Quantcast
Come faccio a sapere se ho il Covid o l'influenza? - BergamoNews
I dubbi

Come faccio a sapere se ho il Covid o l’influenza?

Risponde Guido Marinoni, presidente dell'Ordine dei Medici di Bergamo

I primi sintomi dell’infezione da Covid-19 e quelli tipici dell’influenza stagionale possono essere molto simili, a cominciare dalla presenza di febbre alta. Quando si manifesta una sintomatologia compatibile con queste patologie, quindi, non è facile distinguere se si tratti dell’una o dell’altra.

E come bisogna comportarsi? Abbiamo chiesto alcuni consigli al dottor Guido Marinoni, presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo.

Come possiamo capire se abbiamo contratto il Covid o l’influenza?

Non è facile fornire indicazioni per distinguere fra le infezioni da Covid-19 e quelle dettate dall’influenza stagionale. In molti casi, infatti, i primi sintomi di entrambe possono essere molto simili e risulta complicato anche per i medici distinguerli e capire se si trovano di fronte a un caso di Covid o di influenza. Si rischia, quindi, di trasmettere messaggi erronei o controproducenti.

In questa prospettiva, come dobbiamo comportarci?

Se si hanno sintomi importanti come la febbre alta o difficoltà respiratorie bisogna rivolgersi al proprio medico di medicina generale che, dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie per tracciare un quadro completo della situazione in cui si trova il paziente, fornirà le indicazioni sul da farsi. Generalmente, per capire se si tratti di Covid o influenza, bisognerà eseguire il tampone e il medico di medicina generale indicherà la tipologia più adatta.

Ci spieghi

Potrebbe essere utile richiedere ad Ats di effettuare un tampone molecolare oppure potrebbe bastare un tampone antigenico. Il primo evidenzia la presenza del materiale genetico (Rna) del coronavirus mediante inserimento nelle cavità nasali o in bocca e il risultato può arrivare in un lasso di tempo compreso tra le 24 e le 72 ore successive. I test antigenici, invece, permettono di tracciare la presenza di componenti del virus (antigeni), mediante tampone nasale o in bocca, in tempi più brevi. Qualora il risultato sia positivo, secondo le indicazioni emanate dal ministero della Salute, è necessario confermare l’esito con un successivo tampone molecolare. Se il risultato è invece negativo, basta quello antigenico. Ritengo che sia meglio evitare, invece, ricorrere ai metodi fai-da-te come i tamponi salivari eseguibili a casa.

Se si avessero, invece, sintomi lievi come quelli del raffreddore cosa bisogna fare?

In questo caso possiamo aspettare qualche giorno e, in base a come si evolverà la situazione, decidere se rivolgersi al medico di medicina generale. Va ricordato, infine, che qualora si fosse stati in contatto con una persona positiva va osservato l’isolamento fiduciario e Ats disporrà l’esecuzione del tampone per accertare l’eventuale positività, realizzando, così, il tracciamento dei contagi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Vaccino
Antinfluenzali e antipneumococco
Vaccini potenzialmente alterati: pronto intervento di ATS Bergamo per il blocco
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI