Quantcast
Opzione donna, come funziona? - BergamoNews
A cura di

CGIL Bergamo

Le indicazioni

Opzione donna, come funziona?

L’Inca CGIL di Bergamo può aiutarti a capire se hai i requisiti giusti e a fare la domanda

Opzione donna è uno dei possibili modi in cui si raggiungono i requisiti della pensione, senza aspettare il compimento dei 67 anni di età, necessari per la pensione di vecchiaia. Come dice il nome, questa possibilità riguarda solo le lavoratrici.

“Inizialmente il calcolo dell’assegno pensionistico col solo sistema contributivo può sembrare estremamente penalizzante dal punto di vista economico – commenta Emmanuele Comi, direttore del Patronato Inca CGIL di Bergamo – eppure, in alcuni casi, questo pensionamento risulta conveniente. Non solo può permettere l’anticipo della data di pensione di circa 6 anni (e, in alcuni casi addirittura di 8 anni), ma in alcune situazioni, dove lo stipendio si è abbassato notevolmente negli ultimi anni della vita lavorativa, per un part time o per un cambio di posto di lavoro, l’importo calcolato col sistema contributivo potrebbe non solo non essere molto più basso dell’importo calcolato col sistema retributivo, ma potrebbe anche essere più alto”.

Quali sono i requisiti?

Possono richiedere Opzione donna tutte le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1963 e le lavoratrici autonome nate entro il 31 dicembre 1962. In entrambi i casi, occorre aver maturato almeno 35 anni di contribuzione entro il 31 dicembre 2021.

Quando si va in pensione?

Da quando la lavoratrice raggiunge i requisiti richiesti a quando la pensione viene effettivamente versata occorre che sia trascorsa la cosiddetta “finestra”: 12 mesi per le lavoratrici dipendenti, 18 mesi per le lavoratrici autonome.

Come faccio a richiedere la pensione Opzione donna?

I patronati INCA CGIL possono aiutarti a verificare che tu abbia tutti i requisiti necessari, a calcolare l’importo della tua pensione e possono inoltrare per te la domanda. A Bergamo siamo in via Garibaldi 3, mentre qui trovi i recapiti di tutte le nostre sedi nella provincia. Puoi prendere un appuntamento anche inviando una mail a bergamo@inca.it

Per avviare la pratica avrai bisogno di:
– Carta d’identità e codice fiscale
– Eventuale documentazione su riscatti o ricongiunzioni
– Il codice fiscale del coniuge (se sei sposato)
– Il codice Iban del tuo conto corrente

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI