• Abbonati
Il lutto

È morto a 65 anni il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli

Dal 26 dicembre era ricoverato in Italia per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario.

È morto all’1.15 di martedì il presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Aveva 65 anni ed era ricoverato in Italia per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario.

Nella notte tra il 14 e il 15 settembre scorsi era già stato ricoverato a Strasburgo per una polmonite e non aveva potuto presiedere la seduta plenaria nella quale la presidente della Commissione Ue von der Leyen aveva pronunciato il discorso sullo stato dell’Unione.

Sassoli in un video messaggio su Twitter aveva spiegato di essere stato “colpito in modo grave da una brutta polmonite da legionella: ho avuto febbre altissima, sono stato ricoverato all’ospedale di Strasburgo, poi sono rientrato in Italia per la convalescenza. Ma purtroppo ho subito una ricaduta e questo episodio ha spinto i medici a consigliarmi una serie di analisi e di accertamenti”, che Sassoli aveva condotto in Italia, presiedendo da remoto le riunioni del Parlamento per l’intero mese di ottobre, tornando in persona nella plenaria di fine novembre.

Giornalista, conduttore televisivo, vicedirettore del Tg1, Sassoli era entrato in politica come europarlamentare del Partito democratico nel 2009. A dicembre aveva annunciato l’intenzione di non ricandidarsi alla guida del Parlamento europeo.

Nel corso della mattinata di ieri, lunedì 10 gennaio, il presidente del Parlamento europeo aveva espresso il proprio “cordoglio” per la morte di Silvia Tortora, primogenita di Enzo Tortora e sorella di Gaia, che è il vicedirettore del Tg La7.

La sua figura viene ricordata dalla politica, in particolare dal Partito Democratico di cui faceva parte. “Le parole che non avrei mai voluto pronunciare. Per un amico unico, persona di straordinaria generosità, appassionato europeista. Per un uomo di visione e principi, teorizzati e praticati. Che cercheremo di portare avanti. Sapendo che non saremo all’altezza” scrive su Twitter il segretario dem, Enrico Letta.

“Ciao David, amico di una vita intera” twitta il ministro della Cultura Dario Franceschini.

“Una notizia terribile per tutti noi in Italia e in Europa. Ricorderemo la tua figura di leader democratico e europeista. Eri un uomo limpido, generoso, allegro, popolare” è il saluto di Paolo Gentiloni.

Anche in Europa David Sassoli viene salutato con grande calore. “Sono profondamente rattristata dalla morte di un grande europeo e italiano” afferma la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “David Sassoli è stato un giornalista appassionato, uno straordinario Presidente del Parlamento europeo e soprattutto un caro amico”.

“Sono triste e commosso” twitta il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, parlando di Sassoli come “europeo sincero e appassionato, ci manca già il suo calore umano, la sua generosità, la sua cordialità e il suo sorriso”.

“La notizia della scomparsa di David Sassoli mi lascia attonito. Rivolgo alla sua famiglia e ai suoi cari il cordoglio e le più sentite condoglianze dell’intera Giunta regionale della Lombardia”. Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. “Mi piace ricordarlo – prosegue Fontana – sorridente e disponibile nell’ascoltare le istanze della Lombardia durante la mia ultima visita a Bruxelles. Una persona perbene, un ottimo giornalista, un rappresentante istituzionale capace ed equilibrato”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
sassoli pagnoncelli
Acli bergamo
Rocchetti (Acli): “Grandissimo onore ospitare Sassoli a Molte fedi”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI