Quantcast
Calo demografico e precariato: le sfide della scuola post pandemia - BergamoNews
Il congresso

Calo demografico e precariato: le sfide della scuola post pandemia

Al congresso di CISL scuola Bergamo rieletta Paola Manzullo. In quattro anni mille nati in meno. A settembre oltre 4000 posti con supplenti

In quattro anni, la popolazione bergamasca ha “perso” oltre 1000 nascite. In proiezione scolastica, questo si ripercuoterebbe sulle iscrizioni del prossimo anno con almeno un centinaio di alunni in meno nelle prime classi. E la situazione, ovviamente sarà destinata a peggiorare con il passare degli anni. Così, il famigerato “inverno demografico” va a incidere pesantemente sul mondo dell’istruzione della provincia e sulla sua capacità occupazionale, e le proiezioni future non lasciano intravvedere inversioni di tendenze.

“Perciò, oggi, se saremo responsabili nella gestione dei fondi del PNRR, potremo con buone probabilità invertire la rotta dando finalmente avvio alle politiche necessarie a supportare le famiglie da un lato e, dall’altro, le politiche volte alla formazione permanente”.

L’appello arriva da Paola Manzullo, segretaria generale di CISL Scuola Bergamo, riconfermata nella sua carica dal congresso che si è svolto venerdì 10 dicembre a Brusaporto.

“Alla luce dei dati riportati – ha detto durante la sua relazione – deve essere chiaro a tutti che se il problema della denatalità, non sarà affrontato con urgenza, ci saranno pesanti ricadute anche sugli organici del personale della scuola: organici che andrebbero a contrarsi e ad aprire la strada ad una permanente, per non dire “selvaggia” mobilità di tutto il personale. Pertanto sarebbe importante avanzare la richiesta della modifica dei criteri della loro assegnazione oggi basati esclusivamente sul numero degli alunni”.

Secondo Manzullo, per elaborare un buon progetto di scuola per il futuro occorrono “importanti investimenti sulla formazione e sulla remunerazione del personale e lavorare perché avanzi un’idea di scuola in grado di dare forza alle relazioni umane, di dialogare, di aprirsi al confronto con le altre agenzie formative e favorire la promozione delle professionalità delle risorse umane fondamentali per lo sviluppo, fino a percorsi di formazione permanente che richiamano le 150 ore degli anni 70’, che consentirono ad un’intera generazione di accedere alla mobilità sociale”.
“Serve dare spazio – continua – a nuove esperienze di scuola per giovani e adulti al fine di acquisire la conoscenza dei nuovi alfabeti e consolidare i valori costituzionali: tali percorsi consentirebbero di attenuare la frattura generazionale che sta avanzando sotto gli occhi di tutti”.

Per mettere in atto un simile progetto, però, CISL Scuola Bergamo ritiene che non si possa più rinviare il momento della stabilizzazione e regolarizzazione della pianta organica dell’insegnamento provinciale.

“Ribadiamo, ancora una volta che la stabilizzazione del personale precario (docente e A.T.A.) non può più essere procrastinata, se non vorremo trovarci anche il prossimo anno con il quadro drammatico che l’avvio di quest’anno scolastico ci ha consegnato”.
Al primo settembre, infatti, tra i docenti erano disponibili per supplenze 3.241 posti (di cui 1.831 posti comuni e 1.410 posti di sostegno) su un organico complessivo di 13.097 posti di cui 2.466 posti di sostegno. Tra il personale ATA, su un totale di 3.479 posti in organico ben 584 erano senza titolari; su 140 scuole solo 45 hanno il DSGA titolare. Ad oggi, ci sono ancora cattedre senza personale assegnato (in particolare mancano docenti di materie scientifiche e tecnologiche e docenti di sostegno con titolo di specializzazione).

“La selezione e la conseguente stabilizzazione di tutto il personale deve camminare di pari passo con quello della formazione sia iniziale che in servizio. Infatti la formazione costituisce una risorsa strategica in quanto consente un costante aggiornamento delle conoscenze dei nuovi alfabeti, oggi fondamentali per rispondere all’esigenza di una vita in autonomia e nello stesso tempo in relazione con gli altri. I nuovi modelli di informazione, infatti, hanno modificato l’ambiente che ci circonda: ambiente dove l’uomo definiva la propria identità e il proprio ruolo. Sarà nostro preciso dovere acquisire piena coscienza della necessità di avanzare proposte in grado di soddisfare sia l’esigenza di una scuola capace di rispondere
opportunamente alla missione richiesta dalle trasformazioni in atto, sia alla valorizzazione del ruolo centrale e del quotidiano impegno profuso da tutto il personale: impegno diffusamente testimoniato anche dalle cronache del lungo periodo pandemico. la scuola da sola, con i soli insegnamenti disciplinari, non ha la forza necessaria per far fronte all’emergenza educativa dovuta, per lo più, al problema della dispersione dei ragazzi”.

Cisl Scuola Bergamo, negli ultimi 15 anni ha avuto una media superiore agli 8.000 iscritti, nonostante la fortissima mobilità e i numerosi pensionamenti. La chiusura dell’ultimo tesseramento parla di 8354 iscritti.
Il congresso di Brusaporto, durante il quale ci sono stati anche gli interventi del segretario nazionale Salvo Inglima, di quella regionale Monica Manfredini e del segretario generale di CISL Bergamo Francesco Corna, ha confermato per la segreteria i ruoli di Antonio Giudici e Pietro Diasparro.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI