• Abbonati
La svolta

L’appello al Mattarella bis: è Draghi a porgerlo dopo le richieste chiare dei parlamentari

Neppure lui, che anche simbolicamente aveva già dato l'addio al Quirinale, traslocando e trovando casa a Roma, può restare insensibile alle richieste, prima dal "basso" coi tanti voti nelle varie chiamate, poi dal premier

Mattarella Mattarella Mattarella Mattarella Mattarella. Da giorni la lettura delle schede a Montecitorio nelle sei chiamate per l’elezione del Presidente della Repubblica registra un crescendo nel nome del Capo dello Stato uscente.

Quel Sergio Mattarella che per mesi ha ribadito la sua non volontà di un bis, ligio com’è alle regole (non scritte, ma molto chiare) della Costituzione italiana. Ma neppure lui, che anche simbolicamente aveva già dato l’addio al Quirinale, traslocando e trovando casa a Roma, può restare insensibile, in un momento così eccezionale in piena pandemia, all’appello dal “basso”, dai singoli parlamentari prima che dai leader politici: “Accetta un secondo mandato, Presidente”.

Un appello sempre più pressante: le varie votazioni hanno via via visto crescere i voti a Mattarella. E nello stesso tempo hanno bocciato sonoramente proposte non certo trasversali, ma istituzionalmente importanti, come quella di Maria Elisabetta Casellati, presidente del Senato e seconda carica dello Stato.

Ora sarà direttamente il presidente del Consiglio Mario Draghi a invitare ufficialmente Sergio Mattarella dire sì alla sua rielezione.

Potrà negarsi ancora?

 

 

 

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
sorte
Taccuini quirinale
Sorte: “La mancata intesa sul presidente è una spinta al ritorno del proporzionale”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI