Quantcast
Il primo Bilancio Sociale di Fondazione della Comunità Bergamasca - BergamoNews
Il resoconto

Il primo Bilancio Sociale di Fondazione della Comunità Bergamasca

Il presidente Osvaldo Ranica: “Il Bilancio Sociale come strumento di trasparenza, motore del cambiamento e dialogo con il territorio”

La Fondazione della Comunità Bergamasca presenta il primo Bilancio Sociale relativo all’anno 2020, diffuso durante l’evento pubblico dal titolo “Tracciamo il futuro. Progettare. Partecipare. Agire”, occasione per fare il punto su 20 anni di attività al servizio del benessere del territorio bergamasco, oltre che per declinare al futuro il ruolo della filantropia e la promozione della cultura del dono alla luce della mission istituzionale: rafforzare la coesione sociale, aumentare la capacità solidale e diffondere opportunità nella comunità bergamasca.

L’evento – organizzato in collaborazione con Fondazione Cariplo e con il patrocinio di Comune di Bergamo, Provincia di Bergamo e Regione Lombardia – si è svolto nella prestigiosa cornice della ex Chiesa di Sant’Agostino – Aula Magna dell’Università degli studi di Bergamo. Ad inaugurare la serata i saluti di benvenuto del Rettore Sergio Cavalieri e del Presidente della Fondazione della Comunità Bergamasca Osvaldo Ranica a suggello della stretta collaborazione tra l’Ateneo cittadino e la Fondazione, che nel 2021 ha trovato particolare espressione nel grande progetto di alfabetizzazione digitale DigEducati, nato per ridurre il digital divide nei giovanissimi (6-13 anni).

2020: LA PANDEMIA NON HA FERMATO LA SOLIDARIETÀ

Nel 2020 le donazioni e i contributi complessivamente raccolti da Fondazione della Comunità Bergamasca sono stati pari 2,7 milioni di euro, di cui il 66%, pari a 1,8 milioni di euro, da Fondazione Cariplo. Le erogazioni hanno finanziato 208 enti destinatari con 2,8 milioni di euro per un totale di 223 progetti, di cui 182 a bando e 41 fuori bando (cioè progetti ritenuti meritevoli di promozione ma che non rientrano per modi e tempi nei bandi ordinari).

La pandemia non ha fermato la solidarietà della Fondazione, che ha finanziato per il 2020 l’ambito sociale con 145 progetti per 2,1 milioni di euro e destinato alla cultura 683 mila euro per 78 progetti. Un risultato ancora più soddisfacente se si considera che dal 2000 – anno di nascita come parte di un network di 16 Fondazioni di Comunità originate su impulso di Fondazione Cariplo – la Fondazione della Comunità Bergamasca ha sostenuto 4.393 progetti, erogando 47,2 milioni di euro a favore dei tre ambiti di intervento: il sociale (61%), la cultura (37%) e l’ambiente (2%).

Nella situazione di grave emergenza che la Bergamasca ha dovuto affrontare nei primi mesi del 2020, la Fondazione, insieme alla rete di stakeholder e alle solide relazioni costruite nel tempo, ha dato vita alla raccolta fondi straordinaria #SosteniAMOBergamo, che resta una grande prova della capacità solidale della comunità bergamasca con una raccolta per l’emergenza pari a 596 mila euro. La Fondazione, in particolare, si è impegnata a tenere viva la rete di realtà associative a supporto dei più fragili, costituendo un tavolo di lavoro con la Conferenza dei Sindaci e ATS Bergamo per realizzare azioni urgenti e necessarie a garantire la continuità dell’assistenza sociale.

Nell’ambito del progetto #SosteniAMOBergamo sono stati erogati 518 mila euro dei quali 145 mila euro per l’acquisto e la distribuzione di Dispositivi Individuali di Protezione (mascherine, guanti protettivi, etc.), 301 mila euro per realizzare servizi di prossimità e domiciliarità tramite le Unità Territoriali per l’Emergenza Sanitaria (UTES), 70 mila euro per finanziare il progetto di Avis Provinciale volto a somministrare il test molecolare ai volontari dei Servizi Sociali e 2 mila euro per sostenere il ricovero in “Covid Hotel” di pazienti stranieri provenienti dai Centri di Accoglienza. I fondi ancora disponibili al termine della ‘prima emergenza’ sono stati utilizzati sia per il progetto Anagrafe della Fragilità realizzato da ATS e Ambiti Territoriali – attraverso il quale si sta realizzando un’importante mappatura dei bisogni sociali della popolazione bergamasca – sia, in parte, sono stati affidati a soggetti del Terzo Settore per finanziare attività rivolte ai bisogni indifferibili o urgenti dei soggetti fragili.

Per implementare progetti di solidarietà utili ed efficaci in poco tempo si sono rivelati indispensabili i Fondi correnti – tra cui #SosteniAMOBergamo –, che, insieme ai Fondi patrimoniali sono gli strumenti di gestione delle donazioni della Fondazione.

COME LA FONDAZIONE FINANZIA I PROGETTI CHE SOSTIENE

In particolare, i Fondi correnti sono utilizzati prevalentemente da enti e istituzioni o reti di organizzazione del Terzo Settore che si propongono di sostenere esperienze di solidarietà, mentre i Fondi patrimoniali rappresentano l’impegno delle persone ‘del territorio per il territorio’ a contribuire al benessere della comunità in modo più strutturato e duraturo. Ad oggi, presso la Fondazione sono stati costituiti 30 Fondi patrimoniali corrispondenti a 5,6 milioni di euro (23 dedicati al sociale pari a 3,6 milioni di euro; 6 per la cultura per 2 milioni di euro; 1 per l’ambiente pari a 76 mila euro) e 8 Fondi correnti con cui sono stati raccolti circa 1,8 milioni di euro ed erogati circa 1,5 milioni di euro.

Il finanziamento della Fondazione della Comunità Bergamasca è reso possibile grazie a  quattro modalità principali: donazioni da parte di Fondazione Cariplo, rendimenti patrimoniali, partenariati, e donazioni pubbliche e private di varia natura. Le risorse ricevute da Fondazione Cariplo – di cui circa il 10% è destinato alle spese di gestione – vengono utilizzate per finanziare progetti principalmente attraverso lo strumento del ‘bando a raccolta’.

IL BANDO A RACCOLTA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DEL DONO

Attraverso lo strumento dei bandi (a raccolta o semplici) e delle erogazioni fuori bando, sono selezionati in modo imparziale e trasparente i progetti più coerenti con le necessità del territorio. Nel 2020 sono stati stanziati 2 milioni di euro (per il 75% da Fondazione Cariplo), con cui sono stati realizzati 12 bandi (75% sociale e 25% cultura) e approvati 182 progetti (53% sociale e 47% cultura). Distintivo della Fondazione della Comunità Bergamasca è il bando a raccolta, che impone all’organizzazione che viene preselezionata nel bando di co-finanziare una parte del progetto attraverso donazioni raccolte all’interno della comunità. Questa scelta non solo apre alla diffusione della cultura del dono – favorendo quei progetti che sono apprezzati dai soggetti beneficiari tanto da esserne in parte finanziati – ma garantisce anche nel tempo la sostenibilità del progetto.

Il bando a raccolta è la cartina di tornasole della capacità di generare solidarietà della comunità bergamasca, come sottolinea Giuseppe Guerini, Vicepresidente della Fondazione Comunità Bergamasca: “Il Bilancio Sociale dovrà sempre più diventare uno strumento capace di rappresentare non solo il lavoro della Fondazione, ma anche essere indicativo delle attività realizzate dal Terzo Settore nella nostra provincia. Dovrà sempre più arricchirsi di dati ed indicatori che possano dare peso e misura al valore sociale creato dalle tante iniziative sociali, culturali, ambientali che alimentano il patrimonio sociale delle nostre comunità. Dati e indicatori che sempre più sono necessari anche a dare ai donatori la certezza che la loro generosità sia valorizzata dalla Fondazione e resa fertile e generativa”.

IL FUTURO DELLA FILANTROPIA SECONDO FONDAZIONE DELLA COMUNITA’ BERGAMASCA

La presentazione alla comunità del primo Bilancio Sociale ha rappresentato per la Fondazione l’occasione per guardare al futuro della filantropia, ad un nuovo stile del fare solidarietà, come spiega Osvaldo Ranica, Presidente della Fondazione Comunità Bergamasca: “Il Bilancio sociale è uno strumento di trasparenza, indispensabile per diffondere fiducia, valore in cui noi crediamo. Senza quella, rischieremmo di essere solo un erogatore di fondi per progetti. Al contrario, noi vogliamo essere motore del cambiamento delle nostre comunità, portare benessere al territorio ed essere un solido punto di riferimento per chi propone e per quanti ricevono solidarietà. La nuova governance della Fondazione – insediata a gennaio di quest’anno – ha inaugurato un nuovo metodo di lavoro, anche se a me piace definirlo un nuovo sguardo sulla realtà. Ancora più attento, responsabile, come esprime il rinnovato Consiglio di Amministrazione, composto da professionisti appassionati e competenti.

Il Bilancio Sociale è anche un’occasione di dialogo con il territorio: ci apriamo all’ascolto e al confronto con gli stakeholder, tenendo conto della pluralità di interessi che convergono nella Fondazione. La Fondazione vuole consolidare la sua presenza sul territorio, che è la cifra per una fondazione di comunità come la nostra. Una presenza che vuole farsi ancora più capillare e, soprattutto, vuole sostenere progetti che siano autentica espressione dei bisogni delle comunità.

Il Bilancio sociale, infine, non serve a dire quanto siamo stati performanti o quanto siamo stati generosi. Serve a dire quanto siamo disponibili a metterci in gioco. È una prima espressione tangibile della responsabilità che noi vogliamo assumerci nei confronti di tutti i nostri interlocutori. Vogliamo lavorare per crescere, avere l’audacia di fare sempre meglio, sempre di più per le persone e per il nostro amato territorio”.

IL SOSTEGNO ALLA CULTURA

Altro principale ambito di intervento di Fondazione della Comunità Bergamasca è la cultura. In 20 anni, Fondazione ha finanziato 17 milioni e mezzo di progetti culturali. Dei 2 milioni e 800 mila euro erogati nel 2020 dalla Fondazione, 683 mila euro hanno supportato 78 progetti culturali. Questo in un anno molto particolare, in cui, per ovvi motivi le erogazioni della Fondazione hanno privilegiato l’ambito sociale. Un impegno preciso, pur nella differenziazione degli interventi, che mantiene come orizzonte di senso quello di rafforzare i legami di comunità, favorire occasioni di incontro tra le persone e intervenire per il contrasto alla povertà educativa. Attribuendo così ad ogni azione nel settore della cultura un respiro più ampio, che produce effetti sul territorio che superano i benefici del restauro di un monumento storico-artistico o dell’organizzazione di un evento culturale. Anche in questo ambito, Fondazione della Comunità Bergamasca non è solo ente erogatore, ma moltiplicatore di risorse, che generano a loro volta un impatto sul territorio di gran lunga maggiore di quelle messe a disposizione.

Simona Bonaldi, Vicepresidente della Fondazione Comunità Bergamasca: “I numeri del supporto alla cultura per l’anno 2020 bene esprimono l’importanza di questo ambito di intervento per Fondazione. Vogliamo continuare a promuovere cultura, creatività, bellezza. Per custodire la memoria storica del nostro territorio, per restituire alla collettività spazi fino a quel momento degradati o poco conosciuti, per ricucire legami tra le persone e le generazioni, per rendere vive le comunità locali e più attrattive verso l’esterno. La cultura genera ricchezza, naturalmente non solo di carattere economico. Nel 2023 Bergamo e Brescia saranno Capitale italiana della Cultura. Un grande onore e un progetto giustamente ambizioso, che dobbiamo saper realizzare al meglio per promuovere le nostre città, così duramente colpite dalla pandemia ma altrettanto attrattive, forti, competitive nel DNA. Fondazione della Comunità Bergamasca, insieme a Fondazione della Comunità Bresciana e Fondazione Cariplo, in grande alleanza e sinergia, metterà a disposizione risorse dedicate con un bando ad hoc, per supportare quei progetti che, nati dal territorio, si pongono come obiettivo quello di costruire legami, promuovere solidarietà e moltiplicare opportunità. Siamo al lavoro per cogliere appieno questa occasione”.

ALLEANZA PROFICUA CON FONDAZIONE CARIPLO

Altro tratto distintivo di Fondazione della Comunità Bergamasca è l’orientamento alla coprogettazione e alla compartecipazione. Enti pubblici, fondazioni, imprese private e istituzioni sono i partner che di volta in volta hanno collaborato proficuamente con Fondazione, consentendole di raccogliere nuove sfide e nuove opportunità, spesso lanciate da Fondazione Cariplo. Nel 2020 è proseguita la collaborazione della Fondazione con i progetti di Welfare in Azione “Invecchiando s’impara” (sull’invecchiamento sano, attivo e positivo), “Distanze ravvicinate” (per la costruzione di legami e corresponsabilità con azioni nelle scuole, con le famiglie e interventi domiciliari a favore di anziani e persone con disabilità) e “Crescere insieme in Valle”, cofinanziato da Impresa Sociale Con i Bambini, rivolto a minori fino a 17 anni per contrastare la povertà educativa.

Giovanni Fosti, Presidente di Fondazione Cariplo, ospite d’onore della Tavola rotonda – moderata da Elisabetta Bani Ordinaria di Diritto dell’Economia e Prorettrice alla Terza Missione e rapporti con il territorio – sul tema Filantropia e territorio: il ruolo delle fondazioni comunitarie, nel dialogo con i Vicepresidenti Simona Bonaldi e Giuseppe Guerini, ha sottolineato il rapporto virtuoso tra Fondazione Cariplo e la Comunità Bergamasca: “In questi 20 anni la Fondazione della Comunità Bergamasca è stata un soggetto privilegiato per la promozione del territorio. Dal 1991, anno della sua nascita, ad oggi, la Fondazione Cariplo ha sostenuto nel territorio bergamasco 1.700 progetti nel campo della cultura, dell’ambiente, della ricerca e dei servizi alla persona, per un totale di 180 milioni di euro, in costante dialogo con la Fondazione della Comunità Bergamasca. A partire dal 2020, la Fondazione comunitaria ha inoltre svolto un importante ruolo di aggregazione di energie e risorse per rispondere alla crisi, mettendo in campo risorse proprie e donazioni raccolte dal territorio. Mettere il territorio in condizione di mobilitare le proprie energie è di fondamentale importanza per Fondazione Cariplo: siamo convinti che per essere efficaci nelle risposte occorra farsi vicino ai problemi delle persone e coinvolgere chi vive la realtà locale.”

Il Bilancio Sociale 2020 – predisposto ai sensi dell’art. 14 del D.Lgs. 117/2017 – è disponibile online sul sito fondazionebergamo.it/bilanci e rapporti al link: https://bit.ly/3INgwOi

La sintesi del Bilancio Sociale 2020, “Tracciamo il futuro. Progettare. Partecipare. Agire” è anch’esso online raggiungibile al link: https://bit.ly/3dLMxbr

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI