• Abbonati
Via tasso

Elezioni provinciali, Gandolfi presidente e sei consiglieri per centrosinistra e centrodestra

Hanno votato complessivamente 1958 amministratori sui 2964 aventi diritto, pari al 66% del totale. Rispetto alle ultime elezioni si è registrato un +2% nell’affluenza (nel 2018 votò quasi il 64% dei sindaci e dei consiglieri comunali)

Bergamo. Si attendono le cifre ufficiali, ma la composizione del nuovo consiglio provinciale è certa. Sarà Pasquale Gandolfi il presidente della Provincia di Bergamo per i prossimi quattro anni, tanto per cominciare. Il sindaco di Treviolo, proposto dal Pd e unico candidato alla carica nelle elezioni di sabato 18 dicembre, è stato eletto con 72.809 voti ponderati.

Le urne alla Cittadella dello Sport di via Monte Gleno hanno stabilito anche la gerarchia delle quattro liste candidate: quella del centrosinistra dei Democratici e Civici per la Bergamasca la più votata, con 30.763 voti ponderati. Al gruppo dem andranno sei seggi. I consiglieri provinciali saranno Romina Russo, consigliere comunale del Comune di Bergamo; Mauro Bonomelli, assessore a Costa Volpino; Chiara Drago, sindaca di Cologno al Serio; Paolo Alessio, sindaco di Presezzo; Roberto Amaddeo, consigliere comunale del Comune di Bergamo e Giorgia Gandossi, consigliere comunale ad Albino. Non ce l’ha fatta invece Claudio Bolandrini, sindaco di Caravaggio e consigliere provinciale uscente.

Il centrodestra si piazza al secondo posto: Per Bergamo – Responsabilità e territorio, la lista di Lega e Fratelli d’Italia, ha totalizzato 26.837 voti. Anche per loro i seggi in consiglio saranno sei e andranno, nello specifico, a Manuel Bentoglio, sindaco di Grassobbio; Alessandro Colletta, sindaco di Orio al Serio; Fabio Ferrari, assessore a Castione della Presolana; Matteo Macoli, sindaco di Ponte San Pietro; Gianfranco Masper, consigliere comunale a Treviolo e Giuseppe Prevedini, consigliere comunale a Caravaggio. Fratelli d’Italia non è riuscita quindi a far eleggere il suo unico candidato, il vicesindaco di Sant’Omobomo Terme e consigliere provinciale uscente Demis Todeschini.

Molto staccata la lista dei Civici moderati per Bergamo, che ha ottenuto 9573 voti. Ma il dato che più colpisce è la non rielezione dell’ex presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli. Il progetto civico dell’attuale consigliere comunale di Calcinate ha ottenuto due seggi, che sono andati a Umberto Valois, consigliere comunale a Verdellino, e a Luca Macario, sindaco di Torre Boldone.

Due seggi in consiglio provinciale infine anche per Comuni Protagonisti – Provincia Sostenibile grazie agli 8922 voti ponderati ricevuti. Il progetto civico che unisce, fra gli altri, alcuni iscritti a Forza Italia e Italia Viva ha eletto Damiano Amaglio, consigliere comunale a Seriate, e Massimo Cocchi, assessore a Calusco d’Adda.

Hanno votato complessivamente 1958 amministratori sui 2964 aventi diritto, pari al 66% del totale. Rispetto alle ultime elezioni si è registrato un +2% nell’affluenza (nel 2018 votò quasi il 64% dei sindaci e dei consiglieri comunali).

Alla chiusura dei seggi l’affluenza delle singole fasce di appartenenza dei comuni, classificati su base demografica, si è distribuita così: nella fascia A (fino a 3.000 abitanti) ha votato il 51,9%; nella fascia B (da 3.000 a 5.000 abitanti) il 64,8%; nella fascia C (da 5.000 a 10.000 abitanti) il 79,9%; nella fascia D (da 10.000 a 30.000 abitanti) il 94,5 %; nella fascia F (oltre 100.000 abitanti e rappresentata solo dal comune di Bergamo) il 100%.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Elezioni provincia 2021
Le elezioni
Pasquale Gandolfi nuovo presidente della Provincia di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI