Informazione Pubblicitaria

Salute

L'intervista

Lifting anti-age di viso e corpo, l’esperta: “Con i fili riassorbibili non serve il bisturi”

Stezzano. Un effetto lifting del viso ma senza tagli e cicatrici. È questa la promessa dei fili biostimolanti, innovativo trattamento di medicina estetica anti-age sempre più apprezzato – non solo dalle donne – grazie ai risultati visibili ma naturali che permette di ottenere e alla sua mini-invasività. Ma in cosa consiste? Come agiscono questi fili? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Jlenia Lonigro, chirurgo plastico, medico estetico di Smart Clinic, struttura del Gruppo San Donato all’interno del Centro Commerciale “Le Due Torri”.

Dottoressa Lonigro, cosa si intende per fili riassorbili?

I fili biostimolanti in polidiossanone (PDO) sono un trattamento ambulatoriale che consiste nell’inserimento di fili riassorbibili composti da un materiale biocompatibile, che si usa da diversi anni in chirurgia generale e vascolare, nel derma profondo, cioè il “cuore” della pelle, a metà tra la cute superficiale e l’ipoderma, in cui si trovano i fibroblasti, le fibre di collagene, le fibre di elastina, ovvero le strutture di sostegno della pelle”, spiega la dottoressa Lonigro. “Questi fili svolgono una duplice funzione: da una parte creano un’intensa biostimolazione dei tessuti con effetto tonificante e miglioramento della luminosità della pelle, dall’altra forniscono sostegno alla struttura cutanea e connettivale ceduta esercitando una delicata trazione meccanica”.

In cosa consiste il trattamento?

“I fili vengono introdotti attraverso aghi sottilissimi e indolori e posizionati in modo da ricreare una sorta di rete sottodermica, senza tagli né cicatrici. Non è necessaria l’anestesia, ma si può utilizzare un anestetico topico. Una volta inseriti, i fili mantengono la loro resistenza per 60-80 giorni, per poi essere completamente riassorbiti dopo 8-12 mesi. Dissolvendosi in modo graduale favoriscono la sintesi di nuovo collagene e creano una sorta di impalcatura sottocutanea che rinforza e sostiene i tessuti”.

Il risultato è immediatamente visibile?

“L’effetto stimolante si vede dopo 4 settimane: si osserva un miglioramento dell’area trattata, la pelle risulta elastica e vitale, il tono cutaneo aumentato e l’aspetto delle rughe migliorato”.

Quante sedute sono necessarie?

“Il trattamento può essere eseguito in una sola seduta, con un controllo dopo 3-4 settimane nel quale lo specialista può valutare se inserire altri fili nelle aree che presentano maggiori problematiche o nelle aree che non sono state trattate nella prima seduta. Essendo i fili riassorbibili in 8-12 mesi, dopo quel periodo il trattamento andrebbe ripetuto per mantenere i risultati”.

Per quali parti del corpo può essere indicato, oltre che per il viso?

“Il filo ha diversi diametri, caratteristica che lo rende versatile e utilizzabile sia per il viso sia per il corpo. In particolare si rivela molto valido non solo nei casi modesti o medi di rilassamento del viso, ma anche per contrastare la perdita di elasticità della pelle di collo, decolleté, mani, braccia, ginocchia, interno coscia, addome e glutei”.

Si devono osservare particolari precauzioni dopo la seduta? E dopo quanto si possono riprendere le normali attività?

“Nei punti di iniezione possono manifestarsi reazioni comuni a una normale iniezione, cioè gonfiore, rossore, prurito o sensibilità. In questi casi è bene evitare l’esposizione solare diretta fino a che non si siano risolte. In generale, dopo il trattamento, è possibile riprendere le normali attività quotidiane e lavorative”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI