• Abbonati
La bacchettata

“Strade sporche e poca manutenzione”: i Comuni del Plis del Morla scrivono a Anas e Provincia

La lettera è a firma delle Amministrazioni di Stezzano, Zanica, Comun Nuovo e Levate: "Riteniamo insufficienti gli interventi di pulizia e gli sfalci dell’erba a bordo strada o nelle aree verdi. Non è un buon biglietto da visita per Capitale della Cultura 2023"

I Comuni che aderiscono al Plis del Morla e delle Rogge chiedono alla Provincia e all’Anas più cura e attenzione per le strade di competenza di questi enti.

La richiesta è stata inoltrata attraverso una lettera sottoscritta dal Plis e dai Comuni di Zanica, Stezzano, Comun Nuovo e Levate.

“Urge la necessità di un piano adeguato e calendarizzato, finalizzato alla cura e alla manutenzione delle strade di Vostra competenza che attraversano i nostri territori, nonché a interventi di contrasto alla deprecabile pratica dell’abbandono rifiuti. Riteniamo insufficienti gli interventi di pulizia, come le operazioni di sfalcio e potature relegate nella maggior parte dei casi a fine stagione quando l’erba a bordo strada o nelle aree verdi supera notevolmente la soglia di accettabilità“, scrivono le Amministrazioni comunali.

E si riallacciano anche all’appuntamento che attende Bergamo, insieme con Brescia, per il 2023, quando saranno Capitale della Cultura: “I nostri territori appartengono alla cintura verde che fa da cornice all’hinterland bergamasco e sono vie di connessione importanti per i collegamenti tra Bergamo e Milano, le valli, l’aeroporto; strade provinciali e statali dal traffico veicolare notevole. Non è un bel biglietto da visita per chi utilizza queste arterie stradali e, in vista della “Capitale della cultura 2023”, ci auspichiamo un sensibile miglioramento e una maggiore attenzione nelle nostre zone, interventi strutturati che siano all’altezza dell’evento”.

 

rifiuti sp

 

 

Sottolineano poi le azioni di pulizia e rimozione rifiuti di cui spesso si fanno carico gli stessi Comuni, sostenendone i costi, o l’aiuto fornito dai gruppi di volontari: “È giusto sottolineare che spesso le nostre Amministrazioni comunali si fanno carico del recupero di grosse quantità di rifiuti, anche se non di nostra competenza, accollandosi i costi o supportati da associazioni volontarie che, con spirito civico fuori dalla norma, si adoperano a iniziative di pulizia pur di vedere le suddette strade in condizioni migliori”.

La lettera termina con la richiesta di un incontro: “Restiamo in attesa di una gentile risposta e siamo a disposizione per incontrare chi di competenza sui nostri territori; con la massima collaborazione da parte di tutti gli enti coinvolti siamo convinti che si possano raggiungere buoni risultati”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI