• Abbonati
Verso le olimpiadi

Coppa del Mondo di snowboard cross, Michela Moioli trionfa a Cortina d’Ampezzo

La bergamasca è tornata a dettare legge aggiudicandosi il secondo successo stagionale in individuale e risalendo così al terzo posto nella classifica generale

Secondo successo stagionale per Michela Moioli a Cortina d’Ampezzo, nell’ultima tappa di un lungo percorso che l’ha accompagnata dal trionfo di Pyoengchang alle nevi di Pechino.

Un cammino lungo quattro anni che le ha consentito da una parte di ampliare il proprio palmarès e sfiorare più volte il titolo mondiale di snowboard cross, ma dall’altra di raccogliere quell’esperienza necessaria per rappresentare l’Italia nella cerimonia d’apertura delle Olimpiadi Invernali.

Prima di volare in Cina e sostituire Sofia Goggia nel ruolo di portabandiera, la 26enne di Alzano Lombardo ha dovuto fare i conti con l’ultimo appuntamento di Coppa del Mondo andato in scena nella “Perla delle Dolomiti” nella serata di sabato 29 gennaio

Decisa a testare la condizione delle avversarie, Moioli è tornata a dettare legge aggiudicandosi il secondo successo stagionale in individuale e risalendo così al terzo posto nella classifica generale.

Reduce dal doppio quinto posto di Krasnoyarsk, la giovane seriana ha provato a migliorarsi sin dalle qualifiche trovando un buon feeling con la pista “San Zen” e ottenendo il secondo miglior tempo distante soltanto un secondo dall’inglese Charlotte Bankes.

Scattata dal cancelletto subito con grande concentrazione, Moioli si è aggiudicata la propria heat di quarti di finale senza patire mai alcun problema complice il ritmo trovato sin dalla partenza.

Senza scomporsi mai, la portacolori dell’Esercito ha allungato sulle figure presenti nella parte centrale del tracciato lasciandosi ampiamente alle spalle la canadese Audrey McManiman.

Subito fuori la conterranea Sofia Belingheri che, dopo aver strappato il pass per la fase a eliminazione diretta con il tredicesimo crono, non è riuscita a completare la propria heat dopo aver patito un ritardo importante sin dalla partenza.

Complice l’assenza della ceca Eva Samkova (ancora alle prese con l’infortunio alle caviglie) e il forfait delle americane Faye Gulini e Lindsey Jacobellis, Michela Moioli non si è fatta scappare l’occasione dominando anche il turno di semifinale.

Sostenuta da un’ottima condizione fisica, la campionessa olimpica ha evitato in partenza l’impatto con la tedesca Jana Fischer sfruttando subito dopo un errore in curva dell’austriaca Pia Zerkhold che le ha aperto così le porte per il successo

Big final al cardiopalmo per Michela Moioli la quale è riuscita a rimanere subito in scia alla francese Chloe Trespeuch che ha mantenuto il comando per buona parte della competizione.

In grado di rientrare sulla transalpina poco dopo la Curva del Tabaccaio, l’azzurra ha attaccato in una curva poco prima del rettilineo finale lungo il quale ha impostato un ritmo forsennato che le ha consentito di resistere al rientro di Trespeuch e della scatenata Charlotte Bankes.

“Sono felicissima, vincere in casa è bellissimo – ha dichiarato poco dopo l’arrivo la fuoriclasse orobica -. Farlo davanti a questa platea e alla propria famiglia è ancor più bello. Questo è il miglior modo per partire per le Olimpiadi”.

L’attenzione di Michela Moioli sarà ora totalmente rivolta alle Olimpiadi Invernali che alzeranno il proprio sipario il prossimo 4 febbraio in attesa di vederla lottare cinque giorni dopo sulle nevi di Secret Garden per quel “sogno proibito” chiamato medaglia d’oro.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI