Quantcast
Il dramma di Dalila, morta improvvisamente a 28 anni: "Difficile trovare un senso" - BergamoNews
Alzano lombardo

Il dramma di Dalila, morta improvvisamente a 28 anni: “Difficile trovare un senso”

La febbre alta e lunedì mattina la visita al pronto soccorso, dove le era stata diagnosticata un'infezione. Il dolore della sorella e degli amici

Alzano Lombardo. Si è spenta tra le braccia di mamma Monica e sotto gli occhi di papà Bruno, a soli 28 anni. Dalila Bianchi, da qualche giorno non stava affatto bene. Lamentava un forte dolore alle ossa, ai reni e alla testa. La febbre non voleva saperne di scendere, così intorno alle 6 di lunedì mattina, 22 novembre, è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale di Alzano Lombardo, dove sarebbe rimasta all’incirca 4 ore per effettuare tutte le visite del caso.

Le sarebbe stata diagnosticata una “infezione alle vie urinarie”, riporta la famiglia. Alla giovane sarebbero stati effettuati “gli esami del sangue e una ecografia”, prima di essere “dimessa con una cura con antibiotico da proseguire a casa” racconta la sorella più grande, Valeria, 43 anni. Ma le sue condizioni non sono affatto migliorate. Tant’è che “poco dopo la mezzanotte è morta in casa nel suo letto”, dice sempre la sorella. Nessuna dichiarazione ufficiale arriva per ora dalla direzione dell’Asst Bergamo Est, a cui fa capo l’ospedale di Alzano.

“Le ho fatto un po’ da mamma, vista la differenza di età – confida Valeria -. Dalila era una ragazza ‘sprintosa’, capace, caparbia”. Da quasi 7 anni lavoravano insieme al bar Enjoy di via Europa, insieme all’altra sorella, Roberta, di 31 anni. Dalila aveva due grandi passioni: “Aveva giocato in Serie D a pallavolo – ricorda la sorella maggiore – ed era una tifosa sfegatata della Juventus”. Lo testimoniano le foto sul profilo Facebook, con la maglia dell’ex idolo bianconero Paul Pogba. “Come tante ragazze della sue età – aggiunge ancora la sorella – sognava di fare una famiglia con la persona giusta”.

 

Dalila Bianchi
Dalila Bianchi, a destra, insieme alle sorelle Valeria e Roberta

 

Il bar Enjoy, dove lavorano le sorelle Bianchi, è chiuso per lutto. Lo sarà fino a giovedì, giorno in cui dovrebbe essere celebrato il funerale nella chiesa parrocchiale di Nese. Simona Gualandris è la titolare. “Dalila era una ragazza seria e affidabile, una gran lavoratrice – spiega al telefono -. Teneva molto al locale, quando c’era lei ero sempre tranquilla. È un colpo al cuore, lascia un vuoto incolmabile”.

 

Dalila Bianchi
Dalila Bianchi al lavoro al bar Enjoy

 

Moltissimi i messaggi di cordoglio degli amici sui social. “Penso non ci sia molto da dire in questo momento. Solo grazie, grazie per i momenti passati insieme – scrive una compagna di pallavolo su Facebook -. Tutti gli allenamenti e le partite insieme saranno dei bellissimi ricordi che resteranno impressi nella mia mente e nel mio cuore”. “Fai buon viaggio Dalila… Dai la forza a tutte le persone che ti hanno voluto bene di trovare un senso a tutto ciò”, si legge in un altro. E ancora: “Averti incontrato è stato un piacere. È straziante e fa male, mi mancherai. Ciao Dalila”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
funerale Dalila
Alzano lombardo
“Occhi azzurro cielo, bionda come il sole”: l’ultimo saluto a Dalila, morta improvvisamente a 28 anni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI