Quantcast
Francesca, campionessa italiana: "Anche grazie alla moto ho superato un tumore alla tiroide" - BergamoNews
La bella storia di natale

Francesca, campionessa italiana: “Anche grazie alla moto ho superato un tumore alla tiroide” video

La 28enne di Fara Olivana con Sola ha vinto la gara più difficile ed è già tornata in pista: "Fate tanta prevenzione e praticate sport"

Fara Olivana con Sola. Quando parla della sua moto nei suoi occhi si vede la luce della passione che l’ha trascinata fin da piccola. E che l’ha anche aiutata a superare un brutto male. Francesca Nocera, 28enne di Fara Olivana con Sola, ha vinto cinque volte il campionato italiano di motocross, si è piazzata diverse volte al mondiale e soprattutto ha battuto un tumore alla tiroide al quarto stadio. Tra una sessione in palestra e qualche giro di allenamento sul circuito di Covo, la campionessa bergamasca frena un attimo e ci racconta la sua storia, che somiglia molto a una favola natalizia.

Le prime accelerate arrivano prestissimo. Quando ha solo nove anni suo papà Antonio la mette in sella a una minimoto: “Lui non ha avuto la fortuna di poter realizzare il suo sogno. Io invece anche grazie al suo supporto, di mia mamma e di mia sorella Cecilia sono arrivata dove sono oggi. Per questo non finirò mai di ringraziarli e con loro anche il gruppo sportivo delle Fiamme Oro e tutte le aziende che mi supportano, ma soprattutto un grazie di cuore a Lucia, la persona che ha saputo tirare fuori il meglio di me dandomi la carica e gli strumenti necessari per rimettermi in gioco nonostante i periodi più critici”.

Già, perchè di pari passo con le vittorie arrivano anche gli infortuni e gli stop. A volte leggeri, altri più gravi. Fino a quello peggiore e inaspettato: “Ne ho avuti parecchi nel corso della mia carriera, ma quello più grande mi è capitato qualche anno fa e ancora a parlarne mi sento come un pugno allo stomaco: un carcinoma alla tiroide. Ho avuto la fortuna di scoprirlo in tempo e poterlo curare con successo. Me l’hanno asportato e poi mi sono sottoposta a una terapia speciale per cui sono stata in isolamento per diversi giorni, visto che era radioattiva”.

Francesca si lascia alle spalle anche quel dosso che sembrava insuperabile, ma le rimane una lezione: “La malattia che mi ha cambiato la prospettiva della vita, ha rivoluzionato la mia quotidianità e grazie alla quale ho veramente capito cosa conta davvero. Nella sfortuna mi ha insegnato parecchio. Ed è anche grazie a questo sport che non ho mai mollato”.

Dopo pochi mesi torna in pista e ora è pronta per una nuova “vecchia” sfida: “Nel 2022 tornerò a fare enduro, come quando era piccola. Correrò con un team Honda di Bergamo, con Matteo Boffelli come team manager e con Thomas Oldrati come compagno di squadra: son certa che mi darà una grossa mano e potrò apprendere molto da lui”.

Per chiudere un paio di consigli a tutti: “Fate tanta prevenzione perchè meglio è prevenire che curare. Ci sono tanti centri che vi possono aiutare. E praticate sport, di qualsiasi tipo, perchè fa bene alla salute”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI