Quantcast
Canonica d'Adda: una porzione di Villa Pagnoni diventerà la biblioteca comunale - BergamoNews
Il progetto

Canonica d’Adda: una porzione di Villa Pagnoni diventerà la biblioteca comunale

Acquistati per 300mila euro 500 metri quadrati dell'immobile di proprietà della parrocchia. A breve i lavori di sistemazione per adibire i locali alla nuova destinazione

Canonica d’Adda. Villa Pagnoni diventerà la sede della biblioteca comunale di Canonica d’Adda.

Il Comune ne ha infatti acquistata una porzione di 500 metri quadrati dalla parrocchia San Giovanni Evangelista, investendo 300mila euro.
L’operazione di acquisto si è resa possibile grazie all’esercizio del diritto di prelazione, che offre la possibilità agli enti pubblici interessati, di esercitare una prelazione sull’acquisto di immobili vincolati dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali per il loro valore architettonico, storico ed artistico.

E l’intero complesso di Villa Pagnoni è un pregevole esempio di integrazione tra struttura architettonica e paesaggio circostante: è composta da una villa in stile eclettico ubicata su un terrazzamento del fiume Adda con interni in stile liberty, un giardino in stile romantico che si raccorda al fiume, un belvedere, una grotta e una torretta merlata che funge da osservatorio panoramico sul fiume.

La villa, composta da diversi corpi di fabbrica, ha facciate decorate con affreschi floreali, con graffiti e con medaglioni che raffigurano sei maestri dell’Arte Rinascimentale; il soffitto ligneo della scala dell’edificio più a nord riporta gli stemmi delle casate più nobili del territorio.

La costruzione di Villa Pagnoni risale ai primi secoli dopo l’anno mille, mentre la configurazione attuale è databile attorno alla metà del XIX secolo.

La villa ricalca in parte il sedime dell’antica canonica della Pieve di Pontirolo Vecchio, che ricadeva in un gruppo di caseggiati circondanti l’intero perimetro della chiesa: la collegiata, il cimitero, le prigioni, un ospizio per pellegrini, un mulino; l’abitazione era protetta da un alto muro di cinta.

La porzione in questione di Villa Pagnoni che diventerà del Comune di Canonica, fu acquistata dalla parrocchia a nel 1977 per essere adibita a casa parrocchiale.
Dopo la sua ristrutturazione, terminata nel 1982, fu utilizzata solo per qualche mese dal parroco dell’epoca, che morì improvvisamente nell’aprile del 1983. Dopo tale data, a causa di un lunghissimo contenzioso legale sulla proprietà, di fatto tale immobile non venne mai utilizzato sino alla conclusione della vertenza, giunta solo qualche anno fa.

Nel corso degli ultimi anni, grazie alla disponibilità della Parrocchia e degli altri Condomini di Villa Pagnoni, la porzione di villa in questione e il parco sono stati aperti al pubblico in occasione della mostra “Abdua Fluens”, organizzata nel 2015 dal Comune di Canonica, e della giornata del FAI d’Autunno nell’ottobre 2018.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI