La curiosità

Da Colzate al ‘Collegio’ di Rai2, i genitori raccontano Sara: “Sogna di studiare medicina”

È stata scelta presentandosi come “secchiona”: media a scuola del 9,27, tre borse di studio, l’impegno da chierichetta e lettrice in parrocchia, la preghiera tutti i giorni

Colzate. Nel Collegio quest’anno c’è una ragazza della Val Seriana. Che ha vissuto prima a Gazzaniga e ora a Colzate. Sara Masserini ha realizzato il sogno di partecipare alla nota trasmissione di Rai 2, in onda il martedì sera. Che spedisce un gruppo di adolescenti provenienti da ogni parte d’Italia in un collegio del 1977. Sara è stata scelta presentandosi come “secchiona”: media a scuola del 9,27, tre borse di studio, l’impegno da chierichetta e lettrice in parrocchia, la preghiera tutti i giorni.

Dietro lo schermo i suoi primi “tifosi” sono Rossano Masserini e Giovanna Maffeis. Papà e mamma di Sara. “Ci siamo sposati nel 1990 a Gazzaniga – iniziano a raccontare -. Dopo aver vissuto 4 anni a Fiorano al Serio nella casa paterna, ci siamo trasferiti a Gazzaniga, dove abbiamo cresciuto i nostri due figli: Nicola, nato il 18 febbraio del 1991 e Sara, nata il 18 maggio del 2005. Dal 2017 abitiamo a Colzate”.

Giovanna e Rossano descrivono la figlia Sara come “una ragazza che non si ferma mai. Se ha del tempo libero riesce sempre a trovare qualcosa da fare. Frequenta il terzo anno di liceo scientifico scienze applicate con Curvatura Biomedica presso l’Istituto ISISS Valle Seriana a Gazzaniga. A Sara piace leggere, uscire con le amiche a fare shopping e fare sport: pratica nuoto a livello agonistico da molti anni. Nella sua vita quotidiana frequenta l’oratorio e fa parte del gruppo adolescenti”.

 

Sara Masserini

 

Il suo carattere? “È una ragazza determinata: se si pone un obiettivo difficilmente non lo raggiunge. Si impegna in tutto ciò che fa e vuole ottenere sempre il massimo dei risultati. Non si arrende mai e se incontra una difficoltà fa di tutto per superarla. È disponibile ad aiutare gli altri e a mettere in gioco le sue abilità”.

L’idea di partecipare al Collegio è stata una scommessa vinta. “Sara segue il programma da quando è stato messo in onda: lo ha sempre guardato insieme al papà e un po’ per gioco, un po’ per curiosità abbiamo deciso di inviare la candidatura online. Inizialmente avevamo poche speranze che la potessero prendere perché dicevamo: ‘chissà quante altre persone avranno provato’. Invece è riuscita ad essere ammessa. Ha fatto, poi, un casting a Milano e la settimana successiva è arrivata la chiamata per Anagni (luogo in cui è stato girato il programma di Rai 2)”.

I genitori hanno un po’ sofferto la sua distanza nel periodo di registrazione delle puntate. “Nel periodo in cui Sara non era in casa la sua mancanza si è fatta sentire. Mancavano la sua allegria, la felicità che riesce a trasmettere, mancava tutto di lei. È stato difficile sentirla poche volte per telefono, non sapere come stava, come si trovava con i compagni, se mangiava, se dormiva, però eravamo certi che quella sarebbe stata un’esperienza unica che l’avrebbe fatta crescere”. Giovanna e Rossano guardano avanti augurando a Sara il meglio. “Sicuramente sogniamo per lei un futuro pieno di grandi soddisfazioni e ricolmo di felicità. È ancora incerta sull’indirizzo dell’Università che frequenterà dopo il liceo, ma ha già capito che la medicina è il suo campo”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI