• Abbonati
L'iniziativa

Presezzo, alla scuola dell’infanzia l’orto didattico: “Così i bimbi imparano il valore del cibo”

È la sorpresa che l'istituto Pedretti ha preparato per i suoi piccoli allievi nel giorno di Santa Lucia, realizzato in collaborazione con Donne Impresa Coldiretti Bergamo

Presezzo. Un orto didattico. È la sorpresa che la Scuola dell’Infanzia A. Pedretti di Presezzo ha preparato per i suoi piccoli allievi nel giorno di Santa Lucia, realizzato in collaborazione con Donne Impresa Coldiretti Bergamo.

“I bambini hanno accolto con stupore ed entusiasmo questo dono – sottolinea Elena Lazzarini, responsabile di Donne Impresa Coldiretti Bergamo -. Durante la presentazione sono stati attentissimi e hanno fatto molte domande. Avevano gli occhi che brillavano! Questa iniziativa è un’occasione per farli avvicinare all’agricoltura e a temi di fondamentali come l’origine del cibo e lo spreco alimentare”.

L’orto didattico è organizzato in diverse sezioni, ognuna ospiterà una coltura diversa, e ha come cornice un bellissimo murales in tema realizzato da Hamza Saqout, un giovane artista locale.

 

Orto didattico Presezzo

 

“Per la realizzazione dell’orto – spiegano il presidente e la vice presidente della scuola dell’infanzia A. Pedretti di Presezzo – oltre alla collaborazione con Coldiretti è stato fondamentale l’apporto dei genitori e dei nonni che si sono adoperati per la realizzazione e il posizionamento delle vasche con il successivo riempimento di torba. Abbiamo voluto avvicinare i bambini al mondo dell’agricoltura e della produzione del cibo per far loro capire l’origine di ciò che trovano in tavola”.

Quando le condizioni climatiche lo permetteranno i bambini si prenderanno direttamente cura dell’orto, seguendo i consigli delle referenti di Donne Impresa Coldiretti Bergamo e della coordinatrice Norma Pedruzzi.

“Mi fa molto piacere poter portare la mia esperienza a scuola – afferma Elena Lazzarini – e insegnare ai bambini il rispetto del cibo e della natura attraverso la coltivazione dell’orto. Questo tipo di attività favorisce la riscoperta del rapporto tra città e campagna, il recupero di conoscenze e tradizioni del territorio oltre che l’adozione di comportamenti responsabili e rispettosi dell’ambiente”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI