Quantcast
La fimosi nei bambini, l’esperto: “Come riconoscerla e quando è necessaria la chirurgia” - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Salute

L'intervista

La fimosi nei bambini, l’esperto: “Come riconoscerla e quando è necessaria la chirurgia”

Ne parliamo con il dottor Vicenzo Tomaselli, pediatra e chirurgo pediatrico dell'Unità Operativa di Pediatria e Neonatologia del Policlinico San Pietro

Si chiama fimosi ed è un restringimento del prepuzio, ovvero del lembo di pelle che ricopre l’estremità del pene. Fisiologico nei primi anni di vita, nel 90% dei bambini quest’alterazione anatomica si “risolve” in modo spontaneo. Può capitare però che il problema prosegua negli anni oppure insorga in età adulta, provocando bruciore mentre si urina, dolore durante i rapporti sessuali e un maggiore rischio di sviluppare infezioni, con un effetto negativo sulla qualità della vita. Per evitare che questo accada, è importante sin dai primi fastidi affidarsi allo specialista che, stabilita l’entità del problema, deciderà la terapia più indicata per risolverlo e stabilirà se intervenire chirurgicamente. Come spiega il dottor Vicenzo Tomaselli, pediatra e chirurgo pediatrico dell’Unità Operativa di Pediatria e Neonatologia del Policlinico San Pietro, dove è possibile trovare soluzioni mirate per il risolvere il problema della fimosi sia in età pediatrica sia negli adulti.

Dottor Tomaselli, che cos’è esattamente la fimosi?

Anche definita “restringimento prepuziale”, la cosiddetta fimosi è un’alterazione dell’anatomia del prepuzio, cioè del foglietto muco-cutaneo che avvolge l’estremità del pene o glande. Questo restringimento impedisce quindi il corretto scorrimento del prepuzio sul glande. Nei primi anni di vita, questa condizione è una peculiarità della morfologia anatomica genitale maschile e generalmente tende a risolversi in modo spontaneo dopo i 5 anni. Per questo motivo la fimosi non viene considerata di per sé una patologia. Tuttavia, se la condizione persiste, insorge in età adulta o non viene trattata in modo opportuno può comportare delle conseguenze anche gravi e avere un impatto negativo sulla qualità della vita degli uomini che ne sono affetti. La condizione di stenosi (restringimento) del prepuzio non è sempre uguale. Viene infatti classificata in base all’origine del problema e in funzione dell’entità/gravità dello stesso.

Quali sono le categorie di fimosi?

Classificandola in base alla causa d’origine, si può parlare di fimosi congenita, quando il restringimento è presente sin dalla nascita ma generalmente si risolve da solo intorno ai 5 anni. Se persiste però può provocare fastidi e complicazioni. Esiste poi la fimosi acquisita, se la condizione di stenosi si manifesta in età adulta, a seguito di infezioni del glande che provocano cicatrici che aderiscono al prepuzio. In questi casi la minzione, l’erezione e i rapporti sessuali risultano fastidiosi o dolorosi. La fimosi acquisita può dipendere anche da traumi dovuti alla cosiddetta ginnastica prepuziale, ovvero alle manovre di scorrimento della pelle del prepuzio eseguite a volte in modo non corretto. A seconda invece di quanto è esteso il restringimento, si distingue in fimosi parziale e serrata. Nel primo caso la scopertura del glande è parziale e avviene in genere durante l’erezione. Questa condizione potrebbe evolvere in parafimosi o “soffocamento del glande”: il prepuzio si ritrae ma poi rimane “bloccato e arrotolato” sotto al glande. Infine, c’è la fimosi serrata, quando il restringimento del prepuzio è totale ed è impossibile scoprire il glande. Oltre a provocare sintomatologia più intensa, questa condizione genera anche molto imbarazzo e disagio nell’uomo, poiché non permette l’erezione del pene.

Quali sono i sintomi della fimosi patologica?

Nei bambini può comportare qualche fastidio all’atto di urinare. Sintomi più intensi tendono in genere a comparire in età adolescenziale che, nelle forme più gravi, sono disuria (difficoltà nell’urinare), dolore durante le erezioni e difficoltà nei rapporti sessuali. Altra complicazione comune della fimosi è l’insorgenza di infezioni, facilitate dal ristagno di smegma (accumulo pastoso e biancastro di secrezioni prodotte dai genitali maschili) e di urina. Le più frequenti sono balanopostiti, postiti e balaniti in forma acuta. Il prepuzio appare inoltre dolente, talvolta pruriginoso e arrossato. Infine, spesso dal meato uretrale (orifizio che permette la fuoriuscita dell’urina e dello sperma) fuoriesce una secrezione giallastra che crea irritazione.

Come si diagnostica questo disturbo?

Per confermare che la fimosi è patologica è necessario attendere che il bambino compia 5 anni. Se il restringimento prepuziale non si è risolto in modo spontaneo, è fondamentale chiedere il consulto del pediatra. Per la diagnosi non sono necessari esami strumentali, ma basta l’esame obiettivo da parte del medico. In caso di fimosi acquisita con bruciore all’atto della minzione, invece, lo specialista potrà richiedere di eseguire esami delle urine per individuare eventuali tracce di infezione di uretra o vescica.

Quali sono le opzioni terapeutiche in caso di fimosi?

Su indicazione dello specialista, i casi di lieve entità possono essere trattati con terapie locali con pomate a base di cortisone (ad esempio betametasone), utili soprattutto nei bambini per aumentare l’elasticità della pelle. Si possono eseguire inoltre degli esercizi di ginnastica prepuziale, con pochi e delicati movimenti volti a scoprire il glande. È importante però che queste manovre vengano praticate attenendosi alle indicazioni del medico poiché, come detto in precedenza, potrebbero addirittura aggravare la condizione. In caso di fimosi serrata o che comporta un evidente disturbo della minzione, lo specialista potrà decidere di intervenire chirurgicamente con la circoncisione. L’intervento consiste nell’asportazione del prepuzio. Si tratta di una procedura generalmente effettuata in anestesia totale nei bambini e in locale negli adulti e basata sull’utilizzo di punti di sutura in materiale riassorbibile, che si scioglieranno dopo qualche giorno spontaneamente. La circoncisione risulta essere l’intervento più efficace perché, oltre a permettere un rapido recupero delle funzionalità dell’apparato genitale (minzione regolare subito dopo la procedura e ripresa dei rapporti sessuali dopo qualche settimana), comporta anche un minor rischio di infezioni dell’area genitale.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI