Quantcast
2022: passa dai soliti buoni propositi ai più efficaci “obiettivi ben formati” - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Gabriele Sola Coach

I consigli

2022: passa dai soliti buoni propositi ai più efficaci “obiettivi ben formati”

I suggerimenti, pratici e concreti, del coach bergamasco Gabriele Sola per realizzare (finalmente) i nostri desideri

Siamo alle porte del nuovo anno e, come vuole la tradizione, è il momento dei cosiddetti buoni propositi. Ne parliamo con Gabriele Sola, coach e formatore bergamasco.

“Un passaggio delicato – osserva Sola – perché rischia di tramutarsi in un rito un po’ fine a se stesso, come stanno a testimoniare le cataste di buoni propositi che si sono ammonticchiate alle nostre spalle”.

Cosa possiamo fare di nuovo, di diverso, per realizzare finalmente i nostri buoni propositi?

“Primo suggerimento: smettiamola di definirli buoni propositi. Facciamogli un upgrade e – suggerisce Gabriele Sola – eleviamoli a obiettivi. Secondo suggerimento: pochi ma buoni.

Il nostro serbatoio di motivazioni, energie e risorse ha una determinata capienza. Se lo disperdiamo in mille rivoli rischiamo di rimanere al palo, facendo sì che alla lunga i troppi obiettivi mancati si trasformino in altrettante delusioni. Quanti obiettivi per il nostro 2022? Diciamo, massimo 3”.

Perfetto, per quest’anno non più di 3 obiettivi. Ma quali caratteristiche devono avere?

“Devono rispettare le peculiarità di tutti gli ‘obiettivi ben formati’. In realtà – precisa Gabriele Sola – tengo interi corsi sugli obiettivi ben formati… Cercherò comunque di sintetizzare i requisiti che, in questo passaggio all’anno nuovo, vanno assolutamente attribuiti ai nostri nuovi, straordinari  obiettivi”.

Per prima cosa?

“Per prima cosa, l’obiettivo va espresso in prima persona e in positivo, evitando le negazioni. Poi dev’essere realistico e specifico. Meglio togliere ridondanze e infiocchettamenti: meno poesia e più concretezza. E, a proposito di concretezza, evitiamo di stabilire obiettivi che dipendano da situazioni che non sono sotto il nostro pieno controllo”.

Quali altre caratteristiche devono avere i nostri obiettivi per il 2022?

“Beh, devono essere etici, rispettosi degli altri come di noi stessi e dell’ambiente in cui viviamo. Non devono danneggiare nulla o nessuno – sottolinea Gabriele Sola – e, anzi, è bene che portino indirettamente beneficio al maggior numero possibile di persone. Altri requisiti fondamentali dell’obiettivo ben formato? Misurabile e quantificabile. In caso contrario, sarà impossibile predisporre un efficace piano d’azione e rispettare rigorosamente tutti i passaggi intermedi che ci porteranno al traguardo finale”.

Ha parlato di passaggi intermedi…

“Sì, step by step tutto deve rispettare una tempistica ben definita. Quest’anno dovremo essere precisi come orologi svizzeri e sarà importante dotarci di una pianificazione molto accurata.

Gabriele Sola, c’è un suggerimento finale?

“I nostri obiettivi ben formati vanno messi rigorosamente per iscritto: che ciascuno sia l’inflessibile notaio di se stesso. E poi, partiamo subito per questo viaggio. Senza inutili attese, già in questi giorni, con tutta la determinazione che abbiamo in corpo. Di cuore, buon 2022!”

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI