I commenti

Premio del Paesaggio 2021, Ribolla e Terzi (Lega): Bergamo orgoglio d’Italia

Alberto Ribolla, deputato bergamasco della Lega e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e l'assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, commentando il riconoscimento del Consiglio d'Europa al progetto sulla biodiversità della Val d'Astino

È ufficiale: il Consiglio d’Europa ha riconosciuto la Valle di Astino, splendido ambito naturale e monumentale incastonato nel cuore della città di Bergamo, con il “Premio Paesaggio d’Europa 2021Landscape Award of the Council of Europe”, premio assegnato ogni due anni alle realtà “che abbiano attuato una politica o delle misure relative alla salvaguardia, la gestione e/o la pianificazione dei paesaggi che dimostrino un’efficacia durevole e possano servire da esempio alle altre collettività attraverso l’Europa”.

“Grande soddisfazione per la notizia del conferimento del Premio del Paesaggio 2021 alla città di Bergamo. Proprio oggi sono impegnato nei lavori della commissione Cultura e Turismo al Consiglio d’Europa a Parigi ed è una vera gratificazione che il progetto della Valle di Astino, al quale va tale prestigioso riconoscimento, ci farà conoscere in tutta Europa. Esso è il frutto di un impegno di squadra, che ha visto le realtà culturali, il Comune e la Regione lavorare insieme per valorizzare un territorio che ora rende orgogliosi non solo noi bergamaschi ma anche tutta Italia” commenta Alberto Ribolla, deputato bergamasco della Lega e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

“Un riconoscimento all’impegno messo in campo da Fondazione Misericordia Maggiore di Bergamo con il supporto della Regione, del Comune, dell’Università e di tutti i soggetti coinvolti in questa grande operazione di recupero e valorizzazione territoriale”. Afferma l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, commentando il riconoscimento del Consiglio d’Europa al progetto sulla biodiversità della Val d’Astino.

“Ho sempre sostenuto con convinzione – sottolinea l’assessore – gli interventi per la rinascita di un luogo magico, strappato all’oblio e riconsegnato alla città. Cultura, coltivazioni biologiche, inclusione sociale”. “Ora Astino e il suo monastero – conclude l’assessore Terzi – sono la vetrina di un esperimento perfettamente riuscito, un modello da replicare altrove, un autentico orgoglio per la città di Bergamo”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI