Quantcast
Violi: “Qui a Montecitorio tra parlamentari che sanno già come andrà a finire. Mah…” - BergamoNews
Taccuini quirinale

Violi: “Qui a Montecitorio tra parlamentari che sanno già come andrà a finire. Mah…”

“E poi ci sono i cronisti che si fingono parlamentari per estorcerti chissà quali segreti”

Dario Violi (consigliere regionale del Movimento 5 Stelle) racconta il suo debutto come grande elettore del Presidente della Repubblica. Nel suo diario che ci accompagnerà in queste giornate insieme ad altri parlamentari di Bergamo: Elena Carnevali (Pd), Simona Pergreffi (Lega), Alessandro Sorte (FI).

È stata una roba pazzesca, sul serio! Al momento di entrare in aula e votare ho avuto le palpitazioni. Così soltanto il giorno del matrimonio e della nascita dei miei figli.

È stato tutto molto emozionante, dall’arrivo a Montecitorio, il momento dell’accredito, attraversare il Transatlantico.

Scambiando due chiacchiere con diversi Parlamentari, mi sono reso conto che molti di loro lì dentro hanno la certezza in tasca. Con un fare spavaldo che ha dell’incredibile, sparano la loro su come andrà l’elezione: c’è chi afferma che il Presidente verrà eletto alla terza, chi alla quinta, chi all’ottava chiama.

E poi ci sono i cronisti che si fingono parlamentari per estorcerti chissà quali segreti. Io, purtroppo per loro, non ho grandi informazioni.

È stato bello vedere i colleghi regionali che sono qui a Roma per alcuni incontri presso i Ministeri e che in quest’avventura mi hanno dato tutto il loro supporto ed il loro sostegno.

Probabilmente apriremo la seconda giornata (martedì) con un confronto interno alla nostra forza politica, per discutere eventuali accordi tra partiti che si stanno profilando in queste ore.

Dalle 15 in Aula di nuovo per le votazioni.
Non sarà mai come il primo giorno che ha qualcosa di mai vissuto e unico: in questo momento vivo emozioni altalenanti. Da una parte vorrei che l’Italia possa avere al più presto un Presidente degno di questo paese, dall’altra vorrei che questo momento non finisse mai.

Ps queste giornate le dedico ad un Amico che non c’è più, perché senza di lui tutto questo non sarebbe stato possibile. Un bacio a te Roberto Tamagna, ovunque tu sia.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Pergreffi
Taccuini quirinale
Simona Pergreffi: “Quel seggio fuori da Montecitorio, simbolo del momento speciale”
Montecitorio Elena Carnevali
Taccuini quirinale
Elena Carnevali: “Il tempo sospeso dentro e fuori Montecitorio”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI