

L’edificio, destinato a diventare la nuova sede della Fondazione Dalmine ETS, è stato progettato nel 1925 dall’architetto milanese Giovanni Greppi con l’obiettivo di ospitare tecnici in permanenza temporanea in azienda. Ampliato nel 1937 e successivamente nel 1960 con l’aggiunta di nuovi spazi funzionali, ha ospitato anche la mensa aziendale fino al 1990, data della sua chiusura.

L’intervento di ristrutturazione, annunciato nel febbraio del 2020 ma bloccato dagli eventi pandemici, è interamente finanziato da TenarisDalmine e dalla Fondazione Enrico e Agostino Rocca.

La ristrutturazione renderà disponibili oltre 4.000 mq di nuovi e ampi spazi da destinare alle attività culturali della Fondazione Dalmine ETS: gli archivi, gli ambienti dedicati alla conservazione e digitalizzazione dei documenti, uno spazio espositivo, aree per conferenze e seminari, una biblioteca, spazi per studio e ricerca, aule e laboratori progettati con particolare attenzione ai moderni approcci didattici e alle nuove tecnologie, un ampio spazio verde. Particolare attenzione sarà rivolta alla sostenibilità ambientale, sia nella scelta dei materiali che delle soluzioni costruttive e impiantistiche.

Il progetto è firmato dallo studio Caruso Torricella Architetti, che da anni collabora con Tenaris, con interventi architettonici su spazi, produttivi, uffici, e scuole tecniche in Argentina, Messico, Stati Uniti, Romania.

“Si tratta di un investimento particolarmente consistente, che conferma il forte legame di TenarisDalmine con il territorio in cui opera da più di 100 anni” dichiara Michele Della Briotta, Amministratore delegato TenarisDalmine. “L’intervento di recupero sottolinea la volontà di custodire e consegnare al futuro la memoria del passato industriale della Dalmine e della comunità locale” evidenzia Caterina Epis, Direttrice Relazioni Istituzionali TenarisDalmine.

nuova sede fondazione dalmine foresteria
La ex foresteria, prossima sede di Fondazione Dalmine

“La nuova sede offrirà nuovi e moderni spazi culturali alla città e ci consentirà di valorizzare in particolare l’impegno della Fondazione nell’ambito dell’Heritage, rendendo ancor più fruibile il vasto patrimonio storico-documentale che custodiamo e che alimenta le nostre attività ed è oggetto di particolare interesse da parte di ricercatori e studiosi – spiega Carolina Lussana, direttrice –. Il recupero dell’edificio storico è un modo concreto di consegnarlo al futuro intatto nel suo fascino e con un nuovo e generativo ruolo. In attesa del 2023 le nostre attività continuano con mostre, eventi e visite e con il mondo delle scuole”.

Un’attività tra memoria e progettualità che, soprattutto in ambito educativo, punta a promuovere la cultura industriale con attenzione ai temi della sostenibilità “Stiamo ripensando il modo di fare formazione, soprattutto in questo periodo di pandemia. – spiega Manuel Tonolini, responsabile Education – Alle attività in presenza abbiamo sostituito quelle a distanza e in modalità ibrida. Nel corso di questo anno scolastico sono già i 21 i moduli formativi erogati, coinvolgendo oltre 4500 fra studenti e docenti”.

Un’attività che nel 2022 propone un articolato programma di eventi e che troverà nella nuova sede l’opportunità di ulteriore sviluppo: “Siamo particolarmente orgogliosi che l’intervento per la realizzazione della nostra nuova sede abbia trovato collocazione all’interno del dossier di programmazione per Bergamo Brescia 2023. – conclude Carolina Lussana – È un riconoscimento al contributo che l’attività della nostra Fondazione offre sul fronte della cultura per ‘illuminare’ le due città prossime Capitali italiane della cultura”.

nuova sede fondazione dalmine foresteria
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI