Botta e risposta

Taglio delle corse festive, i sindacati: “Cattive condizioni lavorative”. Arriva: “Carenze strutturali”

"Non si scarichino le responsabilità sul personale viaggiante". "Confermiamo l’impegno della Società a una rapida e soddisfacente soluzione del percorso contrattuale a livello nazionale"

Bergamo. Botta e risposta tra sindacati e la società Arriva Italia dopo l’annuncio del taglio di alcune corse nei giorni festivi per carenza di personale.

“L’azienda parla di assenteismo, ricollegando le cause dell’assenza e della carenza del personale addetto alla guida a numerosi periodi di malattia e ad altre concause legate al Covid-19” scrivono in una nota Aniello Sudrio di Filt-Cgil, Pasquale Salvatore di Fit-Cisl, Giacomo Ricciardi di UilTrasporti-Uil, Marco Peroli di Faisa-Cisal e Luigi Dionisio di Ugl-Fna di Bergamo.

“Certo, il Covid ha pesato. Eppure, tra i lavoratori, è risaputo che la scarsa reperibilità di autisti da parte del Gruppo Arriva è legata alle condizioni lavorative a cui il personale è assoggettato: lunghi ‘nastri’ lavorativi (cioè un impegno di oltre 13 ore per effettuare un turno di 6 ore e 30 minuti), lunghe soste fuori dalle proprie sedi lavorative (anche di 4 ore, senza nemmeno avere una mensa aziendale né un rimborso pasto adeguato ai prezzi attuali), ripetuti atti di aggressione qualora gli autisti richiedano ai passeggeri il rispetto delle regole e uno stipendio che per i neo assunti non supera i 1.100 euro mensili netti”.

Anche per questi motivi venerdì 14 gennaio i lavoratori di Arriva avevano aderito a uno sciopero del settore, mobilitazione proclamata a livello nazionale per il rinnovo del Contratto Collettivo scaduto nel 2017.

“Torniamo a sottolineare che le stesse aziende che ostacolano i rinnovi contrattuali si lamentano poi dell’assenza di personale non riconoscendo le proprie responsabilità” proseguono i cinque sindacalisti. “Ricondurre la carenza di organici alla situazione emergenziale nazionale è riduttivo e irrispettoso nei confronti degli autisti e di tutti gli addetti ai lavori che in questi anni sono sempre stati presenti. Durante la pandemia, hanno anche vissuto la perdita di un collega e diversi autisti ancora oggi faticano a ristabilirsi dopo il contagio che li ha colpiti. Piuttosto, l’azienda provveda a montare sui mezzi l’apposito separatore protettivo dell’area di guida, previsto dalle disposizioni del ministero della Salute, da noi più volte richiesto e mai installato. Aiuterebbe a contenere i contagi e dunque le relative assenze”.

“Ancora una volta Arriva tenta di scaricare le colpe sul personale viaggiante, mettendolo alla gogna nei confronti dell’utenza, facendolo apparire come l’unico responsabile di un servizio ormai inadeguato e lontano dagli standard qualitativi che invece sarebbero necessari. È doveroso ricordare, tra l’altro, la quantità di ristori economici che è stata ottenuta da parte del Governo per compensare i mancati introiti dalla vendita dei biglietti, e non si dimentichi l’utilizzo della cassa integrazione per il personale viaggiante” concludono i sindacalisti. “Ora anche Arriva faccia la sua parte. Noi saremo sempre accanto a questi lavoratori e nel frattempo auspichiamo che le dichiarazioni delle ultime ore siano state solo un malinteso e vengano rettificate”.

La posizione di Arriva Italia

La mancanza di autisti è un problema che ormai interessa le società di trasporto a livello non solo locale, ma anche nazionale e internazionale. Precisiamo che Arriva Italia non ha mai nascosto di avere una carenza di autisti a livello strutturale, tanto che è recente la notizia e la pubblicazione inerente la selezione per una ricerca di 75 autisti da utilizzare su Bergamo e provincia.

Questa mancanza, unita all’assenza di autisti per malattia o per mancanza di certificazione richiesta dalle norme anti Covid, ha portato a una situazione emergenziale che ha determinato la necessità di modificare il servizio. In questo specifico caso, la cancellazione delle corse festive provinciali è stata determinata dalla necessità di garantire agli autisti un turno di riposo come previsto dalle normative e dai contratti vigenti, decisione peraltro concordata con la stessa agenzia del TPL.

Ricordiamo, inoltre, che in emergenza Covid il numero di corse e di autisti impiegati è incrementato in certe fasce (pensiamo al trasporto scolastico), dovendo Arriva garantire doppie corse al
fine di rispettare le limitazioni alla capienza previste dalla normativa.

Come già specificato in altre occasioni, Arriva è dispiaciuta che le rappresentanze sindacali riducano a un semplice discorso salariale quella che è una situazione molto più complessa. Loro stessi, partecipando alle trattative per il rinnovo del CCNL, concorrono a definire i livelli retributivi degli autisti.

Prendiamo comunque atto di quanto dichiarato e confermiamo l’impegno della Società ad una rapida e soddisfacente soluzione del percorso contrattuale a livello nazionale.

Infine, ribadiamo che Arriva Italia ha posto in essere tutte le azioni necessarie a tutela della salute dei propri dipendenti e clienti. Ne è prova il fatto che proprio in questi giorni è in fase di installazione la nuova versione della paratia divisoria per gli autisti, una soluzione ancora più strutturale rispetto a quella adottata in fase emergenziale.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Arriva Italia
Disagi
Autisti in quarantena o senza green pass: Arriva sospende alcune corse festive
Fermata bus
La polemica
Trasporti, Fratelli d’Italia attacca: “Imbarazzante la riduzione del servizio festivo nelle valli”
Arriva Italia
Servizio festivo sospese
Turisti francesi attendono invano il bus a San Pellegrino: disagi generalizzati
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI