Quantcast
Il rettore dell’UniBg visita la Fondazione della Comunità Bergamasca: "Collaborazione che guarda al lungo periodo" - BergamoNews
Bergamo

Il rettore dell’UniBg visita la Fondazione della Comunità Bergamasca: “Collaborazione che guarda al lungo periodo”

Osvaldo Ranica, presidente della Fondazione: "Al lavoro insieme per costruire il benessere della comunità"

Bergamo. Il rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Sergio Cavalieri, venerdì pomeriggio ha incontrato nella sede della Fondazione della Comunità Bergamasca il presidente Osvaldo Ranica e i vicepresidenti Simona Bonaldi e Giuseppe Guerini. Il rettore – accompagnato dalla prorettrice con delega alla terza missione e ai rapporti con il territorio Elisabetta Bani – ha avuto anche l’occasione di visitare la nuova sede della Fondazione, trasferitasi solo poche settimane fa da Viale Papa Giovanni XXIII a Via Crispi 2.

Fondazione e Università condividono da tempo un impegno comune per l’intera comunità bergamasca. Tra le attività che vedono le due realtà al lavoro insieme si ricorda “DigEducati”, il più grande progetto di alfabetizzazione digitale e di contrasto alla povertà educativa della provincia di Bergamo dedicato ai bambini dai 6 ai 13 anni, che ha come obiettivo quello di colmare il divario digitale tra le giovani generazioni. Un progetto che vede l’Università, componente del Comitato scientifico, per la selezione e la realizzazione di contenuti didattici digitali, per l’attivazione di tirocini e per la promozione di tutor online (studentesse e studenti) nei 28 Punti di Comunità dei 14 Ambiti territoriali bergamaschi impegnati in un percorso di accompagnamento dei più piccoli alla conoscenza e all’utilizzo consapevole della rete e degli strumenti digitali. Sinergia che vede la partecipazione dell’Ateneo anche alla Cabina di Regia del progetto.

“Abbiamo ribadito al nuovo rettore il nostro desiderio di continuare a lavorare insieme per stringere un legame duraturo tra le nostre due organizzazioni, orientato alla costruzione del benessere della comunità – spiega Osvaldo Ranica -. Tra i percorsi futuri che si aprono ci sono anche possibili collaborazioni per attività di ricerca, studio e approfondimento, in cui l’Università può giocare un ruolo importante nell’analisi dei risultati delle azioni promosse dalla Fondazione, per comprenderne al meglio l’impatto concreto e migliorarle”.

“Con Fondazione ci siamo confrontati su come consolidare una collaborazione strutturale, di lungo periodo, prima ancora che sulle singole progettualità, per capitalizzarle e – aggiunge il Rettore dell’Università Sergio Cavalieri – abbiamo ragionato a proposito di percorsi che potrebbero essere intrapresi in futuro, in particolare sui temi del supporto alla formazione continua nel mondo del lavoro e dei rapporti tra cittadinanza, reti di filantropia e sistema universitario”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
UniBg
Festa della donna
Otto marzo, docenti e ricercatrici dell’UniBg si raccontano per avvicinare le ragazze a Ingegneria
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI