Quantcast
Ambiente, questioni di genere e marginalità: le nuove sfide dell’Anpi Bergamo - BergamoNews
Non solo antifascismo

Ambiente, questioni di genere e marginalità: le nuove sfide dell’Anpi Bergamo fotogallery video

Si è aperta la stagione congressuale nelle 26 sezioni del territorio in vista del Congresso provinciale che si svolgerà sabato 22 gennaio 2022

Bergamo. Mercoledì nella Sala Viterbi del Palazzo della Provincia, si è aperta la stagione congressuale dell’Anpi Bergamo con una conferenza stampa che ha visto partecipare il presidente uscente Mauro Magistrati, il vicepresidente Oscar Locatelli, Romina Russo, delegata per la cultura e l’associazionismo della Provincia di Bergamo e la rappresentante di Fridays for Future Bergamo Anna Marinoni.

L’evento ha dato il via alle assemblee nelle 26 sezioni del territorio in vista del Congresso provinciale che si svolgerà sabato 22 gennaio 2022 all’Auditorium di Piazza Libertà e che vede in programma il rinnovo delle cariche dei direttivi, sia nelle sezioni che nel Comitato Provinciale, e la discussione delle nuove linee di azione politica e culturale improntate all’apertura verso nuovi temi e soggetti sociali.

Romina Russo  ha rinnovato il sostegno delle istituzioni a chi, come l’Anpi, “afferma e pratica i valori antifascisti della Costituzione” in un periodo, il nostro, in cui solidarietà e democrazia vengono spesso messe in discussione da nuove forme di fascismo che si insinuano subdolamente nelle piazze e sul web e che non vanno assolutamente sottovalutate. Russo ha confermato, inoltre, il supporto della Provincia a tutte le attività di Anpi Bergamo per mantenere vivo il dialogo con scuole e società civile, di modo che le persone possano sviluppare la capacità di stigmatizzare certe derive fasciste presenti nel territorio, per riaffermare i principi di pace, libertà e uguaglianza promossi dalla Resistenza e dalla Costituzione.

Il presidente Mauro Magistrati ha ribaditol’impegno di Anpi Bergamo nel consolidare la propria missione statutaria, senza però perdere di vista i problemi del presente: “Antifascismo, difesa della Costituzione e memoria della Resistenza partigiana restano i nostri pilastri ma la contemporaneità ci pone di fronte a nuove sfide epocali, con cui anche l’Associazione Partigiani vuole e deve misurarsi,” concentrando la propria attenzione su tre ambiti di grande attualità: l’ambiente, che ha portato alla collaborazione con i ragazzi di Fridays for Future Bergamo, le nuove povertà e questioni di genere. “Stiamo vivendo un momento storico unico e drammatico: gli sconvolgimenti causati dalla pandemia ci impongono una riflessione profonda e l’avvio di nuove visioni e pratiche”, continua Magistrati, che evidenzia la necessità di un cambiamento di cui anche l’Anpi vuole essere parte, proponendo a Bergamo iniziative riguardo crisi climatica, marginalità e violenza di genere e collaborando in sinergia con tutti i soggetti attivi sul territorio che di questi temi si occupano. Un percorso di innovazione e rinnovamento iniziato anche con la nascita della Commissione cultura nel 2016, nell’anno d’insediamento della vecchia presidenza.

Fitto, dunque, il calendario delle iniziative che accompagneranno l’attività congressuale, puntualmente ricordate dal vicepresidente Oscar Locatelli, il quale ha tenuto a precisare che si tratterà di eventi che andranno oltre la forma tradizionale della celebrazione e coinvolgeranno “scuole, associazioni e istituzioni locali, perché i valori dell’antifascismo diventino base di una vera e propria proposta culturale. Libertà e democrazia vanno curate e difese, non sono doni immortali”. In particolare, Locatelli ha voluto ricordare il rinnovato affetto di giovani e donne nei confronti dell’Anpi che, anche grazie a queste iniziative, ha visto aumentare il numero delle iscrizioni.

Oltre a cinque commemorazioni degli eccidi partigiani nei mesi di novembre e dicembre, sono previste diverse proposte all’interno del ciclo di approfondimenti e sensibilizzazione sui neofascismi “Macerie” (soprattutto nel mese di gennaio), con grande partecipazione del pubblico: oltre ai già citati temi caldi, protagonisti degli incontri pubblici organizzati saranno anche aspetti poco raccontati della Resistenza, come il suo legame col colonialismo.

Anpi Bergamo: si apre la stagione congressuale

 

Infine, anche Anna Marinoni, di Fridays for Future Bergamo, ha voluto tracciare la linea d’azione del movimento ambientalista assieme ad Anpi: aprire un dialogo col territorio, individuando i punti scoperti e trovando i gruppi più o meno istituzionali che combattono battaglie simili per avviare una collaborazione. Secondo Marinoni antifascismo è una parola ancora attuale, che ben si sposa con la causa portata avanti da Fridays for Future: “Oggi essere ambientalisti spesso viene presentato come fatto trasversale,” dice, “ma esistono pratiche e presupposti teorici che sono inconciliabili con un ambientalismo coerente nelle sue parti. Parlare di ambiente nei termini di una tutela legata a forme di identità territoriale o di valorizzazione delle tradizioni in senso conservatore e nazionalista non può trovare riscontro nella lotta per la giustizia climatica e sociale portata avanti dal nostro movimento”. Un’idea condivisa anche da Magistrati, che in chiusura ricorda il partigiano Salvo Parigi, “uno dei primi ambientalisti della provincia di Bergamo”, a cui si deve la legge regionale che istituisce i parchi regionali.

 

ANPI_Programma-iniziative_2021-2022

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI