Quantcast
Transizione energetica, il mondo delle valvole industriali guarda alle prospettive dell'idrogeno - BergamoNews
Al kilometro rosso

Transizione energetica, il mondo delle valvole industriali guarda alle prospettive dell’idrogeno

Il Think Tank ha analizzato il percorso della sostenibilità e su come sia diventato elemento centrale nelle strategie di investimento delle imprese del comparto. La transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio è sollecitata dalle istituzioni a tutti i livelli e rappresenterà la sfida del sistema imprenditoriale italiano del futuro prossimo

Bergamo. Più di centocinquanta operatori da tutta Italia hanno risposto all’invito di Valve Campus per la terza edizione di Think Tank Valve Industry, il confronto che si è tenuto al Kilometro Rosso Innovation Center di Bergamo lunedì 29 novembre e che ha visto gli attori del settore valvoliero confrontarsi sul tema della Transizione Energetica.

A promuovere l’evento è Valve Campus, l’associazione che riunisce i produttori di valvole industriali e di componenti per il settore dell’Oil&Gas e l’industria energetica, con l’obiettivo di
contribuire all’ulteriore valorizzazione della supply chain.

Il cuore del settore pulsa nel territorio di Bergamo, che rappresenta il fulcro di un distretto industriale che, nel raggio di 100 km dalla provincia, genera oltre il 90% della produzione nazionale del comparto. Sono un centinaio, le aziende bergamasche che operano nella supply chain di questo settore, di cui la maggior parte PMI.

Francesco Apuzzo, Segretario e cofondatore di Valva Campus.

La transizione energetica per la Valve Industry
Durante l’ultimo periodo, contraddistinto dalla pandemia e da mutati scenari geo-politici, l’intera industria sta vivendo una fase di riflessione per intercettare e affrontare nuove opportunità, in particolar modo nel settore dell’Oil & Gas e più in generale del panorama energetico. Il Think Tank ha analizzato il percorso della sostenibilità e su come sia diventato elemento centrale nelle strategie di investimento delle imprese del comparto. La transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio è sollecitata dalle istituzioni a tutti i livelli e rappresenterà la sfida del sistema imprenditoriale italiano del futuro prossimo.

Il settore beneficia della ripartenza del tessuto produttivo, testimoniato dai numeri di crescita del fatturato e dell’export, ma sconta ancora l’incertezza legata ai grandi investitori. La supply chain è in prima linea per leggere i nuovi scenari, allo scopo di allinearsi agli obiettivi di sostenibilità a livello globale. La filiera vuole coinvolgere i player di primo piano a livello globale per capire come interpretare la transizione e il flusso dei nuovi investimenti, e di conseguenza comprendere le opportunità per le valvole industriali.

ivs valvole industriali

Alla transizione verso fonti energetiche dal basso impatto ambientale si affianca la ripresa degli investimenti nel settore energetico classico. La domanda di energia sta aumentando e, di conseguenza, la richiesta di idrocarburi seguirà un’analoga tendenza positiva. Da questo contesto emerge che le ESG (Environmental, Social, and Corporate Governance, ovvero le politiche introdotte dalle aziende per l’ambiente e la comunità) risultano sempre più fattori influenti nel direzionare gli investimenti, a prescindere dal tema della transizione.

Il gas rivestirà grande importanza nella gestione della transizione energetica. Ad interpretare un ruolo di primissimo piano sarà l’idrogeno, specialmente alla luce dei fondi che il Pnnr stanzia
per dare impulso allo sviluppo di questa filiera, per una cifra complessiva di circa 3,6 miliardi di euro. Un percorso in cui i grandi player interpreteranno un ruolo chiave nel pianificare non solo
le tecniche di produzione ma soprattutto il trasporto e l’utilizzo della risorsa.

Omar Bedani, Manager Operazioni Commerciali per i settori Fired Heaters, Global hydrogen and Technology di Wood Italiana Srl.

Il comparto locale
Il cuore del settore pulsa nel territorio di Bergamo, che rappresenta il fulcro di un distretto industriale che, nel raggio di 100 km dalla provincia, genera oltre il 90% della produzione nazionale del comparto. Sono un centinaio, le aziende bergamasche che operano nella supply chain di questo settore, di cui la maggior parte PMI.

L’ultimo Osservatorio Confindustria Bergamo-Prometeia “The oil & gas valve industry in Italy” evidenziava come, pre-Covid, il settore produceva un fatturato complessivo di circa 3.2 miliardi di euro a livello nazionale. Le 290 imprese (di cui il 94% PMI) che costituiscono l’industria italiana delle valvole per Oil&Gas rappresentano una delle “eccellenze nascoste” del Made in Italy, il cui contributo è paragonabile a quello garantito da altri settori più noti come ad esempio la maglieria, gli alcolici o il biomedicale. Inoltre, con una quota di fatturato estero pari all’80%, il comparto ha numeri da primato anche per l’export e le imprese italiane produttrici di valvole per l’Oil&Gas si confermano un’eccellenza anche su scala europea: in base agli ultimi dati disponibili, una valvola industriale europea su tre è “Made in Italy”. Il prossimo aprile è prevista la pubblicazione di un nuovo aggiornamento dell’Osservatorio.

ivs valvole industriali

Dal 2015, la Fiera di Bergamo ospita IVS – Industrial Valve Summit, la fiera internazionale dedicata alle valvole industriali e alle tecnologie di flow control. Il prossimo 25 maggio scatterà
la quarta edizione della fiera, che nel 2019 aveva richiamato nel capoluogo orobico quasi 11 mila visitatori e più di 250 espositori, numeri superiori del 36% rispetto alle 8.000 presenze fatte segnare nell’edizione 2017. Gli Organizzatori puntano molto su IVS 2022 come edizione di rilancio del settore, con l’obiettivo di proseguire il percorso di crescita della fiera divenuta
appuntamento fisso per la Valve Industry.

Tra i relatori intervenuti anche Luca Pandolfi, Project Manager di IVS – Industrial Valve Summit e Paolo Mutti – Project Leader del Report innovazione, energia e strategia del Politecnico di Milano.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI